Microsoft: i fan del Mac? Amici nostri

Non è un segreto che gli utenti della mela considerino Microsoft il nemico numero uno ma il big di Redmond sembra ora volere far cambiare loro idea. Come? Spiegando che Apple è un business, altro che politica

Redmond (USA) - Fra Microsoft e i fan di Apple non è mai corso buon sangue, ma ora pare che il big di Redmond reciti il famoso ritornello "quel che è stato è stato, scordiamoci il passato" e tenda una mano in segno di amicizia.

L'ambasciatore di pace è Kevin Browne, general manager della Macintosh Business Unit di Microsoft, che intervistato da Reuters ha espresso tutta la volontà della sua azienda di seguire da vicino il mercato Mac, rispolverando un vecchio motto di Bill Gates: "Profitti, non politica".

I rapporti fra Microsoft ed Apple sono stati particolarmente tesi verso la metà degli anni '90, quando gli utenti della mela si infuriarono con il colosso di Redmond per il grande gap che accompagnava i rilasci di Office per Windows rispetto a quelli per Mac.
Nel 1997 Microsoft arrivò persino a ponderare la possibilità di abbandonare il business legato al software per Mac, una mossa che secondo alcuni analisti avrebbe potuto uccidere Apple.
In realtà, ed in quello stesso anno, Microsoft fece una scelta del tutto opposta investendo nell'azienda rivale 150 milioni di dollari.

Il boss della divisione Mac di Redmond, che coordina il lavoro di 185 persone (a quanto pare tutti utenti Mac), ha recentemente affermato: "Le nostre relazioni con Apple non sono mai state migliori di adesso", augurandosi che gli utenti di Apple possano guardare a Microsoft non come a un nemico, ma come ad una partner leale.

"Il business legato al Mac - ha poi detto Browne - è piuttosto buono. Comparato a quello di Windows non appare così grande, ma come azienda indipendente lo è". E per azienda indipendente Brown intende proprio la divisione di cui è a capo, una piccola figlia della grande Microsoft alla quale è stata concessa grande autonomia.

I più maligni sostengono però che Microsoft continua a vendere software per Mac non tanto perché sia un business, quanto perché questo l'aiuta a rafforzare la propria posizione di difesa nel processo antitrust in corso.

Microsoft sembra tuttavia sinceramente interessata a Mac OS X, soprattutto in vista di una possibile estensione verso questo nuovo sistema operativo della piattaforma.NET. E per Mac OS X il big di Redmond ha già pianificato l'uscita di Office X, il nome in codice del successore di Office 2001.
TAG: apple
157 Commenti alla Notizia Microsoft: i fan del Mac? Amici nostri
Ordina
  • tu che dici che in giro ci sono i server mac, ti do' un assaggio:

    -statistiche dei top-uptime
    http://uptime.netcraft.com/up/today/top.avg.html
    nella statistica nemmeno un mac.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vertigo
    > tu che dici che in giro ci sono i server
    > mac, ti do' un assaggio:
    >
    > -statistiche dei top-uptime
    > http://uptime.netcraft.com/up/today/top.avg.h
    > nella statistica nemmeno un mac.
    Già, già, ma guarda caso invece ci sono. Non a valanghe ma ci sono. Quello che scrivono in giro mi frega sai quanto? Le parole si lasciano scrivere da sempre... presente le catene di S. Antonio?
    non+autenticato
  • Lasciate stare plz., se non sa nemmeno che cosa è Netcraft... (no, non fila e non fonde... e S.Antonio non c'entra)

    non è che sei così perchè usi il mac, magari è solo perchè hai 10 anni, o sai a malapena cosa è un elaboratore... non è mica un male, ma non atteggiarti a superesperta per giustificare le tue tesi
    non+autenticato
  • "In realtà, ed in quello stesso anno, Microsoft fece una scelta del tutto opposta investendo nell'azienda rivale 150 milioni di dollari."

