Luca Annunziata

Pių Blackberry sul prossimo Venice

Una versione di Android personalizzata con l'interfaccia dell'azienda canadese. Ecco cosa si prospetta per l'autunno

Roma - Contrordine: non sarà semplicemente Android in versione stock quello che sarà a bordo del prossimo Blackberry Venice, primo smartphone dell'azienda canadese realizzato con il sistema operativo mobile di Google. Evan Blass, alias @evleaks, ha fornito altri dettagli sulle prossime novità del marchio un tempo noto come RIM: ci sarà tutta la schiera dei servizi a cui è abituata la clientela che sceglie un Blackberry, con in più i vantaggi di un ecosistema vivo e rigoglioso come quello Android.




La finestra con all'interno i file APK installati sul terminale mostra chiaramente diversi componenti che fanno parte della fornitura software tipica degli smartphone BB10: Productivity Suite, Communication Suite e Security Suite comprendono moltissime funzioni utili agli utenti professionali ma non solo, visto che di questi tempi una messaggistica e una rubrica unificati (che racchiudano cioè le voci provenienti da più servizi email, social e directory) fanno comodo a chiunque.
L'esperienza utente BB10 dovrebbe di fatto diventare la "skin" di Android a bordo del Venice: una dotazione completa sotto molti aspetti, visto che Blackberry ha sviluppato anche delle app per modificare e manipolare i documenti nei formati Office che potranno essere impiegate direttamente o sostituite e integrate con quanto mette a disposizione il marketplace Play.

In un certo senso, Venice costituirà una sorta di dimostrazione delle capacità di Blackberry: i servizi canadesi possono esistere sui suoi terminali o altrove, sul suo BB10 o integrati su un altro sistema operativo mobile. Così Venice si trasformerebbe in un veicolo marketing oltre che in un prodotto, con la speranza di rilanciare le quotazioni del marchio che un tempo era leader incontrastato del settore smartphone.

Luca Annunziata