Corel Linux si fa poliglotta

Corel Linux ambisce alla conquista dell'Europa e lo fa parlando le molte lingue del vecchio continente: tedesco, francese, olandese e presto anche l'italiano

Waltham (USA) - Con in mente l'obiettivo di portare Linux sul mercato desktop, Corel ha pensato bene di prendere esempio da Microsoft e localizzare il proprio sistema operativo per le principali lingue parlate sul pianeta, con un occhio di riguarda all'Europa, terra natia di Linux.

Grazie alla partnership con Lionbridge Technologies Corel Ŕ giÓ in grado di distribuire versioni localizzate del suo sistema operativo in francese, tedesco e olandese, mentre le versioni in italiano e spagnolo sono attese a breve.

Sebbene l'italiano e gli altri principali idiomi del pianeta facciano giÓ capolino all'interno delle installazioni o delle interfacce grafiche delle principali distribuzioni, una localizzazione Ŕ un processo pi¨ complesso e raffinato che mira a fornire traduzioni fedeli di GUI, documentazione, applicazioni di base e messaggi di errore, fornendo al contempo le giuste configurazioni per tastiera, fuso orario, valuta, separatore decimale, ecc.