Claudio Tamburrino

WWDC 2015, i contenuti di Apple

In attesa dell'evento annuale dedicato agli sviluppatori, anticipazioni ed aspettative delineano la nuova strategia di Cupertino sul fronte dei contenuti, tra streaming musicale e spartizione degli introiti

Roma - Si aprirà alle 19 italiane a San Francisco la conferenza di Apple dedicata agli sviluppatori, occasione per analizzare le nuove strategie e le novità da attendersi sul fronte della mela morsicata.

Oltre ai probabili annunci su fronte hardware e software, tra iOS 9 e OS X 10.11, passando per Apple Watch (in attesa dell'esordio italiano il prossimo 26 giugno), sotto i riflettori potrebbe finire la questione delle ripartizioni degli introiti tra sviluppatori e Apple: indiscrezioni riportate da Financial Times preannunciano che Cupertino sarebbe pronta a metter mano alle politiche finora adottate in materia di partnership e prodotti digitali, riscrivendo i termini storici delineati da Steve Jobs all'esordio di iTunes Music Store nel 2003.

La ripartizione degli introiti 70/30 tra produttori di contenuti ed Apple ha permesso a Cupertino di imporsi sul mercato, di fatto segnando le tendenze del settore (la stessa ripartizione è stata adottata da Amazon e Google) e convincendo i detentori dei diritti ad abbracciare il mercato digitale: e solo lo scorso anno Apple riferisce di aver pagato in questo modo solo agli sviluppatori di app oltre 10 miliardi di dollari. Tuttavia l'agguerrita concorrenza, sul fronte app da parte di Android e su quello dei contenuti da parte di sistemi ad abbonamento tipo Spotify hanno convinto anche Apple a lanciarsi nei servizi di streaming eha riorganizzarsi per continuare ad offre quantità e qualità di contenuti: per questo sembra ora stia considerando di diminuire la fetta di introiti rivendicata per sé.
Le novità dovrebbero riguardare inizialmente Newsstand, l'offerta digitale di giornali e magazine, ed in generare gli abbonamenti e gli acquisti in-app, oppure, secondo altre fonti, si dispiegherà su tutti quegli abbonamenti legati ai device con la Mela piuttosto che all'App Store: al centro vi sarebbe insomma inizialmente l'offerta di Apple TV, che al momento in effetti langue dal punto di vista della quantità dell'offerta.

Qualche che sia il passo iniziale, la novità sembra destinata ad essere adottata guardando al prossimo (ed atteso) annuncio (anticipato da Sony) del servizio di abbonamento musicale fondato sull'acquisizione di Beats: proprio questa sembra essere l'altra grande novità destinata a riempire la conferenza di San Francisco.

A proposito di tale servizio e della ripartizione degli introiti, alcune fonti parlano della possibilità che Apple decida di tenere per sé solo il 15 per cento delle entrate generate con il servizio di abbonamento. Un'offerta - secondo Apple - particolarmente allettante per i detentori dei diritti e necessaria a rendere ricca il catalogo del suo nuovo servizio.

La conferenza sarà trasmessa in diretta streaming da Apple a partire dalle 19 italiane e si potrà seguire a mezzo Safari e non solo.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàApple, lo streaming va su tutto?Non solo iOS e desktop: la musica che fluirà con l'integrazione di Beats potrebbe ammettere anche gli utenti Android. Nell'agone dello streaming musicale Cupertino dovrà giocare tutte le proprie carte per recuperare il ritardo
  • BusinessApple e Google, nubi antitrust sull'EuropaL'una è sospettata di poter sparigliare le carte sul mercato dello streaming musicale con un servizio che ancora deve essere lanciato, l'altra potrebbe trovarsi a dover affrontare le accuse formali che fermentano da quasi un lustro
  • BusinessApple gioca sporco per lo streaming musicale?Cupertino, secondo indiscrezioni di The Verge, starebbe tentando di sabotare la concorrenza per preparare il lancio del proprio servizio di streaming musicale. Le autorità statunitensi avrebbero già fiutato pratiche sospette
26 Commenti alla Notizia WWDC 2015, i contenuti di Apple
Ordina
  • Che la spartizione dei soldi dei macachi e degli adepti inizi pure ma programmatore della mela ricorda:

    Quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile, quello con la pistola è un uomo morto
    non+autenticato
  • L'hai visto il film almeno? Guarda che nel film la frase suddetta viene appunto smentita dal protagonista.
    non+autenticato
  • quindi chi ha linux non può guardarlo? nulla di nuovo quindi...
    non+autenticato
  • http://p.events-delivery.apple.com.edgesuite.net/1...

    in ogni caso si sconsiglia la visione ai cantinari, potrebbe causare bruciori di stomaco e sgretolamento dei denti Rotola dal ridere
  • - Scritto da: bertuccia
    > http://p.events-delivery.apple.com.edgesuite.net/1
    >
    > in ogni caso si sconsiglia la visione ai
    > cantinari, potrebbe causare bruciori di stomaco e
    > sgretolamento dei denti
    > Rotola dal ridere

    Perchè dici che ci son robe che non si possono scaricare dal mulo ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante
    > - Scritto da: bertuccia

    > http://p.events-delivery.apple.com.edgesuite.net/1
    > >
    > > in ogni caso si sconsiglia la visione ai
    > > cantinari, potrebbe causare bruciori di
    > stomaco
    > e
    > > sgretolamento dei denti
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Perchè dici che ci son robe che non si possono
    > scaricare dal mulo
    > ?

    Non ha risposto alla tua domanda....
    Che stia rosicando lui ??
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante
    > - Scritto da: bertuccia
    > >
    > http://p.events-delivery.apple.com.edgesuite.net/1
    > >
    > > in ogni caso si sconsiglia la visione ai
    > > cantinari, potrebbe causare bruciori di
    > stomaco
    > e
    > > sgretolamento dei denti
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Perchè dici che ci son robe che non si possono
    > scaricare dal mulo
    > ?

    Si è fatto una domanda e si è dato una risposta, il tutto dal punto di vista dell' apple fan.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anumalia
    > quindi chi ha linux non può guardarlo? nulla di
    > nuovo
    > quindi...
    ma si dai che si puo'... sara' nel solito pidocchioso HLS stream, che ormai, assieme all'altro pidocchioso Microsoft Smooth Streaming, e' implementato forzosamente da "tutti" (poi certo, nel concreto, se in questo caso hanno messo qualche chicca crypto/moderna in piu' non ancora supportata non so)
    non+autenticato
  • IPSE (jobs) DIXIT:

    "even Jesus couldn’t sell music subscriptions"*

    "The subscription model of buying music is bankrupt"

    "And we think people want to buy their music on the internet by buying downloads just like they bought LPs, just like they bought cassettes, just like they bought CDs. They’re used to buying their music, and they’re used to getting a broad set of rights with it. When you own your music it never goes away. When you own your music you have a broad set of personal use rights"

    "People have told us over and over and over again, they don’t want to rent their music"


    *a sua discolpa c'è da dire che l'ha detto prima di incontrarlo.
    non+autenticato
  • in effetti al momento, sui 60 milioni di iscritti a spotify, solo 1 su 5 paga l'abbonamento..

    quindi direi che finora è stato corretto affermare che "People have told us over and over and over again, they don’t want to rent their music"

    evidentemente le cose stanno cambiando
  • - Scritto da: bertuccia
    > in effetti al momento, sui 60 milioni di iscritti
    > a spotify, solo 1 su 5 paga
    > l'abbonamento..

    pensa che un certo tizio è diventato l'uomo più ricco e potente d'Italia senza far pagare nulla a nessuno per la visione delle sue reti.
    Pubblicità questa sconosciuta, Bertuccia?


    > evidentemente le cose stanno cambiando

    grazie a Spotify, sottolineamolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    >
    > pensa che un certo tizio è diventato l'uomo più
    > ricco e potente d'Italia senza far pagare nulla a
    > nessuno per la visione delle sue
    > reti.
    > Pubblicità questa sconosciuta, Bertuccia?

    riproviamo.

    parole di Jobs che hai citato: "People have told us over and over and over again, they don’t want to rent their music"

    to rent = affittare = pagare.

    nel 2013, due anni dopo la morte di Jobs, solo il 10% degli utenti di Spotify era disposto a pagare per affittare la musica.

    non vedo quindi in che modo l'affermazione di Jobs fosse errata


    > grazie a Spotify, sottolineamolo.

    ok
  • - Scritto da: bertuccia

    > riproviamo.
    >
    > parole di Jobs che hai citato: "People have told
    > us over and over and over again, they don’t want
    > to rent their
    > music"
    >
    > to rent = affittare = pagare.
    >
    > nel 2013, due anni dopo la morte di Jobs, solo il
    > 10% degli utenti di Spotify era disposto a pagare
    > per affittare la
    > musica.


