Alfonso Maruccia

NASA, realtà aumentata sulla ISS

L'agenzia spaziale statunitense sta testando l'impiego del caschetto HoloLens di Microsoft per fornire nuove tecno-capacità agli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Che è sempre più affollata di gadget hi-tech

Roma - Anche che HoloLens non pare destinato a essere quel successo videoludico trascinante in cui qualcuno a Redmond confida, organizzazioni da sempre abituate a fare uso degli ultimi ritrovati tecnologici promettono di sfruttare il caschetto di realtà aumentata per qualcosa di molto più pratico e utile di un click in aria su un mattoncino di Minecraft.


NASA ha infatti annunciato di aver stretto una partnership con Microsoft per il progetto Sidekick, con l'obiettivo specifico di usare la tecnologia commerciale - e HoloLens in particolare - per fornire nuove e innovative capacità di interazione agli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Per il momento l'agenzia spaziale ha testato Sidekick in condizioni di gravità simulata a bordo dei suoi jet C9, ma il caschetto Microsoft dovrebbe arrivare fisicamente sulla ISS con la prossima missione Dragon in partenza il 28 giugno.
Sidekick è pensato per funzionare in due diverse modalità: la prima si chiama "Remote Expert", permette di utilizzare Skype per far interagire direttamente gli astronauti con il personale NASA sulla Terra, di fornire istruzioni in tempo reale e anche di condividere note sul task in corso. La seconda modalità di Sidekick, Procedure Mode, è pensata per visualizzare istruzioni grafiche e non in sovrimpressione sul visore HoloLens e ha un funzionamento di tipo stand-alone.

"HoloLens e gli altri dispositivi di realtà mista e virtuale sono tecnologie allo stato dell'arte che potrebbero contribuire alle esplorazioni future e fornire nuove capacità agli uomini e alle donne impegnati in esperimenti scientifici sulla ISS", ha dichiarato il direttore del programma ISS per NASA Sam Scimemi, per non parlare dei futuri viaggi su Marte che richiederanno un maggior livello di autonomia agli astronauti.

Sia come sia, ulteriori test saranno necessari per poter sviluppare appieno tutte le capacità del programma Sidekick: nell'attesa, gli abitanti della ISS potranno "divertirsi" con le board Raspberry Pi - altro "gingillo" hi-tech presto in arrivo sulla stazione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessRaspberry Pi, 5 milioni di unità venduteImportante risultato commerciale per la board di sviluppo a basso costo: niente affatto male per un prodotto non destinato al pubblico generalista. Ora Raspberry pensa al futuro, e guarda allo spazio
  • AttualitàE3 2015, Microsoft e Sony si mettono in mostraPuntuale, come tutti gli anni, all'Expo videoludico di Los Angeles i colossi si danno battaglia a suon di trailer, demo e aggeggi vari. Quest'anno la virtualità è parecchio di moda per Microsoft, mentre Sony punta sui titoli
6 Commenti alla Notizia NASA, realtà aumentata sulla ISS
Ordina