    Lo fece per non pagare una multona salata ad Apple per aver copiato il system dopo la denuncia!!! Per favore, raccontiamo le cose come stanno!!!
    non+autenticato
  • Annina, sai per caso se Apple ha pagato qualcosa a Xerox?
    Perchè mi risulta che furono loro ad inventare e realizzare per primi un sistema grafico a finestre.
    non+autenticato
  • - Scritto da: : )     -:
    > Annina, sai per caso se Apple ha pagato
    > qualcosa a Xerox?
    > Perchè mi risulta che furono loro ad
    > inventare e realizzare per primi un sistema
    > grafico a finestre.
    Non fu plagio. La differenza del caso è che mentre Jobs vide il system Xerox e decise che era un'idea alla quale ispirarsi Bill copiò di sana pianta il MacOs (comprese alcune icone) per ben due volte!
    Diamo a Cesare...
    non+autenticato
  • hai presente la pubblicità del conto arancio?
    "ti stai arrampicando sugli specchi"
    il plagio è copiare una idea altrui, non esiste "ispirarsi" se non riconosci il diritto d'autore!
    non+autenticato
  • > "ti stai arrampicando sugli specchi"

    occhio che anna è campionessa mondiale...
    non+autenticato
  • From "The New York Town" of today, a little story for you.

    by by my friends.
    by Alien

    May 10, 2001


    Markoff: Looking Back at My First PC

    By JOHN MARKOFF










    WENTY years ago, I bought my first personal computer.

    I wasn't the earliest of adopters. There were already dozens of PC makers, with names like Apple, Atari, Radio Shack and Texas Instruments. Though I had been thinking about buying a computer for several years, I had never been able to afford one. But in October 1981, newly employed, I drove to the Computerland store in Los Altos, Calif., and paid about $3,000 for an I.B.M. Personal Computer.

    At a distance of two decades, I'm not entirely sure why I chose an I.B.M. PC instead of one of its more established rivals, like the Apple III ? a cool computer with better graphics and a more advanced operating system. Perhaps it was because of the Apple III's reputation for quality problems.

    It may also have had to do with I.B.M.'s legendary reputation for service back then. After all, I had seen its technicians resuscitate my secondhand Selectric typewriter, with its rotating type ball, year after year.

    But probably, like hundreds of thousands of others, I saw I.B.M.'s arrival on the PC scene in August 1981 as a sign that the very nature and potential of computing had changed.

    "Those three letters were a booster rocket for the personal computing world," said Paul Freiberger, a McKinsey & Company consultant who is co-author of "Fire in the Valley: The Making of the Personal Computer" (McGraw- Hill, 2000).

    Personal computers were no longer just for playing games, no longer garage-style Heathkit projects. They were becoming the stuff of business, with word processors replacing typewriters, and tools like spreadsheets and databases no longer limited to the technically adept.

    And once PC's began infiltrating corporate America, a virtually exclusive I.B.M. franchise for decades, Big Blue felt compelled to act. In fact, in contrast to the developers of the first PC's, I.B.M. didn't see its personal computer as very personal at all. It was aimed at the office desktop.

    Mine was no exception. I had recently started my first full-time job as a reporter, covering the fledgling PC industry for InfoWorld ? a publication that aspired to be the Rolling Stone (or was it the Sports Illustrated?) of personal computing.

    The InfoWorld office in Palo Alto, Calif., had several personal computers ? the Radio Shack PC's known as Trash 80's, along with Sols, Osbornes and Apple II's and III's. The writing machine of choice was a NorthStar, a boxy PC that used eight-inch floppy disks and was controlled from a monitor-keyboard contraption known as a dumb terminal.

    But there weren't enough computers to go around, and we had to share them. So I was eager to get my own.

    What I brought back to the office was decidedly not a cool machine. Unlike many of the hobbyist computers of the era, wrapped in everything from plastic enclosures to teak boxes, the I.B.M. PC was corporately clad in a drab gray metal box. For the base price of $1,565, it came with 16 kilobytes of memory and no monitor or disk drives.

    I had run the tab to $3,000 by adding two 5 1/4-inch floppy-disk drives (one for the operating system and another for data and programs), a boxy monitor that displayed text in a fluorescent green hue on a black background and an upgrade to 64 kilobytes of memory. Like most buyers of the I.B.M. PC, though, I ordered it with the least expensive of the three operating systems available: PC DOS 1.1, which I.B.M. had licensed from Microsoft, a small software company in Bellevue, Wash.

