Alfonso Maruccia

Windows 10, hardware e numeri

Microsoft presenta i nuovi dispositivi che verranno commercializzati assieme all'OS e dispensa numeri variamente assortiti. Windows 10 finirà anche nelle prese della corrente, più o meno

Roma - Dopo aver svelato il "giorno X" del debutto programmato di Windows 10, Microsoft ha ora sfruttato il Computex 2015 per presentare alcune delle novità sul fronte hardware: al prossimo OS di Redmond si accompagneranno tablet, ibridi, laptop ma anche dispositivi dal form factor insolito - quantomeno per l'ecosistema Windows.

Intervenendo alla fiera asiatica, il vice-presidente della divisione OEM di Microsoft Nick Parker ha ad esempio svelato un nuovo prodotto di Hewlett-Packard appartenente alla serie x2, un sub-notebook/convertibile da 11,6" con aggancio magnetico per la tastiera, speaker Bang & Olufsen e rifiniture anodizzate.

Per Dell c'era poi una versione "beta" del laptop XPS 15, portatile sottile con rifiniture in fibra di carbonio, mentre Toshiba avvierà l'era Windows 10 con un laptop/2-in-1 della linea Satellite, schermo Ultra HD/4K e videocamera agli infrarossi per supportare appieno la funzionalità Windows Hello del nuovo OS.
A Taipei non sono mancati gli all-in-one come il sistema Acer Z3-710, dotato di schermo da 23,8", il Transformer Book T100HA di Asustek con una batteria dalla durata di 14 ore e l'Asus Zen AiO Z240 con GPU discreta GeForce GTX 960M, videocamera 3D e sei speaker integrati.

In quattro anni il numero dei PC in circolazione è aumentato di 600 milioni di unità, ha comunicato Microsoft al Computex, mentre per Windows 10 sono già pronti 96 nuovi dispositivi e al debutto (il 29 luglio) arriveranno a 300.

Per chi già usa un OS relativamente recente (Windows 7, 8, 8.1) e teme di dover incorrere in problemi in fase di reinstallazione, Redmond rassicura poi sulla possibilità di procedere a una installazione "pulita" da ISO o da DVD anche dopo l'aggiornamento gratuito incrementale a Windows 10.

Di Windows 10 uscirà anche una versione "con Bing" dal costo ultra-economico (soprattutto per gli OEM), dicono le indiscrezioni, mentre l'associazione degli ATM raccomanda l'aggiornamento al nuovo Windows (dopo aver "saltato" lo sfortunato Windows 8.x). Quanta ha invece deciso di impacchettare l'OS in una presa da muro con CPU Intel Atom Bay Trail, 2 GB di RAM e supporto per i comandi vocali di Cortana.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
22 Commenti alla Notizia Windows 10, hardware e numeri
Ordina
  • Ti sei dimenticato di recitare il "passa a linux"
    non+autenticato
  • Mozilla Thunderbird 38 confermato per fine maggio 2015

    notizia vera scritta da un tizio pagato per scrivere tutto ciò
    non+autenticato
  • Nell'immaginario M$, Win10 per tutti, guai a chi si permette di restare su Win7...

    Eppure Win7, è destinato a resistere come e più di XP, che sarebbe sicuramente ancora il più usato se non avessero fatto di tutto per ucciderlo.

    Hanno cominciato a sparare che sarebbe stato upgrade gratis praticamente per tutti, "pirati" compresi (chiaramente chi non possedeva 7 o 8x regolare avrebbe piratato in tempo utile), per vedere l'effeto che faceva poi hanno alquanto correto il tiro, lasciando il più possibile nel fumoso per vedere fino a che punto il pubblico era fidelizzato, e gli scagnozzi sguinzagliati sui vari forum hanno riferito che il pubblico voleva precise puntualizzazioni su alcuni punti cardine su cui malvolentieri avrebbero voluto cedere: uno di questi è proprio la possibilità si avere ISO o supporto di installazione pulita per chi avesse fatto l'Upgrade gratuito; almeno su questo hanno dovuto cedere.

