Alfonso Maruccia

Domini anonimi, scontro fra diritti

ICANN vorrebbe vietare la registrazione anonima (tramite servizi terzi) di nomi di dominio per i siti commerciali, ma la proposta viene accolta online da un gran numero di critiche e polemiche: c'è chi teme discriminazioni

Domini anonimi, scontro fra dirittiRoma - Da Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN) arriva la proposta di mettere al bando l'utilizzo di proxy per la registrazione "anonima" dei nomi di dominio nel caso in cui i siti Web richiedenti siano coinvolti in attività commerciali "attive", e la reazione della community di rete è stata fin qui parecchio negativa.

La proposta di ICANN è al momento aperta ai commenti provenienti dal pubblico, e dopo la diffusione della notizia i suddetti commenti sono nell'ordine delle migliaia - contro i 20 di media in altri casi del genere - e sono prevalentemente contrari alla messa al bando dei proxy.

ICANN e le società - come Facebook - che supportano la cancellazione dell'anonimato per la registrazione dei domini parlano del tentativo di mettere fine alla "attività malevola" di cyber-criminali, e della necessità di nuove regole in linea con le leggi e le policy di rete globali: solo in questo modo il consumatore potrà informarsi riguardo a coloro a cui si sta affidando.
Chi invece si esprime contro la nuova policy, invece, evidenzia il rischio di discriminazione, l'eventualità, ad esempio, che per le organizzazioni e i gruppi che fanno uso di campagne di raccolta fondi per autofinanziarsi, di non poter più difendere il proprio diritto alla libertà di espressione al riparo dai pericoli (anche personali) connessi alle loro attività.

La proposta di ICANN ha concluso la fase di consultazione per accogliere i commenti del pubblico: è ora il momento di prenderli in considerazione per un'analisi.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload disseminava malwareDove prima campeggiava il marchio dell'FBI, pornografia e pubblicità truffaldina. Le autorità statunitensi si erano lasciate sfuggire il dominio verso cui sono solite reindirizzare i siti posti sotto sequestro
3 Commenti alla Notizia Domini anonimi, scontro fra diritti
Ordina
  • Fino a che esisteranno i reati di opinione, ovvero quei reati per cui la gente viene fucilata per come la pensa e non per le azioni delittuose che compie, l'anonimato e' sacrosanto.

    E' noto che i reatidi opinione, la diffamazione, la blasfemia, la lesa maesta', non sono altro che strumenti ricattatori nelle mani dei potenti per tacitare il dissenso o per sbarazzarsi di avversari.

    Nessun uomo dovra' piu' essere perseguitato per le idee che esprime.

    Fino ad allora, l'anonimato sara' una difesa necessaria alle persone che intendono esprimere idee.
  • Mi pare di capire che aboliresti anche il reato di diffamazione..

    Dimmi un po' uomo illuminato, cosa faresti se un tizio distribuisse voltantini in segreto, diffamando te o la tua famiglia con bugie orchestrate ad arte?

    L'opinione da te espressa è il modo peggiore per difendere l'anonimato, questo perchè forse non hai molte esperienze di vita, a parte il monitor del tuo PC
    non+autenticato
  • - Scritto da: setkum1x0
    > Mi pare di capire che aboliresti anche il reato
    > di
    > diffamazione..

    Il reato di diffamazione e' un residuato medievale che serve solo a chi possiede un po' di potere per rivalersi sulle persone comuni.

    > Dimmi un po' uomo illuminato, cosa faresti se un
    > tizio distribuisse voltantini in segreto,

    Intendi dire pezzi di carta anonimi?

    > diffamando te o la tua famiglia con bugie
    > orchestrate ad arte?

    Farei che risparmiare carta igienica per un po' di tempo.

    > L'opinione da te espressa è il modo peggiore per
    > difendere l'anonimato, questo perchè forse non
    > hai molte esperienze di vita, a parte il monitor
    > del tuo PC

    Se sto parlando con qualcuno che da' credito a dei volantini anonimi, e' stato un piacere. A mai piu' rivederci.