    The operating system sold for $40, and its heart, a tiny program called command.com, fit in five kilobytes of memory. Booting up took seconds.

    The licensing deal with Microsoft (which left Microsoft free to sell its system to others) was only one fateful decision in I.B.M.'s entry into the PC marketplace. Known for its proprietary mainframes and minicomputers, I.B.M. swallowed hard and actively encouraged anybody with a good idea to build hardware or write a program that would take advantage of its PC.

    At first that meant tapping into a wellspring of hacker enthusiasm. One hobbyist, Andrew Flugelman, later the first editor of PC World magazine, wrote a program called PC-Talk, used widely to connect to online services. The machine's first word processor was written by John Draper, a.k.a. Cap'n Crunch, who had achieved notoriety (and a prison term) in the 1970's building so-called "blue boxes" to make free phone calls.

    But the hackers were quickly being swept aside. The corporate-inspired transition symbolized by the I.B.M. PC brought with it a new computing culture. It was no longer about a hobby; it was about business.

    In the mid-1970's, ground zero had been the Homebrew Computer Club, an eclectic group that held its first meeting in a garage near Stanford University, showing off homemade machines and programs to one another. By 1982, the center of gravity was the Silicon Valley Computer Club, meeting in a shiny auditorium, its ranks a sea of clean- shaven, white-shirted engineers wearing pocket protectors and intent on seizing the next big entrepreneurial opportunity.

    And those opportunities came quickly, as the advent of the I.B.M. PC touched off a hardware explosion.

    After one meeting of the computer club, out in the parking lot, I was able to buy an expansion card for my new PC from an enterprising engineer who was starting his own company. With the card I was able to add an outrageous 384 kilobytes of memory to the machine. By contrast, my current portable Mac has more than 500 times the memory ? and I was able to double its storage the other week for $39.

    Still, while that first I.B.M. PC seems anemic now ? and some computer enthusiasts even mocked it at the time ? its 4.77- megahertz Intel 8088 microprocessor actually represented a big leap in computing power. A single program and its data could fill 640 kilobytes of random access memory, 10 times the capacity of the PC microprocessors of the era.

    More than any of the machine's other features, it was the ability to run more powerful, memory-intensive programs that awoke software developers to the new possibilities of personal computing. To take advantage of that promise, all users needed to do was add memory to their machines.

    Two people who immediately saw the potential were Mitchell D. Kapor and Jonathan Sachs. Mr. Sachs had written a spreadsheet program for PC's but found that it ran very slowly, with few interesting capabilities. They reworked the program for the I.B.M. PC, with its more capable processor, and introduced it as Lotus 1-2-3 in 1982. By 1983, their company had $53 million in revenue and went public. Many others, making software or peripheral products or cloning the PC itself, followed suit.

