Gaia Bottà

Russia, Google e gli abusi di Android

Le autorità antitrust hanno stabilito che Mountain View violi la legge imponendo ai produttori di dispositivi di veicolare, insieme ad Android, i propri servizi e le proprie applicazioni

Roma - La Russia ha stabilito che Google, veicolando i propri servizi attraverso Android, abusi della propria posizione dominante sul mercato mobile del paese: il Cremlino prenderà provvedimenti, che potrebbero includere una multa e la modifica forzosa del contratto che la Grande G impone ai produttori.

Yandex

A segnalare le pratiche con cui Google tenta di avvantaggiarsi sul mercato dei servizi attraverso il proprio ecosistema mobile era stato Yandex, motore di ricerca che in Russia detiene la fetta più consistente del mercato del search, oltre il 50 per cento, e che compete con Google sul fronte di diversi servizi. Yandex contestava a Google qunto previsto dal Mobile Application Distribution Agreement (MADA), il contratto che Mountain View impone ai produttori di dispositivi che adottino Android: il vincolo indissolubile con le applicazioni preinstallate, i servizi di Google come il search e Play Store, parte del pacchetto Google Mobile Services (GMS), contribuirebbero a ingessare la competizione sul mercato, impedendo ad altri attori di conquistare l'attenzione degli utenti Android.

Si tratta di sospetti avanzati anche dall'Europa, di rivendicazioni sollevate anche da soggetti come produttori che vorrebbero far fruttare il mercato del software preinstallato a sviluppatori di marketplace alternativi a Google Play, che vorrebbero ritagliarsi la propria visibilità presso il mercato di utenti Android. Yandex, allo stesso modo, faceva leva sul rifiuto incassato da diversi produttori OEM, che non avrebbero concesso al motore di ricerca russo la possibilità di figurare sui dispositivi al primo avvio.
Yandex, nonostante gli accordi stipulati ad esempio con Mozilla, ha dovuto confrontarsi negli ultimi mesi con un calo di popolarità imputabile principalmente agli utenti che Google si sarebbe conquistata con la mediazione del proprio sistema operativo, con Android che regna sul mercato mobile locale con una quota di oltre il 60 per cento. È proprio questa la posizione dominante di cui Mountain View avrebbe abusato, a parere dell'autorità antitrust russa.

"Google ha violato la legge imponendo a coloro che volessero vendere dispositivi Android con l'app store Google Play di preinstallarlo alla condizione di presinstallare obbligatoriamente anche altre app Google e il sistema di ricerca Google - spiega la commissione che ha analizzato il caso - posizionando il tutto il maniera privilegiata sulla home page del dispositivo", e determinando così l'impossibilità di preinstallare applicazione di terzi.

Le autorità antitrust russe formuleranno le accuse formali nel giro di dieci giorni, e proporranno a Google delle soluzioni per porre fine agli abusi e rinvigorire la competizione. Per la Grande G potrebbe profilarsi altresì una multa, pari a una cifra che può oscillare dall'1 per cento al 15 per cento del fatturato relativo al mercato sul quale si sia rilevata la violazione. Mountain View nega ogni commento, in attesa dei documenti ufficiali, mentre Yandex festeggia la decisione della autorità, incoraggiata anche dalla Borsa.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessAntitrust Android, il fronte russoYandex si è vista rifiutare l'installazione di certe app dai produttori di terminali Android: Google vorrebbe garantirsi la massima visibilità sul proprio OS mobile, anche a discapito della concorrenza. Sarà l'antitrust a valutare la liceità di queste pratiche
  • BusinessAntitrust Android, tra USA e RussiaNegli States si avvia verso l'archiviazione una class action sollevata da due utenti che denunciavano una relazione causale tra le licenze Android e i prezzi dei terminali. La Russia, nel frattempo, ha aperto le indagini
  • BusinessAntitrust Google, una sfida per l'EuropaLo scenario del confronto con la Commissione Europea, fra reminescenze dei casi Microsoft, nuovi mercati e proposte radicali. Punto Informatico intervista l'avvocato Enzo Marasà, specializzato in diritto europeo e antitrust
  • BusinessAntitrust, il mezzo sorriso di GoogleIn Corea del Sud, Android non rappresenta una minaccia alla libera concorrenza sul mercato del search. L'Europa, invece, non è soddisfatta dalle soluzioni proposte da BigG per agevolare la competizione
13 Commenti alla Notizia Russia, Google e gli abusi di Android
Ordina
  • quando un dominante fa causa a un altro dominante, per dire che il secondo, che lavora nel suo stesso campo, abusa del dominio... con l'evidente scopo di dominarvi di piu' lui stesso ... e' molto triste. ancor piu' triste se accade nella democratica Russia a favore del dominante russoCon la lingua fuori

    La faccenda del framework google sempre piu' grosso e invadente e' invece tutt'altra ed esiste eccome, purtroppo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > quando un dominante fa causa a un altro
    > dominante, per dire che il secondo, che lavora
    > nel suo stesso campo, abusa del dominio... con
    > l'evidente scopo di dominarvi di piu' lui stesso
    > ... e' molto triste. ancor piu' triste se accade
    > nella democratica Russia a favore del dominante
    > russo
    >Con la lingua fuori
    >
    > La faccenda del framework google sempre piu'
    > grosso e invadente e' invece tutt'altra ed esiste
    > eccome,
    > purtroppo.

