Alfonso Maruccia

AMD, un altro trimestre giù

Continua il declino apparentemente inesorabile di AMD, un'azienda che incassa solo perdite e svende fabbriche nel tentativo di restare a galla ancora qualche trimestre. Va tutto bene, dice il CEO

Roma - AMD ha pubblicato i risultati finanziari per il terzo trimestre del 2015, e per l'azienda non c'è di che gioire: giù i ricavi, di profitti neanche a parlarne e i chip per computer (soprattutto le APU) non si vendono come previsto. Il futuro? Svendite, joint-venture e ottimismo.

Negli ultimi tre mesi, Sunnyvale ha incamerato perdite per 197 milioni di dollari su ricavi complessivi per 1,06 miliardi di dollari, contro i 17 milioni di profitti e ricavi per 1,43 miliardi (-25,8 per cento) registrati nello stesso periodo dell'anno scorso.

AMD tiene a sottolineare che i ricavi trimestre su trimestre sono in crescita del 13 per cento, e che nelle perdite vanno calcolati i costi dovuti alle APU rimaste invendute (65 milioni di dollari): certo è che il terzo trimestre del 2015 è il quarto periodo passato in perdita, e che in 17 anni AMD è arrivata a bruciare qualcosa come 8 miliardi di dollari di valore commerciale.
Il mercato PC è quello che è, e diversamente dalla corazzata di Intel il business di AMD non ha buone prospettive in queste condizioni: per sopravvivere a una tempesta di cui non si vede la fine, Sunnyvale è però disposta a tutto - anche a vendere quel che resta delle sue fabbriche a terzi.

Assieme ai risultati trimestrali, infatti, AMD ha annunciato di aver ceduto l'85 per cento delle proprie strutture di assemblaggio, test e "impacchettamento" di Cina e Malaysia alla corporation cinese Nantong Fujitsu Microelectronics Co Ltd (NFME), un'operazione dal valore di 320 milioni di dollari. Apparentemente i 1.700 dipendenti delle due fabbriche non verranno licenziati, mentre l'attività verrà gestita in joint-venture con la nuova proprietà.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessIntel, business nonostante tuttoIl colosso dei processori chiude il trimestre con risultati superiori alle aspettative anche se con qualche segno meno rispetto al 2014. Il settore delle CPU client soffre ma il resto del business è in crescita
  • BusinessMercato PC, piangono i numeriLe società di analisi aggiornano le previsioni sul numero di sistemi commercializzati, e i numeri sono invariabilmente negativi: Windows 10 pare aver fatto più male che bene al mercato dell'hardware. Se ne riparlerà nel 2016
  • BusinessMercato PC, previsioni al ribassoGartner pubblica il suo ultimo vaticinio sul settore dei dispositivi elettronici, un mercato nel complesso destinato a contrarsi già a partire da quest'anno. Windows 10? Non aiuterà i PC, almeno fino al 2017
11 Commenti alla Notizia AMD, un altro trimestre giù
Ordina
  • se il piano e' come quello di Elop, allora si, il piano procede perfettamente.
    non+autenticato
  • A te sono sempre piaciuti i monopolisti, coerente come sempre.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mono
    > A te sono sempre piaciuti i monopolisti, coerente
    > come
    > sempre.
    Disse quello convinto che un market share dell'80% con tiene le briglie di un os finto libero non è un monopolista di fatto.

    Brutte cosa essere illusi
    maxsix
    9872
  • - Scritto da: maxsix
    > - Scritto da: mono
    > > A te sono sempre piaciuti i monopolisti,
    > coerente
    > > come
    > > sempre.
    > Disse quello convinto che un market share
    > dell'80% con tiene le briglie di un os finto
    > libero non è un monopolista di
    > fatto.
    >
    > Brutte cosa essere illusi

    ... disse quello convinto che un market share del 95% fatto da un OS patacca certamente chiuso sia il meglio per tutti. Nella tua condizione non puoi far la morale a nessuno.

    Brutta cosa essere ipocriti.

    p.s.: piangere sulla spalla del T-1000 non ti servirà.
    non+autenticato
  • Mi dispiace molto per questa azienda che è sempre stata un'ottima alternativa ad Intel e che tuttora ha in pancia l'ex ATI per le GPU.