    As focused as some of those efforts were on bus
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alien
    > From "The New York Town" of today, a little
    > story for you.
    >
    > by by my friends.
    > by Alien
    >
    > May 10, 2001
    >
    >
    > Markoff: Looking Back at My First PC
    >
    > By JOHN MARKOFF
    >
    Alieeeeeeeeeeennn! Il "nemico" è come un cristallo di Boemia: basta poco e si rompe tutto!!! :-/
    >    
    >   
    >   
    >
    >   
    >
    >   
    >   
    > WENTY years ago, I bought my first personal
    > computer.
    >
    > I wasn't the earliest of adopters. There
    > were already dozens of PC makers, with names
    > like Apple, Atari, Radio Shack and Texas
    > Instruments. Though I had been thinking
    > about buying a computer for several years, I
    > had never been able to afford one. But in
    > October 1981, newly employed, I drove to the
    > Computerland store in Los Altos, Calif., and
    > paid about $3,000 for an I.B.M. Personal
    > Computer.
    >
    > At a distance of two decades, I'm not
    > entirely sure why I chose an I.B.M. PC
    > instead of one of its more established
    > rivals, like the Apple III ? a cool computer
    > with better graphics and a more advanced
    > operating system. Perhaps it was because of
    > the Apple III's reputation for quality
    > problems.
    >
    > It may also have had to do with I.B.M.'s
    > legendary reputation for service back then.
    > After all, I had seen its technicians
    > resuscitate my secondhand Selectric
    > typewriter, with its rotating type ball,
    > year after year.
    >
    > But probably, like hundreds of thousands of
    > others, I saw I.B.M.'s arrival on the PC
    > scene in August 1981 as a sign that the very
    > nature and potential of computing had
    > changed.
    >
    > "Those three letters were a booster rocket
    > for the personal computing world," said Paul
    > Freiberger, a McKinsey & Company consultant
    > who is co-author of "Fire in the Valley: The
    > Making of the Personal Computer" (McGraw-
    > Hill, 2000).
    >
    > Personal computers were no longer just for
    > playing games, no longer garage-style
    > Heathkit projects. They were becoming the
    > stuff of business, with word processors
    > replacing typewriters, and tools like
    > spreadsheets and databases no longer limited
    > to the technically adept.
    >
    > And once PC's began infiltrating corporate
    > America, a virtually exclusive I.B.M.
    > franchise for decades, Big Blue felt
    > compelled to act. In fact, in contrast to
    > the developers of the first PC's, I.B.M.
    > didn't see its personal computer as very
    > personal at all. It was aimed at the office
    > desktop.
    >
    > Mine was no exception. I had recently
    > started my first full-time job as a
    > reporter, covering the fledgling PC industry
    > for InfoWorld ? a publication that aspired
    > to be the Rolling Stone (or was it the
    > Sports Illustrated?) of personal computing.
    >
    > The InfoWorld office in Palo Alto, Calif.,
    > had several personal computers ? the Radio
    > Shack PC's known as Trash 80's, along with
    > Sols, Osbornes and Apple II's and III's. The
    > writing machine of choice was a NorthStar, a
    > boxy PC that used eight-inch floppy disks
    > and was controlled from a monitor-keyboard
    > contraption known as a dumb terminal.
    >
    > But there weren't enough computers to go
    > around, and we had to share them. So I was
    > eager to get my own.
    >
    > What I brought back to the office was
    > decidedly not a cool machine. Unlike many of
    > the hobbyist computers of the era, wrapped
    > in everything from plastic enclosures to
    > teak boxes, the I.B.M. PC was corporately
    > clad in a drab gray metal box. For the base
    > price of $1,565, it came with 16 kilobytes
    > of memory and no monitor or disk drives.
    >
    > I had run the tab to $3,000 by adding two 5
    > 1/4-inch floppy-disk drives (one for the
    > operating system and another for data and
    > programs), a boxy monitor that displayed
    > text in a fluorescent green hue on a black
    > background and an upgrade to 64 kilobytes of
    > memory. Like most buyers of the I.B.M. PC,
    > though, I ordered it with the least
    > expensive of the three operating systems
    > available: PC DOS 1.1, which I.B.M. had
    > licensed from Microsoft, a small software
    > company in Bellevue, Wash.
    >
    > The operating system sold for $40, and its
    > heart, a tiny program called command.com,
    > fit in five kilobytes of memory. Booting up
    > took seconds.
    >
    > The licensing deal with Microsoft (which
    > left Microsoft free to sell its system to
    > others) was only one fateful decision in
    > I.B.M.'s entry into the PC marketplace.
    > Known for its proprietary mainframes and
    > minicomputers, I.B.M. swallowed hard and
    > actively encouraged anybody with a good idea
    > to build hardware or write a program that
    > would take advantage of its PC.
    >
    > At first that meant tapping into a
    > wellspring of hacker enthusiasm. One
    > hobbyist, Andrew Flugelman, later the first
    > editor of PC World magazine, wrote a program
    > called PC-Talk, used widely to connect to
    > online services. The machine's first word
    > processor was written by John Draper, a.k.a.
    > Cap'n Crunch, who had achieved notoriety
    > (and a prison term) in the 1970's building
    > so-called "blue boxes" to make free phone
    > calls.
    >
    > But the hackers were quickly being swept
    > aside. The corporate-inspired transition
    > symbolized by the I.B.M. PC brought with it
    > a new computing culture. It was no longer
    > about a hobby; it was about business.
    >
    > In the mid-1970's, ground zero had been the
    > Homebrew Computer Club, an eclectic group
    > that held its first meeting in a garage near
    > Stanford University, showing off homemade
    > machines and programs to one another. By
    > 1982, the center of gravity was the Silicon
    > Valley Computer Club, meeting in a shiny
    > auditorium, its ranks a sea of clean-
    > shaven, white-shirted engineers wearing
    > pocket protectors and intent on seizing the
    > next big entrepreneurial opportunity.
    >
    > And those opportunities came quickly, as the
    > advent of the I.B.M. PC touched off a
    > hardware explosion.
    >
    > After one meeting of the computer club, out
    > in the parking lot, I was able to buy an
    > expansion card for my new PC from an
    > enterprising engineer who was starting his
    > own company. With the card I was able to add
    > an outrageous 384 kilobytes of memory to the
    > machine. By contrast, my current portable
    > Mac has more than 500 times the memory ? and
    > I was able to double its storage the other
    > week for $39.
    >
    > Still, while that first I.B.M. PC seems
    > anemic now ? and some computer enthusiasts
    > even mocked it at the time ? its 4.77-
    > megahertz Intel 8088 microprocessor actually
    > represented a big leap in computing power. A
    > single program and its data could fill 640
    > kilobytes of random access memory, 10 times
    > the capacity of the PC microprocessors of
    > the era.
    >
    > Mo
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anna
    > - Scritto da: Alien
    > > From "The New York Town" of today, a
    > little
    > > story for you.
    > >
    > > by by my friends.
    > > by Alien
    > >
    > > May 10, 2001
    > >
    > >
    > > Markoff: Looking Back at My First PC
    > >
    > > By JOHN MARKOFF
    > >
    > Alieeeeeeeeeeennn! Il "nemico" è come un
    > cristallo di Boemia: basta poco e si rompe
    > tutto!!! :-/