    E il rimanente 90% paga indirettamente, quindi paga comunque per lo streaming
    Carl, è questo che non capisci, Carl?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    >
    > E il rimanente 90% paga indirettamente, quindi
    > paga comunque per lo streaming

    no, non tira fuori un centesimo, quindi non paga.
    per favore non essere ridicolo se vuoi continuare la discussione.

    altra frase di Jobs che hai citato:
    "The subscription model of buying music is bankrupt"

    lo sai che Spotify opera in perdita da quando esiste?

    nel 2013 era in perdita di €55.9m

    nel 2014 era in perdita di €162.3m

    http://www.theguardian.com/technology/2015/may/11/...

    quindi anche su questo, per il periodo in cui ha pronunciato quelle parole, direi che era corretto.

    >
    > Carl, è questo che non capisci, Carl?

    eh guarda ho proprio la testa dura A bocca aperta
  • - Scritto da: bertuccia

    > no, non tira fuori un centesimo

    hai appena dimostrato che la TV privata non è mai esisitta.
    Se volevi fare una reductio ad absurdum per darti torto da solo, chapeu.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: ...
    > >
    > > E il rimanente 90% paga indirettamente,
    > quindi
    > > paga comunque per lo streaming
    >
    > no, non tira fuori un centesimo, quindi non paga.
    > per favore non essere ridicolo se vuoi continuare
    > la
    > discussione.
    >
    > altra frase di Jobs che hai citato:
    > "The subscription model of buying music is
    > bankrupt"
    >
    > lo sai che Spotify opera in perdita da quando
    > esiste?
    >
    > nel 2013 era in perdita di €55.9m
    >
    > nel 2014 era in perdita di €162.3m

    Beh anche Amazon ci ha meso parecchi anni per raggiungere la redditività, e intanto ha messo su un'infrastruttura enorme.
    Funz
    12980
  • - Scritto da: bertuccia
    > in effetti al momento, sui 60 milioni di iscritti
    > a spotify, solo 1 su 5 paga
    > l'abbonamento..

    "solo"?
    Io direi "ben".

    E i restanti 4 su 5 sono tolti dal file sharing e consegnati ai pubblicitari.

    > quindi direi che finora è stato corretto
    > affermare che "People have told us over and over
    > and over again, they don’t want to rent their
    > music"
    >
    > evidentemente le cose stanno cambiando

    evidentemente, si.
    Dopo tutti i discorsi che la gente o vuole il possesso oppure non vuole pagare nemmeno un minimo, e che preferisce piratare tutto, sono arrivati Steam, Netflix, Spotify.
    Alla fine vince chi offre un servizio migliore, ovvero tutto quello che l'utente vuole vedere / sentire / giocare, ad un prezzo conveniente, da fruire ovunque gli aggrada, senza troppe rotture di scatole.
    Funz
    12980
  • - Scritto da: ...
    > IPSE (jobs) DIXIT:
    >
    > "even Jesus couldn’t sell music
    > subscriptions
    "*
    >
    > "The subscription model of buying music is
    > bankrupt
    "
    >
    > "And we think people want to buy their music
    > on the internet by buying downloads just like
    > they bought LPs, just like they bought cassettes,
    > just like they bought CDs. They’re used to buying
    > their music, and they’re used to getting a broad
    > set of rights with it. When you own your music it
    > never goes away. When you own your music you have
    > a broad set of personal use
    > rights
    "
    >
    > "People have told us over and over and over
    > again, they don’t want to rent their
    > music
    "
    >
    >
    > *a sua discolpa c'è da dire che l'ha detto prima
    > di
    > incontrarlo.
    aveva mica torto ...( DRM e profilazione aggressiva di itunes a parteCon la lingua fuori)

    < They’re used to buying their music, and they’re used to getting a broad set of rights with it. When you own your music it never goes away. When you own your music you have a broad set of personal use rights — you can listen to it however you want." >

    si va sempre peggiorando... piu' SaaS + profilazione +subscription -anonimato -proprieta'
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    >
    > aveva mica torto ...( DRM e profilazione
    > aggressiva di itunes a parte
    >Con la lingua fuori)

    e - per inciso - Jobs era contrario al DRM sulla musica, ma inizialmente ha dovuto cedere alle pressioni delle major.. non appena ha avuto il coltello dalla parte del manico, l'ha eliminato