Alfonso Maruccia

L8NT, wardriving al servizio della legge

Un poliziotto americano ha realizzato un software che a suo dire può aiutare le forze dell'ordine nel dare la caccia ai gadget hi-tech rubati. Basta leggere l'indirizzo MAC dei chip WiFi e il gioco è fatto, dice

Roma - L8NT è un tool che promuove una maniera relativamente insolita di fare war driving in favore del rispetto della legge, un software pensato per analizzare le reti WiFi raggiungibili nei luoghi pubblici alla ricerca di gadget hi-tech e sistemi informatici rubati. Una manna per le forze dell'ordine, sostiene il suo creatore.


L8NT è stato sviluppato da David Schwindt, poliziotto di Iowa City che ora intende "vendere" la sua soluzione ai colleghi vicini e lontani dopo 14 anni passati a perlustrare le strade presso il dipartimento di polizia locale.

Il tool è in grado di recuperare l'indirizzo MAC dai pacchetti di rete scambiati entro 91 metri dal dispositivo, confrontarlo con gli indirizzi univoci di prodotti rubati presenti nel suo database e far quindi scattare l'allarme nel caso in cui ci fosse una corrispondenza.
Stando a quanto sostiene Schwindt, L8NT può essere impiegato per cercare "attivamente" l'indirizzo MAC di ogni genere di elettrodomestico, PC portatile o gadget mobile con integrata la connettività WiFi inclusi PC desktop, laptop, cellulari, tablet, router di rete, lettore Blu-ray e altro ancora.
Il poliziotto-programmatore sottolinea il problema, sostanzialmente irrisolto, dei gadget hi-tech rubati che in genere non tornano più nelle mani del legittimo proprietario, con una percentuale di refurtiva recuperata che in tutti gli States si assesta fra il 3 e il 6 per cento. Uno strumento come L8NT, suggerisce Schwindt, può sopperire alla incapacità degli agenti di cercare in maniera proattiva i dispositivi.

Quello che Schwindt non dice è che l'approccio seguito da L8NT è tutto fuorché garanzia di successo, visto che un gadget rubato col WiFi spento non può essere identificato. Altra problematica che il nuovo tool non sembra in grado di affrontare a dovere è quella dello "spoofing" degli indirizzi MAC, una funzionalità usata ad esempio da Apple (a partire da iOS 8) come protezione della privacy dell'utente per rendere più difficile l'identificazione di un gadget mobile sulle reti WiFi pubbliche.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàAustralia, polizia contro il WiFi disinvoltoI poliziotti del Queensland andranno in giro a fare wardriving alla caccia di connessioni wireless insicure. A netizen renitenti verranno forniti opuscoli su come difendere la proprietà virtuale sulle reti telematiche
17 Commenti alla Notizia L8NT, wardriving al servizio della legge
Ordina
  • E a 'sto qua pagano pure lo stipendio?
    Shiba
    4063
  • ufff dice che è un poliziotto... ci sarà un motivo se in USA ci sono più barzellette sui poliziotti che da noi sui carabinieri no?
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • App di dubbia utilità

    1) posso cambiare facilmente l'indirizzo MAC del device

    2) Non faccio nulla e loro sanno che è rubato, quindi ? viene fornito anche il numero di telefono (se è uno smarphone) ? In caso contrario sanno che sono passato di li ma poi ci fermiamo.

    2) per il semplice fatto di aver divulgato la notizia ora saranno ben attenti a collegarsi ad una rete pubblica

    3) Ormai ognuno ha un abbonamento di pochi Euro tale da rendere superfluo il collegamento ad una rete WIFI pubblica che controlla.