    Io lo so Anna, sono gli altri che non lo sanno o fanno finta di non saperlo.

    Ciao    
    non+autenticato
  • brava, compimenti, ottimo quoting...

    non+autenticato
  • Alien, visto che un fisico qualunque poteva andare bene, se cercavi qualcuno per costruire un aggeggio nucleare, FERMI potevi riuscire a scriverlo senza fare errori, piuttosto che straziare il povero J.R.Oppenheimer.

    hai azzeccato due lettere su 11: la prossima volta usa interdet per acculturarti, che per rovinare il mondo!

    e' vero, sono d'accordo con te: Anna ogni tanto sa un po' di maschietto....speriamo che non sia vero quello che si dice. cioe' che lei in realta' e' un riuscito travestimento di Stefano Lavori (che casualmente e' sparito).

    scopri la verita'
    (e scrivi minuscolo, rompicoglioni)


    non+autenticato
  • > e' vero, sono d'accordo con te: Anna ogni
    > tanto sa un po' di maschietto....
    Avere le idee chiare non è da maschietti e difenderle neppure: è da persone pensanti! Forse le donne che conosci non sono così. Ma è un broblema tuo e loro non mio!
    Vabbé, trallallerò trallalla (così sembro più carina) i PC sono computer da VuCumprà (Lo sembro ancora?)
    Sorride))
    non+autenticato
  • ora sono convinto.

















































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































    di quello che ho detto ovviamente...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Larry
    > Alien, visto che un fisico qualunque poteva
    > andare bene, se cercavi qualcuno per
    > costruire un aggeggio nucleare, FERMI potevi
    > riuscire a scriverlo senza fare errori,
    > piuttosto che straziare il povero
    > J.R.Oppenheimer.
    >
    > hai azzeccato due lettere su 11: la prossima
    > volta usa interdet per acculturarti, che
    > per rovinare il mondo!
    >
    > e' vero, sono d'accordo con te: Anna ogni
    > tanto sa un po' di maschietto....speriamo
    > che non sia vero quello che si dice. cioe'
    > che lei in realta' e' un riuscito
    > travestimento di Stefano Lavori (che
    > casualmente e' sparito).
    >
    > scopri la verita'
    > (e scrivi minuscolo, rompicoglioni)

    Non ci credo; Anna è Anna.

    Se Stefano LAvori è un travestito, chi se ne frega, conosco dei travestiti simpaticissimi.
    Ma mi viene un dubbio; STEFANO LAVORI eè un TRAVESTITO PRETORIANO o mi sbaglio???
    No, perchè se fosse così, Te lo lascio volentieri.
    Mi ricordo che una volta avevo conosciuto una Tizia niente male Brasiliana, solo dopo accurate analisi mi sono accorto che era un travestito, ma che ci vuoi fare?
    A Te non è mai capitato di uscire con una bella tipa che poi si è rivelata in realtà un Travestito?
    Dicono che ce ne sono in giro un sacco, molti si riconoscono facilmente, altri assolutamente no, Te lo assicuro:
    Belle aambe liscie, tette tipo coppa di champagne, curve al posto giusto, non un filo di ciccia, viso proprio da femmina e ben truccato, voce da femmina, modi di fare gentilissimi, che tante donne vere se li scordano in quanto sembra che siano uomini dai modi di fare.
    Ti posso assicurare che certi Travestiti sono meglio delle donne; beh, a parte quello che Tu ti puoi immaginare........
    non+autenticato
  • Caro Alien,

    grazie per la dettagliata risposta.
    sono assolutamente Concorde con quello che hai detto e quasi me ne stupisco...spero di non aver problemi al prossimo decollo.

    Tirando le somme, non corro rischi (piacevoli o meno) dovendo scegliere tra tutti i mali, scelgo sempre il minore, quindi mi piacciono le donne di piccola taglia e, come saprai...
    i travestiti svettano!

    EPS: ho incontrato recentemente ad una festa Eva Robbins che mi ha lanciato un'occhiatona impudica...
    non+autenticato
  • Caro Zeross,
    tu attacchi subito con frasi tipo "Voi non avete argomentazioni, risparmiatevi le vostre -fesserie- e tirate fuori qualcosa di serio".

    Io credo che qualcosa di serio l'abbiamo tirato fuori il più di un occasione, forse quello che ha spiegato meglio il ns punto di vista è stato munehiro. Ora non possiamo ribattere ogni volta perchè noi si lavora, e se non volete capire la prima, la seconda, la terza volta, alla quarta diciamo basta. SIamo stufi. Poi credi sia facile schierarci con il nostro 10% constro quelli che sostengono MS e/o usano comunque windows? E` una battaglia persa perchè contro uno che spiega il nostro punto di vista, ce ne sono 9 da "tenere a bada", e ogniuno di quei 9 ha la sua idea pro-ms che non gliela leva nessuno. Chiaramente sto escludendo personaggi come Alien (dalla parte (ho dei dubbi) nostra) e Goi Massimiliano (dalla vostra).

    ....ovvio che non possiamo quindi fornire le STESSE spiegazioni ogni post.
    non+autenticato


  • - Scritto da: maik
    > Caro Zeross,
    > tu attacchi subito con frasi tipo "Voi non
    > avete argomentazioni, risparmiatevi le
    > vostre -fesserie- e tirate fuori qualcosa di
    > serio".
    >
    > Io credo che qualcosa di serio l'abbiamo
    > tirato fuori il più di un occasione, forse
    > quello che ha spiegato meglio il ns punto di
    > vista è stato munehiro. Ora non possiamo
    > ribattere ogni volta perchè noi si lavora, e
    > se non volete capire la prima, la seconda,
    > la terza volta, alla quarta diciamo basta.
    > SIamo stufi. Poi credi sia facile schierarci
    > con il nostro 10% constro quelli che
    > sostengono MS e/o usano comunque windows? E`
    > una battaglia persa perchè contro uno che
    > spiega il nostro punto di vista, ce ne sono
    > 9 da "tenere a bada", e ogniuno di quei 9 ha
    > la sua idea pro-ms che non gliela leva
    > nessuno. Chiaramente sto escludendo
    > personaggi come Alien (dalla parte (ho dei
    > dubbi) nostra) e Goi Massimiliano (dalla
    > vostra).

    Vedo che qui continuate a scagliarvi contro Alien.
    Devo dire che il modo di portare certe sue argomentazioni è decisamente volgare e spesso disdicevole, ma, aggiungo, che centra comunque molto bene gli obiettivi in quanto quello che dice, a parte la forma, lo trovo assolutamente giusto e condivisibile.
    Certo, a leggerlo occorre turarsi le orecchie ed anche il naso, ma, ripeto, il senso delle cose che spesso dice è più che corretto.

    non+autenticato
  • - Scritto da: maik
    > Caro Zeross,
    > tu attacchi subito con frasi tipo "Voi non
    > avete argomentazioni, risparmiatevi le
    > vostre -fesserie- e tirate fuori qualcosa di
    > serio".

    La mia frase non è propriamente così cruda, ma il senso è quello.


    > Io credo che qualcosa di serio l'abbiamo
    > tirato fuori il più di un occasione, forse
    > quello che ha spiegato meglio il ns punto di
    > vista è stato munehiro. Ora non possiamo
    > ribattere ogni volta perchè noi si lavora, e
    > se non volete capire la prima, la seconda,
    > la terza volta, alla quarta diciamo basta.
    > SIamo stufi.

    Ma... essere stufi vi fa sentire in diritto di dire ad esempio "Ma si può sapere quanto ti pada il dragasaccocce per dire tutte queste cazzate su WIN???!!!!!" se non peggio?

    Quando poi vi facciamo notare che le cose che vi diciamo sono effettivamente così allora.. apriti cielo:
    "UAAAAAAAAAAAAAAAAH... hahahahahahahahahahahahahahaha!!!!
    Povero Zeross... qua ti sei giocato quasi tutta la tua credibilita', ormai..."

    Se credete sia giusto così beh... continuate pure.


    > Poi credi sia facile schierarci
    > con il nostro 10% constro quelli che
    > sostengono MS e/o usano comunque windows?

    Su questo forum se "pesassimo" i vari post scopriremmo che le parti sono invertite.

    Se eliminiamo gli estremi (i due di cui si parla sotto) si può dire che quando una notizia tratta di Linux/Mac/Unix sono veramente pochi gli interventi di quelli che sostengono Microsoft.

    Al contrario, appena si parla di MS (qualunque argomento, dal rilascio di un nuovo prodotto alla scoperta dell'ultimissimo bug) ecco "l'orda selvaggia calare dalle montagne".
    Tutti pronti a vomitare fango.

    Perchè dovete per forza venire a criticare riguardo ad una cosa che non vi interessa?
    Siete masochisti?
    Se non lo fate vi sentite male?
    Boh... non so più cosa pensare...


    > Chiaramente sto escludendo
    > personaggi come Alien (dalla parte (ho dei
    > dubbi) nostra) e Goi Massimiliano (dalla
    > vostra).

    Come già detto odio le esagerazioni, e questi due mi sembrano usciti dallo stesso mazzo.
    Altri commenti su questi due non li faccio.


    Byee
    Zeross
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zeross
    > Quando poi vi facciamo notare che le cose
    > che vi diciamo sono effettivamente così
    > allora.. apriti cielo:
    > "UAAAAAAAAAAAAAAAAH...
    > hahahahahahahahahahahahahahaha!!!!
    > Povero Zeross... qua ti sei giocato quasi
    > tutta la tua credibilita', ormai..."

    Rispondo in quanto mi sento chiamato direttamente in causa.
    Quello che hai detto non e' affatto "effettivamente cosi'", anzi. Si dimostra il contrario, per quello che mi riguarda.
    Se non sai di cosa parli, un buon silenzio ti aggiunge rispettabilita'.
    Se ti senti un "feticista dell'ultima parola", cerca di sostenere le tue teorie almeno evitando di mancare di rispetto agli altri con le tue ridicole "invenzioni".
    Se preferisci continuare cosi', non lamentarti delle risposte che ti vengono date.
    O smetti di frequentare lo Spazio-Commenti, visto che non sei stato invitato e non sei obbligato a tornarci.
    Grazie.

    Carlo S.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carlo S.
    >
    > Rispondo in quanto mi sento chiamato
    > direttamente in causa.
    > Quello che hai detto non e' affatto
    > "effettivamente cosi'", anzi. Si dimostra il
    > contrario, per quello che mi riguarda.
    > Se non sai di cosa parli, un buon silenzio
    > ti aggiunge rispettabilita'.

