Gaia Bottà

Amazon Flex, consegne distribuite

Il colosso dell'e-commerce ha iniziato il reclutamento di corrieri occasionali e autonomi per consegne rapide. Una scelta per contenere i costi, in attesa dei droni

Roma - Anticipata dalle indiscrezioni, Amazon ha ora annunciato l'avvio di un programma di consegne fra pari: saranno ordinari cittadini e non corrieri specializzati a incaricarsi di recapitare a destinazione pacchi e pacchetti, in cambio di una paga oraria.

Amazon Flex

Amazon Flex è il nome del programma a cui il colosso dell'e-commerce ha appena dato il via nella città di Seattle: promette la massima autonomia ai corrieri occasionali, che possono organizzare la propria attività del giorno in turni di 2, 4 o 8 ore, o offrire la propria disponibilità per intervalli fino a 12 ore per date successive nel calendario. La paga oraria? Amazon assicura tra i 18 e i 25 dollari.
Al candidato corriere spetterà stabilire il proprio raggio d'azione, e ritirare i pacchi presso il centro di smistamento desiderato: per il momento si occuperà di recapitare i prodotti nel contesto del programma Amazon Prime Now, che prevede consegne rapide nel giro di un'ora dall'ordine e che include generi di consumo come alimentari e bevande. Forse per la necessità di operare tempestivamente, Amazon ammette solo candidati provvisti di auto e patente di guida, ma nel prossimo futuro potrebbe estendere la proposta a corrieri che operino in bicicletta o a piedi. Altro requisito, il possesso di uno smartphone Android: l'app impiegata per gestire la logistica non è evidentemente stata sviluppata per essere compatibile con altri sistemi operativi mobile.

L'iniziativa di Amazon, sottolineano gli osservatori, è mirata al contenimento dei costi delle consegne, cresciuti nel 2014 del 31 per cento, ad un ritmo maggiore del fatturato: fino ad ora l'azienda si è affidata a diversi servizi, dai servizi postali di stato ai corrieri privati, pare abbia esplorato la via delle acquisizioni strategiche e sta studiando la possibilità di automatizzare le consegne con una flotta di droni, legge permettendo.
In attesa dell'evolvere delle opportunità offerte da tecnologia e quadro normativo, mentre amplia senza sosta l'offerta ai consumatori, Amazon proverà dunque a gestire parte del sistema di consegne coinvolgendo collaboratori autonomi e occasionali. Questo modello, a cui è stata affibbiata l'etichetta di gig economy in contrapposizione all'ideale di sharing economy, permette di risparmiare i costi delle garanzie offerte ai lavoratori dipendenti e di scaricare sui collaboratori i costi di gestione degli strumenti di lavoro, in cambio della flessibilità della propria attività. Anche in questo caso, come dimostrano i contenziosi in corso fra gli autisti di Uber e l'azienda, non è scontato che la legge non imponga ad Amazon un ripensamento.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàAmazon e l'Uber dei pacchettiIn attesa dei droni per le consegne, Jeff Bezos non rinuncia a sperimentare. Amazon potrebbe ingaggiare chiunque sia disposto a diventare un pony express occasionale
  • AttualitàAmazon: un lavoro pulito il nostroJeff Bezos risponde direttamente alle accuse sollevate da un reportage del New York Times. Sono solo episodi causali che descrivono un ambiente di lavoro ben diverso dalla realtà
  • BusinessGoogle e Amazon, la grande abbuffataMountain View comincia a gestire gli ordini di prodotti freschi, mentre lo store online amplia la propria offerta di consegne a domicilio dai ristoranti. Entrambe sfruttano la propria visibilità per inserirsi in un mercato nascente, prima che ne rimangano solo le briciole
6 Commenti alla Notizia Amazon Flex, consegne distribuite
Ordina