Claudio Tamburrino

La Buona Scuola Ŕ legge

La Camera approva la riforma dell'Istruzione che, tra la polemiche per i poteri dei dirigenti e le risorse a disposizione, introduce sulla carta un maggiore impegno nei confronti del digitale

Roma - La Camera dei Deputati ha approvato definitivamente la riforma della scuola nota come "La Buona Scuola" con 277 sì e 173 no, per cui ora manca solo la firma da parte del Presidente della Repubblica.

I no - che sono riusciti anche ad interrompere momentaneamente la votazione - si sono dunque alla fine fermati in piazza, dove la protesta invoca ora il rinvio alle Camere da parte del Presidente Mattarella, ed all'opposizione: hanno votato contro Lega, Forza Italia, M5S, Sel, Fratelli d'Italia, Alternativa libera e cinque deputati del PD.

"Questo non è un atto finale ma l'atto iniziale di un nuovo protagonismo della scuola" ha twittato dopo l'approvazione il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini. "Abbiamo restituito autonomia ai dirigenti scolastici e messo 3 miliardi a regime, il governo dimostra di ritenere strategico il settore dell'istruzione. Oltre all'impianto della riforma, basato sull'idea di garantire agli istituti scolastici maggiore autonomia ed ai dirigenti maggiori poteri e sul tentativo di mettere a disposizione nuovi fondi (sia per le questioni strutturali sia per i corsi d'aggiornamento dei professori) e di assorbire una fetta dei precari del settore, la versione definitiva mantiene sulla carta le promesse sul fronte digitale.
In particolare prevede un bando con 300 milioni a disposizione "per la costruzione di scuole altamente innovative" sia architettonicamente che tecnologicamente, cioè prevedendo rispetto per l'ambiente e banda larga negli istituti, passando per l'accento posto sull'apprendimento delle tecnologie digitali. Interessante, da questo punto di vista, in particolare l'introduzione nel percorso didattico del coding e del pensiero computazionale fin dalle primarie, e di un piano "digital makers" dalle scuole secondarie.

Si prevede inoltre la creazione di un Portale unico per i dati della scuola, ove dovranno essere pubblicate tutte le informazioni relative al sistema di istruzione (dai bilanci degli istituti ai curriculum degli insegnanti) e
si introduce la "Carta elettronica per l'aggiornamento e la formazione dei docenti", un voucher di 500 euro all'anno da utilizzare per l'aggiornamento professionale attraverso l'acquisto di libri, testi, strumenti digitali, iscrizione a corsi, ingressi a mostre ed eventi culturali.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, informatica come lingua stranieraWashington sta pensando di equiparare la conoscenza di un linguaggio di programmazione a quello di un'altra lingua ai fini dei requisiti di ingresso all'UniversitÓ
  • AttualitàRAI, non è mai troppo tardi per il digitaleI programmi televisivi saranno il nuovo Maestro Manzi, compenetrati di spunti per incoraggiare i cittadini all'approccio con la Rete. Un tentativo necessario, alla luce dei dati ISTAT che rilevano come 22 milioni di Italiani non usino Internet
  • AttualitàScuola, programmazione per il futuro"Programma il futuro" vuole portare il codice nelle classi italiane, passando per esperienze ludiche e didattiche. Per dotare i cittadini degli strumenti del pensiero computazionale, al servizio della vita quotidiana
6 Commenti alla Notizia La Buona Scuola Ŕ legge
Ordina
  • Di Renzi posso solo dire che è un ottimo attore che recita alla perfezione il copione per lui scritto dai burocrati europei.
    non+autenticato
  • "con 300 milioni a disposizione per la costruzione di scuole altamente innovative sia architettonicamente che tecnologicamente ..."

    ... iniziamo a metterci la carta igienica ... perchè non vorrei che i soldi realmente disponibili non siano sufficienti nemmeno per questa.
    non+autenticato
  • un altro tassello all'opera di colonizzazione e impoverimento dei paesi sud europei ogg è stato aggiunto, domani alla sanità e poi conme ciliegina sulla torta con il TIPP si concluderà l'opera.
    la scula verrà semrpe più privatizzata mentre quella pubblica destituita nel lungo termine grazie all'assunzione di presidi che obbediscono al regime europeo che a loto volta assumono direttamente poveri docenti morenti di fame piegandoli a insegnare informazioni faziose e pro euro.

    e tutti ovviamente sene fregano mentre la deindustrializzazione dell'italia è in atto fino a che non rimarrà più nulla, verrà tutto privatizzato in mano alle lobby nord europee e yankee.

    grazie al pupazzo renzie a al suo partito di criminali che non ha votato nessuno e che continua a prendere voti nonostante lo sti mettendo in cuolo a tutti gli italiani.

    ps: speravo che almeno Tsipras potesse prire le porte al cambiamento e uscire da questa europa comandata dalla mafia e dai delinquenti, invece sembra che quel cazzone voglia tentare di cambiare, invano, l'europa dall'interno. povero fesso, non ha capito proprio nulla.
    non+autenticato
  • scusate per i tipo, non scrivo molto bene da cellulare...

    - Scritto da: thepassenge r
    > un altro tassello all'opera di colonizzazione e
    > impoverimento dei paesi sud europei ogg è stato
    > aggiunto, domani alla sanità e poi conme
    > ciliegina sulla torta con il TIPP si concluderà
    > l'opera.
    > la scula verrà semrpe più privatizzata mentre
    > quella pubblica destituita nel lungo termine
    > grazie all'assunzione di presidi che obbediscono
    > al regime europeo che a loto volta assumono
    > direttamente poveri docenti morenti di fame
    > piegandoli a insegnare informazioni faziose e pro
    > euro.
    >
    > e tutti ovviamente sene fregano mentre la
    > deindustrializzazione dell'italia è in atto fino
    > a che non rimarrà più nulla, verrà tutto
    > privatizzato in mano alle lobby nord europee e
    > yankee.
    >
    > grazie al pupazzo renzie a al suo partito di
    > criminali che non ha votato nessuno e che
    > continua a prendere voti nonostante lo sti
    > mettendo in cuolo a tutti gli
    > italiani.
    >
    > ps: speravo che almeno Tsipras potesse prire le
    > porte al cambiamento e uscire da questa europa
    > comandata dalla mafia e dai delinquenti, invece
    > sembra che quel cazzone voglia tentare di
    > cambiare, invano, l'europa dall'interno. povero
    > fesso, non ha capito proprio
    > nulla.
    non+autenticato
  • ConcordoSorride
    non+autenticato