    In pratica è più alta la percentuale di fallimento che di successo.
    non+autenticato
  • e' una cosa abbastanza ridicola che qualcuno "inventi" di nuovo il wardriving a 14 anni* di distanza... ma cmqOcchiolino



    *(beh e' +- quando ci si aggirava con le Lucent e le prismCon la lingua fuori)
    non+autenticato
  • Pure più di 14 volendo.... è dai tempi del meeting ietf di pittisburg (si parla del 2000) a quel meeting distribuivano ai partecipanti delle schede pcmcia marconi... (da restituire alla fine del convegno) che è un passatempo assai usato.
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • scommetto che persino su PI tutti sanno che è facilissimo cambiare o clonare qualunque MAC...
    Forse lo sa fare persino prova123
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • Boh forse mi sfugge qualcosa ma l'articolo non parla dei mac ma dell'indirizzo mac che è un'altra cosa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Boh forse mi sfugge qualcosa ma l'articolo non
    > parla dei mac ma dell'indirizzo mac che è
    > un'altra
    > cosa.
    Si come no ...
    treppunti lascia perdere che finisce che ti infogni in un altra figuraccia.
    non+autenticato
  • ehi guarda che la figuraccia la sta facendo tu. L'indirizzo mac è tutta un'altra cosa se non capisci di cosa stai parlando è meglio che vai a dormire va.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ....
    > ehi guarda che la figuraccia la sta facendo tu.
    > L'indirizzo mac è tutta un'altra cosa se non
    > capisci di cosa stai parlando è meglio che vai a
    > dormire
    > va.

    Rotola dal ridere
    i tuoi thread sono uno spasso
    Funz
    13000
  • - Scritto da: grande hakker
    > scommetto che persino su PI tutti sanno che è
    > facilissimo cambiare o clonare qualunque
    > MAC...
    > Forse lo sa fare persino prova123
    > A bocca aperta
    e' facilissimo in teoria. Ma poi in pratica, sui gadget specialmente, molto meno. (lo sai vero che molta gente preme sull'icona e basta, no?Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > e' facilissimo in teoria.
    Ma anche in pratica....

    > Ma poi in pratica, sui
    > gadget specialmente, molto meno. (lo sai vero che
    > molta gente preme sull'icona e basta, no?
    >Sorride
    Gente che preme sull'icona e basta può pure premere sull'icona (si c'è anche in forma gui e molto user friendly) della utility che lo cambia...
    A bocca aperta
    Una delle regole della rete è che non hai bisogno di essere un "grande hakker" per fare certe cose c'è già chi lo ha fatto per te 99 volte su 100
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: grande hakker

    > Gente che preme sull'icona e basta può pure
    > premere sull'icona (si c'è anche in forma gui e
    > molto user friendly) della utility che lo
    > cambia...
    Vabbe', ma parli di gente che si fa i selfie senza nemmeno cambiare account, figuriamoci il MAC address...
  • - Scritto da: grande hakker
    > scommetto che persino su PI tutti sanno che è
    > facilissimo cambiare o clonare qualunque
    > MAC...

    certo, basta andare nei negozietti cinesi.
    Lì son pieni di iphone clonati, ipad clonati, ipod clonati... sicuramente avranno anche i MAC clonati, perdinci!
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: grande hakker
    > > scommetto che persino su PI tutti sanno che è
    > > facilissimo cambiare o clonare qualunque
    > > MAC...
    >
    > certo, basta andare nei negozietti cinesi.
    > Lì son pieni di iphone clonati, ipad clonati,
    > ipod clonati... sicuramente avranno anche i MAC
    > clonati,
    > perdinci!
    Non importa andare in negozio basta scaricare l'utility dalla rete e cliccare... ovviamente quelli come te non sapranno mai come funziona ne perchè ma è irrilevante perchè tanto funziona lo stesso...
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: grande hakker

    > Non importa andare in negozio basta scaricare
    > l'utility dalla rete e cliccare...

    Si possono scaricare i MAC dalla rete? Newbie, inesperto
    O bella!
    E poi come li rendi fisici? Con una stampante 3D? Geniale però! Ficoso
    non+autenticato