Gaia Bottà

Google I/O è tutto mobile

Alla conferenza di San Francisco, il futuro di Android M tra pagamenti e migliorie in termini di privacy e gestione della batteria. Project Brillo è una conferma, così come l'interesse di Google per le esperienze VR. Per utenti e sviluppatori, c'è già molto da testare

Google I/O è tutto mobileRoma - Quasi mezzo mondo è connesso, lo affermano le stime ufficiali, lo ribadisce Google: a portare la connettività nelle aree più remote del mondo, a innervare la vita dei miliardi di utenti iperconnessi è il mobile. Google definisce questa tendenza una "rivoluzione", e Sundar Pichai, Vicepresidente senior ai prodotti della Grande G, non esita nel rimarcare i meriti di Android: gli utenti del sistema operativo, dal 2008 ad ora, sono cresciuti fino a superare il miliardo, serviti dai 4mila dispositivi Android sul mercato prodotti da oltre 400 aziende diverse. Smartphone e dispositivi indossabili, automobili e TV, per arrivare a tutti gli oggetti connessi: Google I/O 2015 è quasi tutto per Android.


Atteso da sviluppatori e utenti, sul palco del Moscone Center di San Francisco ha debuttato Android M, la prossima iterazione del sistema operativo: in arrivo nel terzo trimestre del 2015, già disponibile in versione Developer Preview con emulatori e download da testare per dispositivi Nexus (Nexus 5, Nexus 6, Nexus 9 e Nexus Player), reca con sé molte delle novità su cui si erano infittite le indiscrezioni.

Doze assolverà alla promessa di migliorare le prestazioni della batteria, limitando le funzioni del dispositivo quando i sensori a bordo rileveranno l'inattività e arrivando a raddoppiare i tempi di durata di un tablet Nexus 9. Sul fronte invece dei tempi di ricarica, Google promette riduzioni di 3 o 4 volte quelli attuali con l'introduzione del supporto allo standard USB Type-C, già a bordo del lussoso Chromebook Pixel.
Sul fronte invece delle promesse in materia di flessibilità e privacy a favore dell'utente, Google annuncia un nuovo sistema di permessi per le applicazioni: una nuova dashboard servirà a concedere e revocare gli accessi alle diverse funzioni. Si tratta di una nuova sfida per gli sviluppatori, che dovranno confrontarsi con le esigenze di utenti a cui va garantita più libertà. A favore di utenti e sviluppatori gioca anche il sistema delle custom tab di Chrome, utili a personalizzare l'esperienza di navigazione Web in-app e a rendere più morbida la transizione dall'applicazione ai contenuti sui siti a cui indirizzano, e il sistema di deep linking per le app, che consente di indirizzare l'utente da un sito al contenuto reso disponibile nel contesto di un'applicazione.


Le novità più evidenti associate ad Android M, poi, saranno il vociferato Android Pay che permetterà di pagare con un solo gesto e in sicurezza presso i numerosi store convenzionati, a mezzo NFC, e nel contesto nelle applicazioni, online. Il supporto a livello OS ai lettori di impronte digitali come strumento di autenticazione, annunciato nelle scorse ore, non sarà solo appannaggio della piattaforma Android Pay, né al servizio dello sblocco dei terminali: Google metterà a disposizione API per incoraggiare gli sviluppatori ad integrarlo nelle loro app.


Gli utenti, con Android M potranno poi contare sull'evoluzione di Google Now in Now on tap: il servizio di assistente digitale, reso più intuitivo nell'anticipare le esigenze dell'utente, potrà essere invocato anche nel contesto di applicazioni e pagine web, affinché interagisca con i contenuti e consenta di agire o di informarsi in maniera più efficiente.

In attesa dell'avvento di Android M, fin da subito è disponibile poi l'app Inbox per semplificare la gestione della posta su Android e iOS e, trasversalmente su tutti i dispositivi, il nuovo servizio dedicato alle foto e ai video scisso come previsto da Google+, capace di razionalizzare la galleria fotografica sulla base di algoritmi di machine learning, gestirla nel rispetto della privacy, reinventarla in collage e montaggi, condividerla e ospitarla sulla nuvola in alta qualità gratuitamente e senza limiti di spazio.


