Kazaa sotto attacco, sequestri e perquisizioni

Succede in Australia dove il braccio operativo delle major ha ottenuto il permesso da un tribunale di compiere un raid negli uffici di Sharman Networks e altri soggetti, per recuperare prove con cui inchiodare la mamma di Kazaa

Sidney (Australia) - Agenti di una divisione operativa dell'industria discografica australiana hanno compiuto nei giorni scorsi un blitz negli uffici di Sharman Networks, la societÓ che distribuisce Kazaa, alla ricerca di documenti e prove che consentano alle major di portare Sharman in tribunale e farla condannare.

La singolarissima operazione investigativa si deve al fatto che un tribunale federale australiano ha autorizzato la MIPI (Music Industry Piracy Investigations) a compiere una operazione che Ŕ solitamente effettuata da forze di polizia. MIPI Ŕ il braccio operativo dei discografici australiani, e tra i nomi che lo sostengono ci sono tutte le major.

Oltre a perquisire gli uffici di Sharman, MIPI ha anche compiuto operazioni di sequestro nelle case di due dirigenti dell'azienda, presso alcuni provider di servizi internet e in tre universitÓ australiane. Il direttore MIPI, Michael Speck, ha dichiarato che giÓ domani partirÓ una nuova denuncia contro Sharman. "Questa operazione - ha spiegato Speck - Ŕ un chiaro segnale per i pirati internet australiani che il gioco Ŕ finito".
"Kazaa - ha attaccato Speck - ha costruito un business internazionale incoraggiando e autorizzando la copia illegale da parte degli utenti musicali sui propri network. Consente questa duplicazione senza chiedere licenza o permessi a chi possiede o a chi crea quella musica, nÚ paga alcuna royalty agli autori o ai detentori del diritto d'autore".

Da parte sua Sharman fa buon viso a cattivo gioco, attaccando l'operazione come "inutile e dispendiosa" e bollando la posizione delle major in Australia come un "colpo basso per screditare Sharman Networks e il software Kazaa" dopo "una serie di decisioni nel mondo che hanno fermato il tentativo dell'industria di distruggere la tecnologia peer-to-peer". Secondo Sharman ritenere che la diffusione di Kazaa significhi aiutare la pirateria rappresenta una "rappresentazione grossolanamente errata".
TAG: cybercops
42 Commenti alla Notizia Kazaa sotto attacco, sequestri e perquisizioni
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)