Claudio Tamburrino

Greenpeace, lo streaming che inquina

Il rapporto dedicato alle fonti di energia impiegate dai colossi dell'IT riconosce gli sforzi del settore. Anche se naturalmente c'è ancora molto da fare, soprattutto con lo streaming che preme sui consumi

Greenpeace, lo streaming che inquinaRoma - La nuova edizione dello studio ideato da Greenpeace per monitorare i comportamenti assunti dalle società ICT e la relativa attenzione all'impatto sull'ambiente derivato dalle loro scelte, ha fotografato il livello di impegno assunto da queste e cercato di leggere il trend del settore.

Il quadro, in realtà, sembra molto confortante: la maggior parte delle aziende del settore - tra cui Apple, Facebook e Google - si dimostrano tra i protagonisti degli sforzi tesi a sfruttare energie rinnovabili per alimentare le loro infrastrutture server ed i loro impianti.
Dalla parte dei cattivi restano invece Amazon, HP, eBay e Oracle, che con l'azienda Dupont Fabros condivide le ultime posizioni.

Nel dettaglio il rapporto mette il luce come Oracle si affidi ancora in gran parte ai combustibili fossili per sostenere i suoi tre principali impianti in Texas, Colorado e Utah, mentre Dupont Fabros - che fornisce servizi data center ad importanti realtà come Microsoft, Yahoo, Dropbox e Zynga - si appoggia soprattutto al nucleare.
Allo stesso modo, si legge nel rapporto, Amazon dovrebbe fornire informazioni più dettagliate sulle sue fonti di energia e sui suoi programmi rispetto di conversione all'energia verde. In particolare in rapporto al suo progetto di sviluppo di impianti per i servizi cloud.
Questo - spiega Gary Cook di Greenpeace - dovrebbe d'altronde essere un fattore di "preoccupazione anche per i suoi clienti, tra cui Netflix e Pinterest che da Amazon dipendono completamente per le proprie operazioni online".

Ai vertici della classifica a primeggiare è Apple: la Mela - che negli anni passati era stata pesantemente pungolata da Greenpeace per l'utilizzo di componenti inquinanti nella produzione dei suoi dispositivi - ha col tempo avviato un sostanziale processo di revisione che l'ha portata ad affidarsi al 100 per 100 ad energia pulita, grazie anche alla sua distesa di pannelli solari nel Nord Carolina. Da ultimo Cupertino ha anche esteso la sua iniziativa verde soprattutto in Cina, dove ad esempio di recente ha stretto un accordo con la World Wildlife Fund (WWF) per un progetto di protezione delle foreste.

Molto bene fa anche Google, che ha investito e continua ad investire nel suo progetto di trasformazione all green dei suoi impianti: da ultimo ha messo a disposizione 300 milioni di dollari per un progetto legato ad impianti di produzione di energia solare.

Nonostante tutti questi impegni, d'altronde, il crescente sviluppo della domanda di streaming ed il peso che questo ha sul traffico dati rischia di rendere inefficienti gli sforzi profusi dalle aziende, spingendo verso un ritorno al passato ed alle fonti di energia maggiormente inquinanti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàApple, una Mela sempre più verdeIn occasione dell'Earth Day il logo cambia colore e Cook preme sull'acceleratore delle rinnovabili. Inoltre, Apple offre servizi per agevolare il riciclo dei suoi prodotti non più utilizzati dagli utenti
  • TecnologiaGreenpeace e la nuvola più pulitaIl rapporto sulle fonti di energia premia Cupertino e certifica i progressi di Facebook. Google non convince, male Amazon e Microsoft, ma la peggiore è Twitter
32 Commenti alla Notizia Greenpeace, lo streaming che inquina
Ordina
  • Ai vertici della classifica a primeggiare è Apple: la Mela - che negli anni passati era stata pesantemente pungolata da Greenpeace per l'utilizzo di componenti inquinanti nella produzione dei suoi dispositivi - ha col tempo avviato un sostanziale processo di revisione che l'ha portata ad affidarsi al 100 per 100 ad energia pulita




    poi vai a vedere che tutti i prodotti apple sono fatti in cina, e come mai greenpeace non c'è andata a vedere che fonti di energia usano in queste fabbriche?
    non+autenticato
  • - Scritto da: jacob
    > Ai vertici della classifica a primeggiare è
    > Apple: la Mela - che negli anni passati era stata
    > pesantemente pungolata da Greenpeace per
    > l'utilizzo di componenti inquinanti nella
    > produzione dei suoi dispositivi - ha col tempo
    > avviato un sostanziale processo di revisione che
    > l'ha portata ad affidarsi al 100 per 100 ad
    > energia
    > pulita
    >
    >
    >
    >
    > poi vai a vedere che tutti i prodotti apple sono
    > fatti in cina, e come mai greenpeace non c'è
    > andata a vedere che fonti di energia usano in
    > queste
    > fabbriche?


    Inoltre: si è considerata anche l'incidenza di spreco energetico della loro politica di voler promuovere a tutti i costi il cloud anche dove non necessario, facendo girare in Rete quell'enorme traffico?
  • Lo streaming distrugge il pianeta! Va abolito e messo fuori legge!Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video
    > Lo streaming distrugge il pianeta! Va abolito e
    > messo fuori legge!
    >Indiavolato


    Netflix in Italia a Natale con un prezzo di 7,99 euro al mese

    http://www.tomshw.it/news/netflix-in-italia-a-nata...
    non+autenticato
  • - Scritto da: DconsfGsXyA
    >
    > Netflix in Italia a Natale

    Fantascienza! Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video
    > - Scritto da: DconsfGsXyA
    > >
    > > Netflix in Italia a Natale
    >
    > Fantascienza! Indiavolato

    Si, c'e' anche il canale coi film di fantascienza.
  • Sai che ridere con le connessioni italiane.
  • Beh con la mia ancora ancora...
    http://www.speedtest.net/my-result/4324983031
    A bocca aperta
    con la tua mi sa di no......
    Ma so bene che sono un "privilegiato"
    Alla esosa cifra di ben 20 euri/mese.
    Occhiolino
    non+autenticato
  • fortunato tu, ma purtroppo non è la prassiTriste
  • - Scritto da: 6 giaguar
    > Beh con la mia ancora ancora...
    > http://www.speedtest.net/my-result
    > A bocca aperta
    > con la tua mi sa di no......
    > Ma so bene che sono un "privilegiato"
    > Alla esosa cifra di ben 20 euri/mese.
    > Occhiolino

    Sappi che ti odio.
    Da morire.A bocca aperta
  • - Scritto da: 6 giaguar

    > Beh con la mia ancora ancora...
    > http://www.speedtest.net/my-result
    > A bocca aperta

    Tieniti il tuo streaming, io mi tengo i miei downloads.
    non+autenticato
  • io non uso lo streaming.
    non+autenticato
  • - Scritto da: DconsfGsXyA
    > - Scritto da: Pianeta Video
    > > Lo streaming distrugge il pianeta! Va
    > abolito
    > e
    > > messo fuori legge!
    > >Indiavolato
    >
    >
    > Netflix in Italia a Natale con un prezzo di 7,99
    > euro al
    > mese
    >
    > http://www.tomshw.it/news/netflix-in-italia-a-nata

    meglio popcorn time
    non+autenticato
  • Anche i server di Greenpeace si appoggiano a fonti fossili oppure nucleari:

    http://www.datacenterknowledge.com/archives/2010/0.../

    Non so se dal 2010 a oggi qualcosa é cambiato, ma propenderei per il no. Sono troppo impegnati a guardare il consumo energetico degli altri per vedere il proprio.
  • - Scritto da: Leguleio
    > Anche i server di Greenpeace si appoggiano a
    > fonti fossili oppure
    > nucleari:
    >
    > http://www.datacenterknowledge.com/archives/2010/0
    >
    > Non so se dal 2010 a oggi qualcosa é cambiato, ma
    > propenderei per il no. Sono troppo impegnati a
    > guardare il consumo energetico degli altri per
    > vedere il
    > proprio.
    Anche perchè forse il "proprio" considerate le dimensioni è tutto sommato del tutto irrilevante quanti server usa greenpeace e quanti amazon ecc.?
    non+autenticato
  • > > Non so se dal 2010 a oggi qualcosa é cambiato,
    > ma
    > > propenderei per il no. Sono troppo impegnati a
    > > guardare il consumo energetico degli altri per
    > > vedere il
    > > proprio.

    > Anche perchè forse il "proprio" considerate le
    > dimensioni è tutto sommato del tutto irrilevante
    > quanti server usa greenpeace e quanti amazon
    > ecc.?

    Francamente non capisco l'obiezione. Il principio che divide fonti fossili e di origini nucleari è chiaro. E si applica anche a chi usa una stufetta a carbonella per scaldare la casa di campagna quando ci va ogni tanto.
  • - Scritto da: Leguleio
    > Francamente non capisco l'obiezione. Il principio
    > che divide fonti fossili e di origini nucleari è
    > chiaro.