Sul fronte degli sviluppatori, invece, Google ha sfoderato una nuova versione di Android Studio con supporto a C/C++ (v1.3 Preview), strumenti per il design delle app Android in linea con Material, la versione 7.5 di Google Play Services, Polymer 1.0, strumenti per il testing come Cloud Test Lab e molto altro.

Se l'evoluzione di Android Wear prosegue lineare, nel prossimo futuro poi emergeranno i dettagli di Project Brillo, piattaforma derivazione di Android dedicata alla IoT che si declinerà con un sistema di certificazione per i dispositivi e con strumenti da affidare agli sviluppatori che la useranno da base per proporre i propri prodotti e servizi.


Come previsto, novità in vista anche sul fronte della realtà virtuale, con l'evoluzione di Cardboard con SDK con supporto anche a iOS, e i video stereoscopici creati con Jump, anche con la collaborazione con GoPro, nonché le esperienze immersive nell'ambito dell'istruzione, Expeditions.


Gaia Bottà
Notizie collegate
108 Commenti alla Notizia Google I/O è tutto mobile
Ordina
  • Non è colpa mia se il grosso del popolino nasce ovino, se dovessi togliere loro il cappio dal collo correrebbero immediatamente alla ricerca di un nuovo padrone.

    Fra i predatori la partita si gioca su chi ha il cappio più belloCon la lingua fuori.
    non+autenticato
  • L'importante è che tutta la vostra vita ci appartenga. (e mobile è meglio perchè monitoriamo anche gli spostamenti oltre a tutti i fatti vostri, la vs. impronta vocale, le vs. impronte digitali, il conto bancario e chi più ne ha più ne metta)
    non+autenticato
  • 1

    Le societa' preistoriche vivevano al massimo 30\35 anni ma lavoravano solo 3\4 ore, oggi vivi fino a 75 anni ma lavori 8/10 ore al giorno, sei completamente stressato e la tua vita non ti appartiene piu', e' sempre in mano ad altri: dallo schiavismo l'uomo non si e' mai affrancato ma si e' sempre evoluto invece in altre mille forme.

    2

    Le vere tecnologie (non la fuffa) non hanno mai portato nessun beneficio all'umanita', procurano solo infelicita': in america nazione ultratecnologica un cittadino su due fa uso di psicofarmici, il numero dei suicidi e' aumentato in tutto il mondo

    ecco alcuni esempi:

    la lavatrice si diceva che avrebbe dato piu' tempo libero alla donna e' veramente successo cosi'?

    l'automobile e i trasporti? sono diventati tutti pendolari, oltre a lavorare 8 ore al giorno si e' costretti a passare magari 2 ore in automobile

    la luce artificiale? e' arrivato il lavoro notturno e il lavoro a ciclo continuo ricordati che il caffe' e' stato importato in massa dall'america per aiutare i lavoratori a tenersi svegli

    i soldi inventati per evitare le triangolazioni nei baratti cosa hanno favorito?

    gli sviluppi della fisica? le testate atomiche? la sua totale autodistruzione

    gli sviluppi della chimica? un inquinamento senza precedenti, una volta i miei avi potevano tranquillamente fare un bagno nel fiume vicino a casa mia e pescare i pesci con le mani io non posso piu' farlo e i pesci sono un lontano ricordo

    i sistemi digitali e piu' in generale l'elettronica oltre a tutti i guai che tu citi, una nuova forma di controllo globalizzato: uno a caso ti cancello dal motore di ricerca e tu non esisti piu', non ha aumentato anche a dismisura l'isolamento sociale, la pigrizia fisica e mentale, l'obesita'?
    non+autenticato
  • Luddismo is over 9000
  • E' la storia e sono fatti prendiamo un punto qualsiasi : il fiume e' morto e per tutta la mia vita non potro' ne fare un bagno e neppure bere dalle sue acque a causa di aziende che adesso nemmeno esistono piu',
    rimanendo in tema con il post con il telefono non sei tracciato 24hr al giorno? google non scansiona tutte le tue email? aggiungiamo un backup automatico direttamente nei loro server con il nuovo programma? perche' mai non posso scegliere dove salvare i miei dati dove piu' mi aggrada senza passare da loro? non darmi motivazioni tecniche la piu' piccola memoria oggi puo' contenere intere enciclopedie
    non+autenticato
  • Per tutti quelli che "io uso iFanbox":

    http://www.theguardian.com/technology/2014/nov/04/...

    fate prima a cercare su icloud, magari vi hanno anticipato... risparmiate la fatica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: wozzy
    > Per tutti quelli che "io uso iFanbox":
    >
    > http://www.theguardian.com/technology/2014/nov/04/
    >
    > fate prima a cercare su icloud, magari vi hanno
    > anticipato... risparmiate la
    > fatica.
    feko... han fatto incazzare pure Matthew Green ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: wozzy
    > Per tutti quelli che "io uso iF a nbox":

    > http://www.theguardian.com/technology/2014/nov/04/
    >
    > fate prima a cercare su icloud, magari vi hanno
    > anticipato... risparmiate la
    > fatica.

