Claudio Tamburrino

Microsoft, rinvio per Surface Hub

Il sistema per le conference call su grande schermo rimandato a gennaio. La motivazione? Una domanda superiore alle aspettative

Roma - Surface Hub di Microsoft non farà il suo esordio a settembre, come originariamente stabilito, ma il primo gennaio prossimo.

Surface Hub

Ad inizio anno si parlava di un suo lancio in contemporanea con Windows 10: sono stati notevoli gli sforzi sostenuti da Microsoft per la sua produzione, come aprire una unità produttiva speciale nell'Oregon, e forse anche per questo, nonché per una domanda che Redmond dice superiore alle aspettative, i tempi si sono dilatati fino al 2016.

Per quanto si parli di Surface Hub ormai da tempo, dunque, dovrà passare un anno tra la campagna promozionale che lo ha anticipato ufficialmente lo scorso gennaio ed il suo lancio effettivo e sei mesi dall'apertura dei preordini da parte di Redmond.
Surface Hub è il primo frutto colto da Microsoft dall'acquisizione di Perceptive Pixel nel 2012: si tratta di uno schermo multi-touch di notevoli dimensioni (55 o 84 pollici) che nasconde un vero e proprio computer dotato di tutto il necessario per gestire Windows 10 in risoluzione Ultra HD/4K e destinato all'utilizzo in ambito lavorativo.

Oltre a costituire uno strumento per le teleconferenze, permette di prendere appunti con le stilo digitali direttamente sullo schermo-parete, di condividere dati e app con gli altri dispositivi appartenenti all'ecosistema Microsoft e anche di supportare i prodotti tecnologici e il software pensato per girare su computer.
Queste caratteristiche, ed un prezzo di vendita a partire da 7mila dollari, lo rendono un prodotto pensato per le aziende e probabilmente di nicchia. Forse anche per questo, ora Redmond sembra essere spiazzata dalla quantità di ordini, evidentemente non assorbiti con le tempistiche previste dalla produzione.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate