Gaia Bottà

Hacking e DRM, come cambia il copyright USA

Violare i lucchetti a protezione dei beni digitali resta illegale, fatta eccezione per le nuove casistiche contemplate dalle autorità: smanettare è ora ammesso sulle automobili e sui videogiochi del passato

Hacking e DRM, come cambia il copyright USARoma - La legge statunitense, è cosa nota, limita gli utenti nella fruizione dei beni che possiedono, vincolandoli all'uso che il produttore ha stabilito, nel nome del copyright: le protezioni DRM vigilano su queste imposizioni, ma ogni tre anni la Library Of Congress ha il compito di soppesare le istanze in gioco, ed eventualmente di aprire degli spiragli legali alla forzatura delle misure tecniche di protezione. La decisione del 2015 porta con sé delle conferme, ampliando le possibilità in termini di jailbreak dei dispositivi mobile e rafforzando le eccezioni per le violazioni delle protezioni di DVD e Blu-Ray, e delle novità di rilievo, nell'ambito blindato dell'automotive e dei videogiochi abbandonati dai produttori.

La regolamentazione adottata dalla Biblioteca del Congresso, che agisce sulla sezione 1201 del DMCA relativa all'aggiramento dei sistemi di protezione del copyright, sono indubbiamente complesse, e le eccezioni sono a loro volta sottoposte a condizioni, ma coloro che come EFF da sempre si battono per garantire agli utenti la possibilità di fare dei prodotti acquistati l'uso che meglio credono esprimono una sostanziale soddisfazione per le posizioni adottate nel regolamento.

A partire dal nodo del jailbreak, gli incaricati della Library of Congress sembrano voler rimediare allo scivolone della revoca dell'eccezione prevista per lo sblocco dei cellulari del 2012, corretto successivamente dal legislatore. Tutti i "dispositivi portatili consumer", compresi smartphone, tablet e smartwatch potranno essere personalizzati con il software desiderato dagli utenti in grado di farlo. Anche la smart TV sono abbracciate dalle eccezioni, mentre gli e-reader, i PC portatili e desktop restano inviolabili. Lo stesso vale per le console videoludiche, che non potranno essere modificate nemmeno per far girare giochi homebrew: i pareri presentati alle autorità statunitensi hanno fatto propendere per la prudenza poiché "il jailbreaking delle console è strettamente legato alla pirateria".
Per gli appassionati di videoludica, però, uno spiraglio è stato aperto in materia di vecchi titoli abbandonati dall'industria e ancora vincolati a procedure di autenticazione non più funzionanti. Temperando le richieste avanzate da EFF nei mesi scorsi, la Library of Congress ha concesso la possibilità di agire sul codice dei videogame per eliminare le procedure di autenticazione dopo l'annuncio pubblico con cui il produttore ha comunicato che i server dedicati siano stati dismessi rendendo il titolo completamente non giocabile, o dopo sei mesi dallo spegnimento dei server effettuato in sordina. Non è prevista la rimozione delle protezioni, invece, per riconquistarsi funzioni multiplayer perse con il disinteresse del publisher: per coinvolgere la platee di utenti, gli sviluppatori dei crack sconfinerebbero inevitabilmente nel traffico su larga scala di soluzioni di aggiramento dei DRM, proibite dalla legge.

Per quanto attiene il crack delle misure di protezione a presidio di supporti video come DVD e Blu-Ray, le autorità hanno confermato di non voler ammettere alcuna eccezione per il ripping destinato alla copia privata: se il backup e il trasferimento di file protetti da copyright e legalmente acquisiti è ammesso dalla legge, resta la legge stessa a impedire di esercitare questo diritto con le previsioni che puniscono la violazione delle misure DRM. La rimozione delle blindature, però, è concessa per il riuso di porzioni di contenuti che ricada sotto il fair use, dunque in ambito educativo e a fini della produzione di remix, ammesso che non abbiano scopo commerciale.

È quella che riguarda l'automotive la novità più sostanziale fra le eccezioni approvate dalla Library Of Congress, anche alla luce di un'attualità scomoda per un business automobilistico bersagliato dalle attenzioni dell'hacking e colto ad approfittare della segretezza del proprio codice per manipolare i test sulle emissioni. Le prescrizioni della legge portate avanti anche presso il Congresso e difese a spada tratta dalle case automobilistiche per impedire ai proprietari dei mezzi di smanettare sul codice che anima le vetture decadono a favore dell'hacking per "modifiche legali" come le riparazioni e a fini di sicurezza, una prospettiva incoraggiata anche dalle autorità al di qua dell'Atlantico. Pur con numerose limitazioni, l'eccezione consente di accedere al codice per testarlo in un ambiente sicuro e controllato, per verificare la presenza di falle e correggerle, ammesso che non si arrechi alcun danno agli individui coinvolti: una possibilità che garantisce la trasparenza finora negata.

