Oracle infila il Web nel database

La nuova tecnologia basata sul Web permetterà alle aziende di trattare, attraverso i loro database, una grande varietà di informazioni di tipologie diverse

Denver (USA) - La rivoluzione si chiama Internet File System (IFS), una tecnologia che permetterà alle aziende di immagazzinare nei loro database 150 differenti tipi di contenuti: dall'audio al video, a moltissimi formati di documento (Word, Excel, ecc.).

Questa tecnologia sarà una chiave fondamentale del nuovo database di Oracle incentrato su Internet, l'8i, che conterrà dunque al suo interno un vero e proprio file system slegato da quello del sistema operativo. In questo modo basterà connettersi via Web al database aziendale per navigare all'interno del file system, recuperare dati, modificarli, svolgere sofisticate ricerche in tempi molto più veloci e accedere a cataloghi di risorse Internet distribuite.

E ' facile immaginare come questa nuova generazione di database possa finire per inglobare al suo interno interi siti Web, comprese tutte le pagine HTML ed il loro contenuto multimediale.
Lo scotto da pagare sarà il necessario potenziamento dei server contenenti il database, aggiornamenti che richiederanno da parte delle aziende l'esborso di cifre non trascurabili.
TAG: mondo