    1) non vedo riferimenti ad ifunbox nell'articolo, che cosa c'entra la tua frase a riguardo?
    2) non ho account iCloud, è un po' difficile che ci trovi qualcosa.
    3) iFunbox lo faccio girare su un netbook offline adibito a giochini e cazzate, previo avvio del servizio Apple, e finito di usarlo, chiudo il servizio e lo imposto come disattivato.
    non+autenticato
  • allora
    apple no
    android no
    cosa devo comprare?
    indicatemi un modello che non ti trolla i dati che non sia del 1800 pero'
    non+autenticato
  • - Scritto da: gas
    > allora
    > apple no
    > android no
    > cosa devo comprare?
    > indicatemi un modello che non ti trolla i dati
    > che non sia del 1800
    > pero'
    un cyanogenmod senza g.apps.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: gas
    > > allora
    > > apple no
    > > android no
    > > cosa devo comprare?
    > > indicatemi un modello che non ti trolla i dati
    > > che non sia del 1800
    > > pero'
    > un cyanogenmod senza g.apps.


    alcuni ti segano le garanzia se fai cosi' samsung ha il knox
    non+autenticato
  • - Scritto da: gas
    > allora
    > apple no
    > android no
    > cosa devo comprare?
    > indicatemi un modello che non ti trolla i dati
    > che non sia del 1800
    > pero'

    android senza app di google o android liscio rootato in cui metti in blacklist gli ip che non vuoi, non è alla portata di tutti, ma chi se ne frega dei niubbi...
    non+autenticato
  • Il backup del device in Android M è automaticamente abilitato e connesso al cloud di Google (non esiste opzione per backup su file o su pc connesso!).

    Vi ruba rubrica, impostazioni, PASSWORD DELLE VOSTRA RETE WI-FI, e tante altre belle cose a vostra insaputa.
    Le fa uscire dalla UE, le da in pasto agli spioni e ne perderete per sempre il controllo

    Avanti tutta con Google!
    non+autenticato
  • Ruba la rubrica?
    qualsiasi smartphone con qualsiasi sistema operativo backuppa in cloud rubrica ecc..
    Non è google il problema, se la pensi così non devi utilizzare nessun servizio cloud..
    non+autenticato
  • Eh si , lo fanno gli altri e partono i soliti commenti .... lo fa Google .... "eh ma succede con tutti".

    Annoiato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Eh si , lo fanno gli altri e partono i soliti
    > commenti .... lo fa Google .... "eh ma succede
    > con
    > tutti".
    >
    > Annoiato

    http://gizmodo.com/5885321/how-iphone-apps-steal-y...

    No, dico... non ti saranno mica venuti dei dubbi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Eh si , lo fanno gli altri e partono i soliti
    > commenti .... lo fa Google .... "eh ma succede
    > con
    > tutti".
    >
    > Annoiato
    Buono tu che c'è il messaggino col crash a comando che ti aspetta al varco.
    http://punto-informatico.it/4249350/PI/News/apple-...
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > CVD Annoiato
    Immagino che lo sbadiglio sia l'attesa che si scarichi la batteria e smetta di fare reboot....
    A bocca aperta
    Avvertici quando succede.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Eh si , lo fanno gli altri e partono i soliti
    > commenti .... lo fa Google .... "eh ma succede
    > con
    > tutti".
    >
    > Annoiato

    I commenti partono perché i macachi credono di non essere toccati da simili problemi, credono di essere diversi.
    Funz
    13000
  • E da cosa deduci che il primo commento sia scritto da un macaco ? Dal fatto che critica Google ?

    Comunque credo che solo ruppolo avrebbe il coraggio di credere che Apple sia infallibile.

    E' un po' come dar credito a Panda Rossa quando parla di MS o Apple.