    Però va sottolineato anche il fatto che l'energia elettrica di origine nucleare è annoverata tra quelle carbon-free zero-emission.

    Infatti da quando il giappone ha spento le centrali (post Fukushima) ha dovuto sopperire col carbone ed ha incrementato moltissimo le emissioni di CO2 sforando alla grandissima gli impegni del protocollo di Kyoto.
  • > > Francamente non capisco l'obiezione. Il
    > principio
    > > che divide fonti fossili e di origini nucleari è
    > > chiaro.
    >
    > Però va sottolineato anche il fatto che l'energia
    > elettrica di origine nucleare è annoverata tra
    > quelle carbon-free
    > zero-emission.

    Non da Greenpeace. Il loro green è più green del tuo.Sorride



    > Infatti da quando il giappone ha spento le
    > centrali (post Fukushima) ha dovuto sopperire col
    > carbone ed ha incrementato moltissimo le
    > emissioni di CO2 sforando alla grandissima gli
    > impegni del protocollo di
    > Kyoto.

    La nazione che ha dato ospitalità alla conferenza per il protocollo è quella che fa peggio. Le contraddizioni del sistema.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Francamente non capisco l'obiezione. Il principio
    > che divide fonti fossili e di origini nucleari è
    > chiaro. E si applica anche a chi usa una stufetta
    > a carbonella per scaldare la casa di campagna
    > quando ci va ogni
    > tanto.
    Il principio non fa quantità quindi non è rilevante nel caso specifico.
    loro hanno 1 server non centinai di migliaia dice nulla il rapporto 1 su 100000?
    Fanno 5 ordini di grandezza a casa mia e a casa tua pure.
    E siccome questo FA LA DIFFERENZA e non la fa in termini morali o di principio ma in termini di roba che danneggia l'ambiente che è mio e tuo uso la BILANCIA.
    Mi pare assai semplice si chiama realismo.
    non+autenticato
  • Non ho visto nessuno mettere in dubbio la differenza dei server utilizzati da Green Peace e quelli di chiunque tu voglia, esiste una cosa però che si chiama coerenza, secondo la quale non si dovrebbe andare in giro a fare le pulci a chiunque quando per primi si è in difetto, che tu sia una formica od un mulino a vento la coerenza è la stessa.
    non+autenticato
  • La coerenza non c'entra una fava salvo che è molto facile pretenderla dagli altri e molto più difficile pretenderla da se stessi.
    Vediamo un pochino ad esempio se hai un certo numero di "data center" decidi tu come li alimenti oppure no?

    Se invece vai da un provider di hosting e affitti un server (uno) decidi tu o decide LUI (non tu) alimenta le migliaia di server che ha nei suoi locali?

    Sei sicuro che hai una scelta?

    E se la scelta non ce la hai e trovi il pierino stupidino che ti pianta la tomella sulla coerenza sei sicuro che non ti incazzi col pierino?

    Ci arrivi oppure no?
    non+autenticato
  • Libero di incazzarti senza problemi, come io mi sento libero di dire che il sondaggio posto in questi termini manca di coerenza, non la pretendo da nessuno e non pretendo con arroganza che gli altri accettino il mio punto di vista.
    non+autenticato
  • Quindi troveresti coerente un Parolisi che bacchetta degli assassini seriali !? Newbie, inesperto
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > Non so se dal 2010 a oggi qualcosa é
    > cambiato,
    > > ma
    > > > propenderei per il no. Sono troppo
    > impegnati
    > a
    > > > guardare il consumo energetico degli
    > altri
    > per
    > > > vedere il
    > > > proprio.
    >
    > > Anche perchè forse il "proprio" considerate
    > le
    > > dimensioni è tutto sommato del tutto
    > irrilevante
    > > quanti server usa greenpeace e quanti amazon
    > > ecc.?
    >
    > Francamente non capisco l'obiezione. Il principio
    > che divide fonti fossili e di origini nucleari è
    > chiaro. E si applica anche a chi usa una stufetta
    > a carbonella per scaldare la casa di campagna
    > quando ci va ogni
    > tanto.

    L'obiezione l'hai capita benissimo, francamente non capisco la tua obiezione dell'obiezione.
    Il principio si applica anche a chi inquina in modo trascurabile, ma proporzionalmente saranno trascurabili i suoi effetti negativi e di conseguenza le colpevolizzazioni in merito.
    Il principio si applica anche alla pipa che fumi nel tuo avatar?