    A me queste faccende fanno ridere.
    Tutto si riduce a litigare per il preinstallato, e quindi a contendersi quell'ampia fetta di utilizzatori ignoranti e manipolabili.

    Gli utenti con consapevolezza e cervello del preinstallato se ne fregano e configurano i dispositivi secondo i loro gusti e le loro necessita'.

    Se uno vuole usare il motore di ricerca russo Yandex, non sara' mica la mancanza dell'app nello store iniziale a fermarlo.

    Quindi devo convenire con Aniello Caputo: che me frega a me?
  • - Scritto da: panda rossa

    > A me queste faccende fanno ridere.
    > Tutto si riduce a litigare per il preinstallato

    Panda, il preinstallato, così come le impostazioni predefinite di OS/app/servizio sono le cose (insieme all'EULA) che determinano la storia del mondo.

    Non puoi guardare il mondo solo attraverso la tua personale lente e alzare le spallucce.
    non+autenticato
  • - Scritto da: hhhh
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > A me queste faccende fanno ridere.
    > > Tutto si riduce a litigare per il
    > preinstallato
    >
    > Panda, il preinstallato, così come le
    > impostazioni predefinite di OS/app/servizio sono
    > le cose (insieme all'EULA) che determinano la
    > storia del
    > mondo.

    La determineranno solo quando il preinstallato non sara' piu' disinstallabile e le impostazioni predefinite non modificabili.
    Fino ad allora la storia del mondo dipendera' ancora dal libero arbitrio delle persone e non dalla follia degli imperatori.

    > Non puoi guardare il mondo solo attraverso la tua
    > personale lente e alzare le
    > spallucce.

    In realta' io il mondo lo guardo coi miei propri occhi.

    Il mondo attraverso le fette di salame lo guardano quelli che rinunciano ad usare i propri occhi e subiscono il preinstallato.

    E il fatto che nonostante tutto, io sia ancora qui a denunciare i soprusi e ad esortare i servi a ribellarsi e spezzare le catene, dimostra che le spallucce non le alzo mica.
  • - Scritto da: panda rossa

    > La determineranno solo quando il preinstallato
    > non sara' piu' disinstallabile e le impostazioni
    > predefinite non
    > modificabili.


    No. Quello determina la tua personale libertà.
    Il preinstallato e le configurazioni di default determinano la storia del mondo (anni fa avrei aggiunto informatico, ma oggi l'informatica governa il mondo).

    > Fino ad allora la storia del mondo dipendera'
    > ancora dal libero arbitrio delle persone e non
    > dalla follia degli
    > imperatori.

    Panda, il tuo libero arbitrio esiste, quello delle persone, intese come massa critica, NO.
    E sono loro a muovere le cose, non tu.
    non+autenticato
  • La massa critica come la chiami tu non decide una cippa, sono delle semplici marionette manovrate da alcune minoranze.
    non+autenticato
  • - Scritto da: zzo_dici
    > La massa critica come la chiami tu non decide una
    > cippa

    non hai capito una cippa.
    E non ho voglia di spiegarti.
    non+autenticato
  • > La faccenda del framework google sempre piu'
    > grosso e invadente e' invece tutt'altra ed esiste
    > eccome,
    > purtroppo.

    Bello avere sempre ragione.
    maxsix
    9889
  • - Scritto da: maxsix
    > Bello avere sempre ragione.

    Poi magari imporranno ad Apple di pre-installare Yandex al posto di Siri... per quanto improbabile la loro legislazione lo permetterebbe.
  • - Scritto da: bradipao
    > per quanto improbabile
    > la loro legislazione lo
    > permetterebbe.

    uh??? la legislazione antitrust esiste dappertutto
    non+autenticato
  • - Scritto da: maxsix
    > > La faccenda del framework google sempre piu'
    > > grosso e invadente e' invece tutt'altra ed
    > esiste
    > > eccome,
    > > purtroppo.
    >
    > Bello avere sempre ragione.
    sembra la lamentazione di riina verso i posteggiatori abusivi.

    Riprova e sarai piu' fortunato.
    non+autenticato