Stanca: habemus e-family

La conversione degli italiani in e-umani procede speditamente secondo il ministro all'Innovazione. Agli italiani della nuova era il PC piace più della Televisione: il grande salto evolutivo è ormai dietro l'angolo

Stanca: habemus e-familyRoma - In linea con il resto d'Europa e quindi con quei paesi che grazie ai soldi corrono più velocemente verso il trionfale obiettivo dell'e-mondo: così si consolida l'evoluzione intrapresa dalle famiglie italiane, ormai pronte al passaggio al nuovo stadio evolutivo, quello dell'e-family.

Della svolta digitale italiana ha parlato ieri il ministro all'Innovazione Lucio Stanca che ha commentato i risultati di uno studio Federcomin che, in qualche modo, fotografa il nuovo e-italiano.

A rivelarsi motore dello sviluppo tecnologico in Italia, del mercato relativo e dunque degli investimenti nel settore è secondo Stanca la famiglia italiana, attenta a cogliere i segni della nuova era, a farli propri ed integrarli nel proprio stile di vita, portafoglio permettendo. "La fotografia dell'e-family - ha spiegato il Ministro - è molto positiva perché dimostra che, tecnologicamente parlando, la famiglia italiana è nella media europea con un ampio utilizzo di PC, Internet e larga banda. Non solo, nel nostro Paese non c'è divario tra Nord e Sud, ma solo differenze tra classi di età e tra categorie sociali, come le casalinghe e i pensionati".
Una tecnologia, dunque, che si diffonde nel cuore e nell'uso degli e-italiani, che ne assumono gli effetti come quelli di un virus benefico capace di superare le distanze geografiche. Simbolo di tutto questo è il fatto che i dati parlano del grande sorpasso: in Italia vengono venduti più personal computer di televisori. Quest'anno, ha spiegato Stanca, si prevede la vendita di quasi 4 milioni di PC contro circa 3,5 milioni di TV.

Ciò che viene anche ritenuto significativo è che la propensione alla trasformazione in e-family da parte delle famiglie è persino superiore a quella delle imprese. I numeri parlano da soli: in un anno l'uso dei PC tra le e-mura e-domestiche è aumentato del 14 per cento, e del 20 per cento l'uso di Internet. Il tutto condito dalla presenza della banda larga nelle case di 1,7 milioni di e-fortunati.

Se l'evoluzione ha i tempi lunghi la e-evoluzione può essere aiutata e Stanca ha ricordato come il Governo abbia già attivato politiche per sostenere e promuovere il passaggio alla nuova era, in particolare con operazioni di alfabetizzazione informatica in "scuole, strutture pubbliche e sociali".

Spintarelle evolutive come il progetto televisivo coordinato con la RAI varato nei giorni scorsi per insegnare il senso del PC e di Internet agli italiani che fin qui hanno osservato l'affermarsi dell'era digitale con distaccato sgomento o sostanziale ignoranza. Ma non finisce qui: ci sono gli sconti-PC per i 16enni, i contributi alle famiglie a basso reddito per l'acquisto di PC (200 euro per chi guadagna meno di 15mila euro l'anno), un maggiore accesso dei disabili ai nuovi media, nuovi centri di accesso pubblico ad internet nel Sud e centri di formazione informatica nelle biblioteche. L'e-Italia è servita.
TAG: italia
22 Commenti alla Notizia Stanca: habemus e-family
Ordina
  • TRADUZIONE:
    "Presto anche internet sarà piena di immondizia, così come
    la tv, la radio, la carta stampata ecc. ecc. ............".
    non+autenticato
  • Che bella una famiglia con 3 figli.
    Perche' non mi tolgo dalla testa tutte le amiche carine e non mi sposo la mia morosa?
    non+autenticato
  • Dovreste fare una rubrica settimanale. Il titolo? "La pillola di Stanca" potrebbe andare bene. Il materiale certo non manca e non machera'... almeno fino a quando il governo restera' in piedi.
    Ciao.A bocca aperta
    non+autenticato
  • Queste frasi sensazionalistiche con e da tutte le parti hanno "stancato" (A bocca aperta che battutona).

