Claudio Tamburrino

Russia, Reddit rimuove per sopravvivere

L'accesso alla community è stato inibito per breve tempo. Quello necessario a rimuovere un vecchio post, ritenuto illegale e dedicato alla coltivazione dei funghi allucinogeni

Roma - La Russia continua la sua battaglia per il controllo di Internet, andando stavolta ad infilarsi nel dibattito sui contenuti che recentemente sta infiammando Reddit: la prima pagina di Internet è stata prima bloccata dalle autorità, poi resa nuovamente accessibile solo dopo la rimozione di un subreddit risalente a due anni prima.

A scatenare l'ultimo intervento di Mosca, un post pubblicato su Reddit più di due anni fa e contenente informazioni per coltivare funghi allucinogeni, contenuti ritenuti illegali. Le autorità hanno tuttavia bloccato l'accesso all'intera piattaforma, inserita dall'agenzia di controllo del Cremlino - la Roskomnadzor - nella propria black list.

La community è potuta tornare online nel Paese dopo un giorno, solo a seguito della rimozione del post incriminato da parte di Reddit: Roskomnadzor riferisce di aver provveduto a contattare gli amministratori di Reddit che hanno accettato di ottemperare alle loro richieste.
Prima che questi intervenissero, tuttavia, l'autore del subreddit u/rsocfan ha riferito di non voler rimuovere il post e che non avrebbe dovuto farlo neanche Reddit, in quanto si trattava di una seria questione di libertà di parola.

Da parte sua Reddit ha cercato di smorzare i toni riferendo che si tratta di una community internazionale ed in quanto tale non è raro che riceva richieste di rimozione di specifici post da parte delle autorità nazionali: in questo come in altri casi gli amministratori analizzano attentamente la questione considerando la normativa locale applicabile.

Il Cremlino, dal canto suo, persegue con pervicacia la propria politica di controllo dei contenuti online: tra le ultime azioni di Mosca in questo senso vi è una legge sulla privacy che minaccia di mettere alla berlina le pagina web che facciano ironia su volti o nomi di celebrità ed il blocco imposto a Wayback Machine, l'archivio della Rete reo di ospitare la copia cache di una pagina sgradita alle autorità.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàIl Cremlino non ama i memeLa madre di un famoso cantante alza la voce contro un tormentone online che ritiene offensivo: e la Russia prende provvedimenti per darle manforte
  • AttualitàFacebook, la censura russaI netizen russi stavano organizzando attraverso il social network una manifestazione a favore dell'attivista Alexei Navalny, feroce critico del presidente Putin. La pagina risulta ora irraggiungibile nel paese