Altre aperture sono state garantite sul fronte delle stampanti 3D e dei dispositivi medici e dedicati alla domotica, ormai onnipresenti.

Il coro di coloro che ridimensionano il valore delle decisioni della Library Of Congress si è però già levato: gli attivisti di EFF, Public Knowledge e del Center for Democracy & Technology, pur esprimendo soddisfazione per le battaglie vinte lamentano come questa procedura non sappia tenere il passo con l'evoluzione tecnologica e al tempo stesso non garantisca che fra tre anni venga modificata in senso più restrittivo. Una soluzione per venire a capo della questione, suggerisce qualcuno, è rapresentata dall'Unlocking Technology Act, presentato al Congresso nel 2013, che garantirebbe ai cittadini statunitensi il diritto di operare sui beni regolarmente acquisiti ammesso che non si agisca ai fini di violare il copyright, che consentirebbe loro di riconquistarsi il possesso di dispositivi che l'industria vorrebbe limitati agli usi previsti.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • TecnologiaSicurezza, come sbanda l'automotiveEsperti di sicurezza presenteranno al Def Con il loro rapporto sulle minacce che incombono con le automobili connesse: nel loro esperimento hanno già cyberattaccato una Jeep Cherokee. Il legislatore statunitense già corre ai ripari
  • Diritto & InternetCopyright, nemmeno il trattore è dell'agricoltoreGeneral Motors e il produttore di macchine agricole John Deere rivendicano la proprietà intellettuale sugli automezzi che vendono: il software che li anima non va manipolato dall'utente, che deve limitarsi a fruirne
  • AttualitàUSA, cellulari sbloccati e legaliLa proposta per legalizzare lo sblocco dei terminali mobile alla fine del contratto è praticamente legge: manca solo la firma di Obama, e i jailbreaker americani non rischieranno più la galera
  • AttualitàEFF si batte per riesumare i vecchi videogameGli attivisti chiedono un'eccezione alla legge sul copyright che sdogani il cracking dei titoli con autenticazione online ormai abbandonati. Giochi acquistati legalmente che scadono a comando del produttore
127 Commenti alla Notizia Hacking e DRM, come cambia il copyright USA
Ordina
  • "è strettamente legato alla pirateria".

    Palesemente FALSO.

    La console la pago. La scheda homebrew la pago. Utilizzo software homebrew gratuito. Utilizzo un emulatore homebrew gratuito con un software che ho già pagato. Cosa c'è di illegale se ho gia pagato tutto?

    Secondo questa logica da dementi anche i coltelli da cucina dovrebbero essere dichiarati illegali: sono strettamente legati agli omicidi, è una vita che la gente si ammazza a coltellate ...

    Cialtroni!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: povero me
    > - Scritto da: prova123
    > > Quello che stanno facendo per i giochi con
    > > autenticazione è semplicemente ridicolo e fatto
    > > in malafede: adesso si sta diffondendo il
    > > malcostume di far pagare un gioco ed al primo
    > > lancio è obbligatorio l'aggiornamento, Ad
    > esempio
    > > GTA5 PC ti obbliga ad un aggiornamento al primo
    > > lancio di circa 8/9 Gb. Quindi alla fine possono
    > > fornire la versione su DVD bacata e poi
    > > praticamente ti cambiano il gioco con la
    > versione
    > > digitale da scaricare a spese e con tutte i
    > > problemi del "fair use" dell'adsl dell'utente
    > > (leggi massimo download per mese & CO.). Quando
    > > il gioco non sarà più supportato è vero che
    > > saranno disponibili i crack, peccato che la
    > > versione a disposizione sarà una versione "poco
    > > giocabile".
    > > Per non parlare poi dei giochi in Collector's
    > > Edition dove nel cofanetto non trovi più il
    > gioco
    > > (pochi giorni fa mi è stato detto il nome di un
    > > gioco venduto così con prevendita ... inc cool
    > > 8!), ma solo il codice con cui scaricare la
    > > versione
    > > digitale.
    > > Conclusione: è inutile dire che i giochi solo in
    > > digitale sono da boicottare come la peste, ma
    > > sono da boicottare altrettanto quelli per cui
    > > sono necessari Gb di aggiornamento. Basta
    > > ricordarsi il nome delle aziende che fanno le
    > > furbe e soprattutto ricordarselo per gli
    > acquisti
    > > successivi. Quantomeno è utili consigliare amici
    > > e parenti che magari non sanno nulla di
    > > videogiochi ed evitano questi
    > > prodotti.
    > >
    > > Ovviamente non cito i giochi in pre-vendita
    > > perchè lì si rasenta la circonvenzione di
    > > incapace, basta non acquistarli, tra l'altro in
    > > prevendità io mi aspetto un grosso sconto
    > > rispetto al prezzo cui sarà venduto, non il
    > > prezzo massimoA bocca aperta
    > > .
    > > Non è pane, esce il gioco, uno legge le
    > > recensioni della versione in vendita su
    > > Metacritic & Co. (i trailer lasciano il tempo
    > che
    > > trovano) e sarebbe gradito il filmato "in-game"
    > > del gioco per vedere come + fatto: chi
    > > comprerebbe una camicia in una scatola senza
    > > poterla vedere
    > > ?
    > > Nessuno, fatto salvo poi di spendere 60 euro
    > > senza avere niente in mano facendo la fila in
    > > negozio ... più che roba matti è roba da
    > > deficienti!
    >
    > I fessi siete voi però. Iniziate col NON
    > COMPRARNE PIU' di giochi, vediamo chi viene ai
    > sensi?
    >
    > I giochi non sono ESSENZIALI come il cibo,
    > potreste pure farne a meno, almeno per bastonare
    > quei ladri. Ma non ne siete capaci, quindi fessi
    > siete
    > voi.