    Se una cosa è utile è logico che la gente la compri.
    Il personal computer esiste da più di 20anni, di contro tv e telefonini hanno impiegato meno a diffondersi capillarmente tra gli utenti domestici.

    Poi è logico che l'avvento di internet ha reso il pc uno strumento ancora più general purpose (prima lo aveva soprattutto chi lo usava per lavoro o per gioco oltre che gli appassionati), in quanto permette l'informazione sui propri hobby e passioni, oltre che per comunicare con email chat ecc..
    Inoltre il pc è evoluto molto rendendo possibili applicazioni multimediali (vedere film al pc e ascoltare musica) a un prezzo accettabile.

    Il paragone con la tv (a hanno venduti di più) lascia il tempo che trova, dato che la tv ce l'hanno già tutti mentre il pc no, inoltre anche chi il pc ce l'ha già da anni (e sono molti) ogni tanto lo deve cambiare se vuole usare gli ultimi programmi (non parliamo dei giochi).

    La cosa che manca ancora capillarmente è l'uso dell'e-commerce (qui la e ci vuole e ci sta bene) a causa soprattutto della mancanza di pagamenti tramite carte prepagate o cellulare (accettati massicciamente) dato che non tutti hanno la carta di credito.

    Un'altra cosa che manca e di cui stanca dovrebbe parlare è la ancora carente situazione dei siti della pa, che forniscano servizi che facciano risparmiare tempo ai cittadini.
    Qualcosa c'è ma non mi si venga a dire che sono molti.
    Inoltre pochissime persone hanno l'indirizzo di posta elettronica del comune; molti comuni si stanno attrezzando per fornirli, ma mi risulta che pochi ce li abbiano (non ho visto gran pubblicità in giro) e sarebbero utilissimi per le comunicazioni della pubblica amministrazione.

    Insomma anzichè vantarsi di cose che sostanzialmente non dipendono ne da lui ne tantomeno dal governo (...) dovrebbe rendere disponibili più servizi, sia informativi (newsletter ecc.) che diano informazioni (date di scadenze, modalità, nuove leggi ecc.) e servizi che rendanop più facile la vita ai cittadini.

    ciao
    non+autenticato

  • > Il paragone con la tv (a hanno venduti di
    > più) lascia il tempo che trova, dato
    > che la tv ce l'hanno già tutti mentre
    > il pc no, inoltre anche chi il pc ce l'ha
    > già da anni (e sono molti) ogni tanto
    > lo deve cambiare se vuole usare gli ultimi
    > programmi (non parliamo dei giochi).

    Certo ceh il paragone con la TV lascia il tempo che trova... ma dipende dai contenuti inesistenti della TV. Qualsiasi cosa é meglio di quell'immondizia.
    non+autenticato
  • Diciamo pure che togliendo il tubo catodico e riempiendo la carcassa di verze ammuffite, non ci si accorge minimamente della differenza...:s
    4724

  • Ovvero i nuovi utenti che pensano ad internet ed al pc come ad un televisore con la tastiera. Per loro i markettari ritaglieranno una "rete" tutta lustrini e cotillions, piena di effetti ultraspeciali (ma noisiamo scienza, non fantascienza), suonerie, disegnini e puttanate varie.

    Il trionfo della forma sulla sostanza.

    2 gg fa:

    io
    "hei... guarda, ti consiglio di leggere quest'articolo, è veramente scritto bene e chiarisce molto le idee"

    amico
    "...madonna com'è lungo! sieee mi ci vole 'na vita"

    io
    " ma se sarà sì e no un foglio A4.......!"

    Leggere è già _faticoso_per moltissime persone.

    FIGURARSI imparare. Qui si celia.

    non+autenticato
  • va beh se hai amici ignoranti e caproni mica è colpa nostraOcchiolino
    non+autenticato
  • barbari in che senso ?

    I BARBARI SI CHIAMAVANO COSI PERCHE NON SAPEVANO IL GRECO MICA L ITALIANO
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)