    Farebbe meglio a dedicarsi sia a CPU dal bassissimo consumo in modo da poter essere usata sui tablet e smartphone sia anche miniPC.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Mi dispiace molto per questa azienda che è sempre
    > stata un'ottima alternativa ad Intel e che
    > tuttora ha in pancia l'ex ATI per le
    > GPU.
    >
    > Farebbe meglio a dedicarsi sia a CPU dal
    > bassissimo consumo in modo da poter essere usata
    > sui tablet e smartphone sia anche
    > miniPC.

    Addentrarsi in quel mercato dove operano già altre aziende con decenni di esperienza alle spalle non è semplice e lo hanno scoperto anche Intel e Nvidia. Molte delle loro speranze di sopravvivenza se le giocano nel prossimo anno quando usciranno sia la prossima generazione di gpu che di cpu. Se riusciranno ad erodere qualche quota di mercato da nVidia ed Intel nel pur saturo mercato dei pc, riusciranno a mantenere la linea di galleggiamento, altrimenti affonderanno o verranno assorbiti.
    Guardando i prezzi già esorbitanti che fanno N&I il fallimento di AMD sarebbe certamente un brutto affare per gli utenti finale che vorrebbero buon hardware a prezzi giusti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ces

    > Guardando i prezzi già esorbitanti che fanno N&I
    > il fallimento di AMD sarebbe certamente un brutto
    > affare per gli utenti finale che vorrebbero buon
    > hardware a prezzi
    > giusti.

    Anche perché se non ci sarebbe più AMD tanti saluti alla concorrenza eIntel e Nvidia ti spareranno prezzi improponibili consci del fatto che sarebbero i soli rimasti sul mercato.
    non+autenticato
  • Beh, alternativa sì, sull'ottima ho dei dubbi.
    -ad es. il fatto che esista al mondo un'unica mobo per AMD CPU + AMD GPU con un chipset veramente PCIe 3.0 non depone a suo favore (asus sabretooth 990fx 2.0). se uno ha una singola GPU, vabbè, ma se cominci a metterne qualcuna in parallelo.... sei castrato
    -aveva problemi anche il controllore della memoria (non chiedetemi link ad articoli/siti, ma l'ho sperimentato sulla mia pelle, ora ho rimosso...)
    -metto in ibernazione il PC e non resuscita più... dovevi disabilitare "questo e quello" nel bios, e altre porcherie.

    con intel non mi è mai successo nulla del genere.

    magari presi singolarmente CPU e GPU non sono niente male, ma in un sistema completamente AMD il risultato non è dei più confortanti

    detto questo, spero comunque vivamente che resti nel mercato CPU/GPU, e che migliori là dove ha delle pecche
    non+autenticato
  • - Scritto da: Burp
    > Beh, alternativa sì, sull'ottima ho dei dubbi.

    Per me si

    > -ad es. il fatto che esista al mondo un'unica
    > mobo per AMD CPU + AMD GPU con un chipset
    > veramente PCIe 3.0 non depone a suo favore (asus
    > sabretooth 990fx 2.0).

    Perché le altre cosa fanno PCIe 2.0 oggi ?

    > se uno ha una singola GPU,
    > vabbè, ma se cominci a metterne qualcuna in
    > parallelo.... sei
    > castrato

    Perché mai ? AMD è stata una delle prime che ha permesso di far lavorare insieme GPU integrata e VGA esterna.

    > -aveva problemi anche il controllore della
    > memoria (non chiedetemi link ad articoli/siti, ma
    > l'ho sperimentato sulla mia pelle, ora ho
    > rimosso...)

    Quale problema ?

    > -metto in ibernazione il PC e non resuscita
    > più... dovevi disabilitare "questo e quello" nel
    > bios, e altre
    > porcherie.

    Non mi risulta, forse qualche bug nei driver.
    A me succedeva una cosa del genere con le vecchie VGA ATI,il computer si risvegliava ma il monitor rimaneva spento se lo mandavi in standby e lo risvegliavi invece tornava tutto normale.

    > con intel non mi è mai successo nulla del genere.

    Io all'epoca ho avuto schermate blu per gli USB all'avvio.

    > magari presi singolarmente CPU e GPU non sono
    > niente male, ma in un sistema completamente AMD
    > il risultato non è dei più
    > confortanti

    Ma chi l'ha detto ?
    non+autenticato
  • > Farebbe meglio a dedicarsi sia a CPU dal
    > bassissimo consumo in modo da poter essere usata
    > sui tablet e smartphone sia anche
    > miniPC.

    Ovvio, un mercato dove non c'è concorrenza e i margini sono altissimi: quello che ci vuole.
    non+autenticato