Claudio Tamburrino

USA, cracking a fini insider trading

Le autorità statunitensi accusano nove persone: si appropriavano in anticipo di comunicati stampa utili a operare sul mercato finanziario

Roma - Nove persone sono state accusate di gestire delle operazioni di cracking su scala internazionale con lo scopo di appropriarsi di comunicati stampa riservati per condurre operazioni di compravendita sul mercato azionario in base alle informazioni ottenute in anticipo sui tempi.

A ufficializzare le accuse di associazione a delinquere a fine di truffa, riciclaggio, reati informatici e violazione di sicurezza informatica sono state le autorità federali guidate dal procuratore del New Jersey Paul J. Fishman, secondo cui il gruppo si configurerebbe come autore della "più grande operazione di frode informatica conosciuta".

Cinque dei sospettati sono stati arrestati nelle loro case in Georgia, uno in Pennsylvania: ma le diramazioni del gruppo arriverebbero fino in Ucraina, dove vivrebbero tre sospettati contro cui sono stati emessi mandati di arresto internazionali.
I nove avrebbero iniziato a collaborare nel febbraio del 2010 e sarebbero stati attivi fino al novembre 2013, ed in questo lasso di tempo la cerchia avrebbe finito per coinvolgere più di 32 persone, utilizzando soprattutto attacchi di tipo SQL injection per avere accesso alle comunicazioni di Marketwire, di PR Newswire e di BusinessWire.

Il gruppo, in totale, avrebbe racimolato più di 100 milioni, solo i nove oltre 30 milioni di dollari. Di particolare rilevanza l'acquisto nel 2011 di 5,9 milioni di dollari di azioni del gigante industriale Caterpillar sulla base delle informazioni ottenute circa la sua trimestrale in anticipo rispetto alla sua divulgazione. Allo stesso modo avrebbero dunque operato per esempio sui titoli di Verisign, riuscendo in generale ad appropriarsi dei comunicati stampa di oltre 150mila aziende.

Per il momento le autorità hanno sequestrato 12 conti bancari ed account per le operazioni di borsa, contenenti più di 6,5 milioni di dollari. Stanno inoltre procedendo per mettere i sigilli anche su 12 proprietà, tra cui un centro commerciale in Pennsylvania ed un appartamento in Georgia.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia USA, cracking a fini insider trading
Ordina
  • in un sistema finanziario assurdo, in cui la semplice conoscenza di una notizia diviene reato, perchè può portare a un guadagno, che guarda caso è lo scopo delle compravendite azionarie... le notizie mica si generano da sole, c'è sempre qualcuno che le conosce prima degli altri. E' tutto sbagliato, il denaro che crea altro denaro, ricchezza dal nulla senza lavoro: basta avere il potere (cioè le notizie: le notizie sono una merce, e chi ha il potere gestisce anche queste).
    Questi tizi non hanno fatto altro che approfittare di un sistema assurdo fin dalla nascita. Buon per loro.
    non+autenticato
  • In "UNA POLTRONA PER DUE" film natalizio di tanti anni fa EDDIE MURPHY DAN AYKROYD fanno esattamente la stessa cosa per vendicarsi di due cattivi banchieri che fanno la stessa cosa da anni.
    Nessuna disapprovazione della disonestà, semmai incentivo alla furbizia che li trasforma sia pur per farsi giustizia esattamente nella stessa cosa, quindi questo film ha incentivato e incentiva questi comportamenti ogni anno.
    I ragazzi lo vedono e si dicono "E io che sono il fesso di turno?", ti stupisci? Mi stupisco che non ci siamo molti ma molti più episodi, probabilmente ci sono ma non vengono rilevati.
    Il mondo della finanza basato spesso sullo sfruttamento disonesto del lavoro altrui (microtransazioni e gabbole varie), se viene gabbato è così un fatto grave?
    Spesso sono soldi già rubati in origine che cambiano destinazione, ladri che rubano ad altri ladri nulla cambia, nulla di strano o importante accade.
    Se rubi accertati di farlo in modo socialmente accettabile, sfruttando il prossimo con una paga da fame, non dando il giusto a chi lavora per te rubando diritti al tuo prossimo, e vedrai che nulla accade perchè questo è socialmente accettato, anzi incentivato, si un vero uomo di WallStreet, uno Yuppy una volta si diceva, ora dire un ladro più che altro.

    Diventa un trader anche tu!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giuseppe Rossi

    > Diventa un trader anche tu!

    Va bene Beppe!
    non+autenticato
  • l'avevo letta via krebs... quelli di PR Newswire & co cmq non sono stati sveglissimi......
    non+autenticato
  • E questo è un metodo grossolano, ci sono sistemi che per guadagnare sfruttano i tempi di latenza delle transazioni!
    non+autenticato