    Una risposta del menga, scusami.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > - Scritto da: povero me
    > > - Scritto da: prova123
    > > > Quello che stanno facendo per i giochi con
    > > > autenticazione è semplicemente ridicolo e
    > fatto
    > > > in malafede: adesso si sta diffondendo il
    > > > malcostume di far pagare un gioco ed al primo
    > > > lancio è obbligatorio l'aggiornamento, Ad
    > > esempio
    > > > GTA5 PC ti obbliga ad un aggiornamento al
    > primo
    > > > lancio di circa 8/9 Gb. Quindi alla fine
    > possono
    > > > fornire la versione su DVD bacata e poi
    > > > praticamente ti cambiano il gioco con la
    > > versione
    > > > digitale da scaricare a spese e con tutte i
    > > > problemi del "fair use" dell'adsl dell'utente
    > > > (leggi massimo download per mese & CO.).
    > Quando
    > > > il gioco non sarà più supportato è vero che
    > > > saranno disponibili i crack, peccato che la
    > > > versione a disposizione sarà una versione
    > "poco
    > > > giocabile".
    > > > Per non parlare poi dei giochi in Collector's
    > > > Edition dove nel cofanetto non trovi più il
    > > gioco
    > > > (pochi giorni fa mi è stato detto il nome di
    > un
    > > > gioco venduto così con prevendita ... inc cool
    > > > 8!), ma solo il codice con cui scaricare la
    > > > versione
    > > > digitale.
    > > > Conclusione: è inutile dire che i giochi solo
    > in
    > > > digitale sono da boicottare come la peste, ma
    > > > sono da boicottare altrettanto quelli per cui
    > > > sono necessari Gb di aggiornamento. Basta
    > > > ricordarsi il nome delle aziende che fanno le
    > > > furbe e soprattutto ricordarselo per gli
    > > acquisti
    > > > successivi. Quantomeno è utili consigliare
    > amici
    > > > e parenti che magari non sanno nulla di
    > > > videogiochi ed evitano questi
    > > > prodotti.
    > > >
    > > > Ovviamente non cito i giochi in pre-vendita
    > > > perchè lì si rasenta la circonvenzione di
    > > > incapace, basta non acquistarli, tra l'altro
    > in
    > > > prevendità io mi aspetto un grosso sconto
    > > > rispetto al prezzo cui sarà venduto, non il
    > > > prezzo massimoA bocca aperta
    > > > .
    > > > Non è pane, esce il gioco, uno legge le
    > > > recensioni della versione in vendita su
    > > > Metacritic & Co. (i trailer lasciano il tempo
    > > che
    > > > trovano) e sarebbe gradito il filmato
    > "in-game"
    > > > del gioco per vedere come + fatto: chi
    > > > comprerebbe una camicia in una scatola senza
    > > > poterla vedere
    > > > ?
    > > > Nessuno, fatto salvo poi di spendere 60 euro
    > > > senza avere niente in mano facendo la fila in
    > > > negozio ... più che roba matti è roba da
    > > > deficienti!
    > >
    > > I fessi siete voi però. Iniziate col NON
    > > COMPRARNE PIU' di giochi, vediamo chi viene ai
    > > sensi?
    > >
    > > I giochi non sono ESSENZIALI come il cibo,
    > > potreste pure farne a meno, almeno per bastonare
    > > quei ladri. Ma non ne siete capaci, quindi fessi
    > > siete
    > > voi.
    >
    > Una risposta del menga, scusami.

