Alfonso Maruccia

Windows, Microsoft contro l'IP pirata

Redmond alla caccia di chi si nasconde dietro un indirizzo IP di Verizon, descritto dalla corporation come responsabile dell'attivazione di un gran numero di copie di Windows 7

Roma - Microsoft ha avviato una causa contro gli individui o le organizzazioni nascoste dietro l'indirizzo IP 74.111.202.30, un canale che secondo Redmond è stato sfruttato per autenticare centinaia di copie di Windows 7. I singoli utenti che usano Windows "pirata" non corrono rischi, lo stesso non si può dire per gli "attivatori" del software.

L'indirizzo IP incriminato è parte del network di Verizon, e Microsoft dice di aver analizzato l'insolitamente alto numero di attivazioni grazie ai suoi strumenti di monitoraggio automatizzati: la comunicazione dell'IP è un atto "volontario" degli utenti che attivano l'OS, ha spiegato Microsoft, e tali dati sono evidentemente preziosi per scovare eventuali operazioni di pirateria commerciale ai danni dell'azienda.

Le copie di Windows 7 attivate tramite l'IP Verizon fanno uso di codici "product key" "rubati" dalla catena di fornitura dell'azienda, dice Microsoft, non sono mai stati distribuiti al pubblico e sono stati adoperati un numero superiore di volte a quelle concesse dalla tipologia di licenza a cui fanno capo.
Gli ignoti pirati dell'IP Verizon rischiano ora di dover ripagare Microsoft dei profitti connessi alle attivazioni di Windows 7, di dover compensare l'azienda per danni e ovviamente ripagare anche i gli avvocati per le spese legali.

La caccia agli IP pirata non è una novità, per Microsoft, e già a dicembre dell'anno scorso la corporation aveva chiesto ad AT&T di fornire gli identificativi dei criminali nascosti dietro un altro indirizzo IP e responsabili per svariate attivazioni pirata di Windows 7 e Office 10.

E per chi fa uso delle copie attivate illegalmente del software Microsoft? La causa di Seattle non riguarda gli utenti finali, una strategia da "vivi e lascia scaricare" tradizionalmente adottata da Redmond e che dovrebbe risultare valida anche per i pirati di Windows 10.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaMicrosoft torna a caccia di piratiLa prossima settimana nascerà una versione aggiornata del proprio sistema antipirateria per Windows, erede della controversa tecnologia Windows Genuine Advantage. Da Redmond si dicono capaci di scovare ogni crack, o quasi
  • AttualitàWindows 10, quale rapporto con i pirati?Microsoft spiega in dettaglio la policy che l'azienda adotterà per gli aggiornamenti a Windows 10 da copie pirata dell'OS: potranno aggiornare anche i pirati, ma Windows continuerà a essere "non autentico"
4 Commenti alla Notizia Windows, Microsoft contro l'IP pirata
Ordina
  • Appunto, così avevano detto a chiare anzi tutt'altro che chiare lettere.

    Chi ha Win7 piratato può aggiornare gratuitamente a win10. O no? Resta pirata... si ma usa tranquillo.... si ma non ha licenza originale... si ma dopo un anno magari... ma no, e tutto gratis... MA NO, CHI LO DISSE MAI?

    Notizie che si rincorrono e si avviluppano, pur di far parlare di questo divino globale definitivo Win10.

    Insomma, che senso ha far finta di dar la caccia ad attivatori non convenzionali di Win7 se poi chi ha Win7 piratato ottiene comunque Win10?

    Ma lo scopo non è quello di diffondere con qualunque mezzo il più possibile il divino, il grande, l'unico, il definitivo WIN migliore di sempre? E allora porta pazienza M$, lascia piratare e generare pirateria liberamente, più ce n'è più passano a Win10 Gratis! O no?
  • il problema è che chi ha attivato quelle chiavi probabilmente le ha vendute come originali, ergo qualcuno ci ha guadagnato vendendo chiavi non sue.
    Normale che MS voglia vederci chiaro, cose simili succedono anche nel mondo dei videogiochi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: NONMeLoDIR3
    > il problema è che chi ha attivato quelle chiavi
    > probabilmente le ha vendute come originali, ergo
    > qualcuno ci ha guadagnato vendendo chiavi non
    > sue.

    Per uno che vende ci vuole uno che compra.
    E quindi tu ipotizzi che qualcuno abbia comprato incautamente qualcosa che si poteva ottenere gratuitamente dal canale ufficiale?
  • Originali?
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Copie autorizzate vuoi dire...
    Nel "mondo digitale" il concetto di "copia" e "originale" non esistono affatto.
    non+autenticato