Alfonso Maruccia

BlackBerry e i nuovi domini Android

L'azienda canadese registra un paio di nuovi domini con riferimento diretto al sistema operativo di Google, ennesimo indizio di un possibile investimento androide anche sull'hardware. Per il software l'integrazione è già partita

Roma - BlackBerry ha acquisito i due nuovi domini AndroidSecured.com e AndroidSecured.net, un'iniziativa che l'azienda prova a giustificare come mera routine ma che potrebbe nascondere l'ennesimo indizio del possibile avvento di uno smartphone BlackBerry basato sull'OS mobile di Google.

L'azienda canadese registra frequentemente nuovi domini pensati per supportare i suoi prodotti software multi-piattaforma, ha dichiarato la società, e Android è una parte importante della suddetta strategia software cross-platform.

Nulla di nuovo sotto il sole, stando a BlackBerry, ma i rumor sulla possibile commercializzazione di un nuovo terminale basato su Android sono oramai in circolazione da tempo. Il CEO John Chen non parla, per il momento, mentre i numeri dell'ex-colosso una volta noto come Research In Motion (RIM) fotografano un business in cui l'hardware - cioè i terminali BlackBerry con OS BB - conta sempre meno rispetto al software.
E almeno per quanto riguarda il software, il matrimonio di interessi tra BB e Android/Google è una pratica sempre più assodata: le due aziende sono al lavoro per "fissare nuovi standard nella sicurezza mobile per le aziende e le organizzazioni che fanno uso di dispositivi Android", una partnership che include la disponibilità del servizio BlackBerry Enterprise Server (BES) 12.2 su Android 5.0 e Google Play for Work.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessBlackBerry verso un ibrido Android?Le indiscrezioni tratteggiano un terminale slider dotato di tastiera fisica che rinuncia al sistema operativo sviluppato in casa per offrire una soluzione più familiare alle platee degli utenti potenziali
  • BusinessBlackBerry, l'hardware rende sempre menoSoftware, licensing e servizi sostengono il business dell'azienda canadese. I dispositivi contano per il 40 per cento dei ricavi del trimestre, con 1,1 milioni di terminali venduti