    Personalmente, ma credo di essere in buona compagnia, io non baratto (perchè di baratto si tratta se perdo la licenza Win7), non baratto un win7 perfettamente funzionante e faticosamente addomesticato per le mie e non le loro necessità, non lo baratto (pur nei suoi limiti di fuffa aggiunta, scordiamoci i bei tempi di XP), non lo baratto con un sistema Win10 di cui non mi interessa l'altrettanta fuffa aggiunta, su cui non vorrei perdere altrettanto tempo per per entrare neo meandri e ricondurlo, se ancura sarà possibile, ad una forma accettabile per le mie esigenze anzichè le loro! E questo senza tener conto di inevitabili problemi di incompatibilità, reperibilità drivers e applicativi parimenti soddisfacenti, ed aventuali rinunce a qualcosa che mi faceva comodo come era in precedenza...

    Staremo a vedere, io attenderò fin quasi allo scadere dell'anno di grazia prima di decidere, ma ritengo fin d'ora che se Win10, gratuito o meno che sia accaparrarselo, non potrà coesistere con altri S.O. M$ e non (sopratutto non) ovvero se richiederà l'obbligo di Secure Boot (gia non sopporto l'assurdità di UEFI), M$/Win10 non avrà il mio scalpo!
    .
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 giugno 2015 03.35
    -----------------------------------------------------------
  • quante banalità messe in fila senza conoscere l'argomento..mancano solo i malware e i virus e poi ci sono tutti i luoghi comuni
    non+autenticato
  • caro pilota finnico, dato che conosci l'argomento, illuminaci sui punti 'banali' espressi da rockroll.

    grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: jjletho
    > quante banalità messe in fila senza conoscere
    > l'argomento..mancano solo i malware e i virus e
    > poi ci sono tutti i luoghi
    > comuni

    Grazie per il contribuo.
    Mo me lo segno.
  • A differenza del tuo commento che, invece, è altamente informativo e chiarificatore.
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll

    > Staremo a vedere, io attenderò fin quasi allo
    > scadere dell'anno di grazia prima di decidere, ma
    > ritengo fin d'ora che se Win10, gratuito o meno
    > che sia accaparrarselo, non potrà coesistere con
    > altri S.O. M$ e non (sopratutto non) ovvero se
    > richiederà l'obbligo di Secure Boot (gia non
    > sopporto l'assurdità di UEFI), M$/Win10 non avrà
    > il mio
    > scalpo!

    Basilarmente la penso come te, ma purtroppo in informatica non si puo' rimanere fermi impunemente. Ai tempi di win 3.11 c'era chi criticava a sangue win95, poi ho visto resistenze per passare dal 95 al 98, Poi le lotte con chi giurava sarebbe rimasto al 98 perche' XP avrebbe portato la rovina.. Ho amato veramente XP, ma ostinarsi a usarlo ancora e' puerile. Ora ho su Win 7 che ha ancora 5 anni e siamo d'accordo, ma poi?

    Ho le licenze originali di win98SE e XP. Sono in un cassetto. Carta straccia e cd obsoleti ormai. La stessa fine fara' la licenza di win7 mentre anche tu come tutti, anno dopo anno, userai altri S.O. piu' moderni. Anche se passi a Ubuntu, non credo useresti ancora una Natty o una Oneiric eh!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 giugno 2015 10.51
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: anverone99
    > - Scritto da: rockroll
    >
    > > Staremo a vedere, io attenderò fin quasi allo
    > > scadere dell'anno di grazia prima di decidere,
    > ma
    > > ritengo fin d'ora che se Win10, gratuito o meno
    > > che sia accaparrarselo, non potrà coesistere con
    > > altri S.O. M$ e non (sopratutto non) ovvero se
    > > richiederà l'obbligo di Secure Boot (gia non
    > > sopporto l'assurdità di UEFI), M$/Win10 non avrà
    > > il mio
    > > scalpo!
    >
    > Basilarmente la penso come te, ma purtroppo in
    > informatica non si puo' rimanere fermi
    > impunemente. Ai tempi di win 3.11 c'era chi
    > criticava a sangue win95, poi ho visto resistenze
    > per passare dal 95 al 98, Poi le lotte con chi
    > giurava sarebbe rimasto al 98 perche' XP avrebbe
    > portato la rovina.. Ho amato veramente XP, ma
    > ostinarsi a usarlo ancora e' puerile. Ora ho su
    > Win 7 che ha ancora 5 anni e siamo d'accordo, ma
    > poi?

    Ma poi si aspetta una buona ragione tecnica per migrare.

    Quando ci sara' una killer application che richiedera' necessariamente X, allora, e solo allora, quando X sara' arrivato alla sua brava SP5, si prendera' in considerazione di migrare.

    Come abbiamo fatto per W95, come abbiamo fatto per XP, come qualcuno ha fatto per 7, e come qualcuno fara' per X.

    Il concetto e' che deve essere l'utente ad avere una buona ragione per migrare e non M$.
    Anche perche' le buone ragioni di M$ non coincidono mai con quelle dell'utente.

    > Ho le licenze originali di win98SE e XP. Sono in
    > un cassetto. Carta straccia e cd obsoleti ormai.

    Utili per usarle su una VM.

    > La stessa fine fara' la licenza di win7 mentre
    > anche tu come tutti, anno dopo anno, userai altri
    > S.O. piu' moderni. Anche se passi a Ubuntu, non
    > credo useresti ancora una Natty o una Oneiric
    > eh!

    Certo che no, ma tutte le ISO di Ubuntu dalla 0.99 all'ultima, sono e saranno sempre disponibili per chi le vuole.

    Chi ha la pretesa di voler fare la storia dell'informatica non deve ostacolare chi invece vorrebbe fare l'archeologia dell'informatica.
  • - Scritto da: panda rossa
    > quando X sara' arrivato alla sua brava
    > SP5, si prendera' in considerazione di
    > migrare.
    SP5?
    L'ultimo OS Microsoft ad arrivare al Service Pack 5 è stato NT 4.0.
    Tra l'altro Microsoft i Service Pack li ha già aboliti con Windows 8.
    Ma in che epoca sei rimasto?

    Ah già. Sei solo panda rossa.

    > Come abbiamo fatto per W95, come abbiamo fatto
    > per XP, come qualcuno ha fatto per 7, e come
    > qualcuno fara' per
    > X.
    Per 7 si è migrati già dalla RTM, per poi aumentare il numero di migrazioni col SP1.
    Ma quale SP5...
    Si migra dopo 5 Service Pack solo nei tuoi sogni più bagnati.
    Magari negli stessi sogni in cui il Service Pack esiste ancora.
    Poraccio...

    > Certo che no, ma tutte le ISO di Ubuntu dalla
    > 0.99 all'ultima, sono e saranno sempre
    > disponibili per chi le
    > vuole.
    E chi se ne frega.
    Soltanto a te importa di prendere vecchiume non più supportato ed inutile a qualsiasi cosa.

    > Chi ha la pretesa di voler fare la storia
    > dell'informatica non deve ostacolare chi invece
    > vorrebbe fare l'archeologia
    > dell'informatica.
    Infatti se vuoi fare l'archeologia devi usare Linux che è abbastanza antiquato da farti sentire a casa.
    non+autenticato
  • Ah! Ma un sistema avanzato in cosa consiste? Mettere finestrelle a buffo per..? Mettere il secure boot per...? Inchiodare gli utenti?
    Far girare questo OS su diversi device è innovativo? Mi pare che android abbia fatto un lavoro leggermente migliore e un po di tempo prima. Quindi evita di fare questi commenti di poco valore, falli in maniera costruttiva, tutti gli os hanno vantaggi e svantaggi ma commentare l'innovazione facendo riferimento a delle banalità e aspetti irrilevanti, mi fa pensare che....

    Parli di innovazioni quando sei limitato a dei preconcetti legati ancora a linux vs windows. Parli di vecchiume, quando la cosa più vecchia è il modo in cui ragioni.
    Senti...gia la rete è piena di m...a, la banda è poca...te consumi banda per scrivere ste cose? Smetti di inquinare...........

    Per i moderatori, si potrebbe evitare il refresh per la pubblicità?
    non+autenticato
  • - Scritto da: pigro

    >
    > Per i moderatori, si potrebbe evitare il refresh
    > per la
    > pubblicità?

    Certo che si puo', lato client.
  • Sarebbe più corretto farla vedere una volta sola e non all'infinito
    non+autenticato