    Guarda... alla fine per quel che mi frega, Windows potrebbe anche essere stato progettato nel II secolo a.c., durante il MedioEvo, durante l'ultima Guerra Mondiale o anche 5 minuti fa.


    > Se ti senti un "feticista dell'ultima
    > parola", cerca di sostenere le tue teorie
    > almeno evitando di mancare di rispetto agli
    > altri con le tue ridicole "invenzioni".

    Le mie ridicole convinzioni sono dati che tutti possono controllare.
    Non ho la pretesa che mi crediate sulla parola, però se dite che mi sbaglio me lo dovete dimostrare, altrimenti per quel che mi riguarda potete pure starvene zitti.

    Queste sono due date precise che ho recuperato, oltre all'anno del Copyright (1981):

    10 Nov 1983 - Windows viene annunciato alla stampa per la prima volta
    20 Nov 1985 - Windows 1.01 viene rilasciato


    > Se preferisci continuare cosi', non
    > lamentarti delle risposte che ti vengono
    > date.

    Continuerò come meglio credo.


    > O smetti di frequentare lo Spazio-Commenti,
    > visto che non sei stato invitato e non sei
    > obbligato a tornarci.

    Lo stesso discorso mi sembra valga anche per te.


    Byee
    Zeross
    non+autenticato


  • - Scritto da: Zeross
    (mare di ca*ate)


    L'avevo detto che eravamo sulla buona strada per il post di un link (risibile) da parte tua...
    Resta il fatto che cio' che hai detto e' TOTALMENTE FALSO.
    Che ti piaccia o no.

    Carlo S.

    PS: Vedo che sei un "feticista dell'ultima parola". Quindi, per te i fatti non contano. Quindi, per me quello che dici non conta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carlo S.
    >
    > Resta il fatto che cio' che hai detto e'
    > TOTALMENTE FALSO.


    Se è così perchè non lo dimostri a tutti noi poveri ignoranti?


    Byee
    Zeross
    non+autenticato


  • - Scritto da: Zeross
    > Se è così perchè non lo dimostri a tutti noi
    > poveri ignoranti?

    Gia' fatto.
    Se non ti basta, non so che farci.

    Carlo S.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carlo S.
    >
    > Gia' fatto.
    > Se non ti basta, non so che farci.

    No, non mi sembra tu abbia dimostrato alcunchè.
    Ti sei limitato a dire che le mie sono tutte idiozie.
    Se l'anno che ho detto io è sbagliato, qual'è quello giusto allora?
    Questo tu ancora non l'hai detto.


    Byee
    Zeross
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zeross
    > No, non mi sembra tu abbia dimostrato
    > alcunchè.
    > Ti sei limitato a dire che le mie sono tutte
    > idiozie.
    > Se l'anno che ho detto io è sbagliato,
    > qual'è quello giusto allora?
    > Questo tu ancora non l'hai detto.

    Ho dimostrato che hai fatto un errore di interpretazione di quello che originariamente ho detto e tuttora sostengo.
    Non ho scritto che le tue sono idiozie, ma falsita' e invenzioni (spiegando il perche').
    Non e' l'anno ad essere sbagliato, ma la tua personalissima equazione che stabilirebbe che:
    m$ (c) 1981-2000 = inizio progettazione win: 1981.

    Se poi le spiegazioni che ti do' non ti piacciono, non so che farci e me ne frega ben poco.

    Carlo S.
    non+autenticato



  • - Scritto da: Carlo S.
    >
    >
    > - Scritto da: Zeross
    > > Se è così perchè non lo dimostri a tutti
    > noi
    > > poveri ignoranti?
    >
    > Gia' fatto.
    > Se non ti basta, non so che farci.
    >
    > Carlo S.

    Scusami Carlo S., ma dato che questo e' un forum e magari ci sono altre persone interessate, potresti, se non hai crampi alle dita, scrivere qualcosa a riguardo? Grazie. In fin dei conti mi sembra stiate perlando di date, quindi di semplici numeri.

    Ciao.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)