    Può essere una risposta del menga e del manganesio quanto vuoi, ma con questi lupi autorizzati legalmente a Fotter**i senza se e senza ma, puoi fare SOLO DUE COSE.

    1)Continuare a lamentarvi, tanto non cambia niente per noi consumatori. E i sopra citati "signori" vi Fotter***o ancora di pù.

    2)Iniziare a prendere UNA pura è SEMPLICE posizione. Da quanto scritto da te e l'utente sotto di te, confermate solo una cosa: Siete abituati male, e NON sapete "privarvi" neanche delle cose futili.
    Quindi continuate a prenderlo in quel posto, e abbiate almeno la decenza, di non criticare quelli che sanno cosa significa veramente la parola essere liberi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: povero me
    > Quindi continuate a prenderlo in quel posto, e
    > abbiate almeno la decenza, di non criticare
    > quelli che sanno cosa significa veramente la
    > parola essere liberi.

    Tipica esternazione di chi non è interessato all'argomento in questione, e quindi non ha niente da perdere a fare l'"uomo libero" tirandosela. Ovviamente non chiedetegli di rinunciare ai SUOI interessi, eh!Sorride
    Izio01
    4531
  • - Scritto da: Izio01
    > - Scritto da: povero me
    > > Quindi continuate a prenderlo in quel posto,
    > e
    > > abbiate almeno la decenza, di non criticare
    > > quelli che sanno cosa significa veramente la
    > > parola essere liberi.
    >
    > Tipica esternazione di chi non è interessato
    > all'argomento in questione, e quindi non ha
    > niente da perdere a fare l'"uomo libero"
    > tirandosela. Ovviamente non chiedetegli di
    > rinunciare ai SUOI interessi, eh!
    >Sorride

    Guarda ti do ragione, ma dovete avere la decenza di non lamentarvi se le suddette aziende vi trattano per quello che sembrate essere.Non offenderti ma è cosi.
    la chiudo qua. arrivederci.
    non+autenticato
  • - Scritto da: povero me
    > - Scritto da: Izio01
    > > - Scritto da: povero me
    > > > Quindi continuate a prenderlo in quel
    > posto,
    > > e
    > > > abbiate almeno la decenza, di non criticare
    > > > quelli che sanno cosa significa veramente
    > la
    > > > parola essere liberi.
    > >
    > > Tipica esternazione di chi non è interessato
    > > all'argomento in questione, e quindi non ha
    > > niente da perdere a fare l'"uomo libero"
    > > tirandosela. Ovviamente non chiedetegli di
    > > rinunciare ai SUOI interessi, eh!
    > >Sorride
    >
    > Guarda ti do ragione, ma dovete avere la decenza
    > di non lamentarvi se le suddette aziende vi
    > trattano per quello che sembrate essere.Non
    > offenderti ma è cosi.
    > la chiudo qua. arrivederci.

    E perché non dovrei lamentarmi?
    Accettare la situazione attuale non implica farsela piacere. Il fatto che adesso sia così, non implica che un domani non debba cambiare, anche grazie a chi si lamenta. Le politiche di Steam, ad esempio, sono migliorate negli ultimi anni, ad esempio nel caso in cui il tuo profilo venisse bannato. Se nessuno si fosse mai lamentato, saremmo ancora al punto di partenza.
    Certo che d'altra parte il tuo approccio funziona benissimo. C'è un sacco di gente che boicotta Nestlé, MacDonalds, Unilever, e infatti tutte queste aziende hanno chiusoA bocca aperta
    Izio01
    4531
  • - Scritto da: Izio01

    > Certo che d'altra parte il tuo approccio funziona
    > benissimo. C'è un sacco di gente che boicotta
    > Nestlé, MacDonalds, Unilever, e infatti tutte
    > queste aziende hanno chiuso
    >A bocca aperta

    Eh ma lui é un "purista della libertá" a tutti i costi che esiste solo nelle favole, anzi, nemmeno in quelle.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > - Scritto da: Izio01
    >
    > > Certo che d'altra parte il tuo approccio
    > funziona
    > > benissimo. C'è un sacco di gente che boicotta
    > > Nestlé, MacDonalds, Unilever, e infatti tutte
    > > queste aziende hanno chiuso
    > >A bocca aperta
    >
    > Eh ma lui é un "purista della libertá" a tutti i
    > costi che esiste solo nelle favole, anzi, nemmeno
    > in
    > quelle.

    Tieniti il Mondo cosi com'è, con tutti i futuri peggioramenti, credo che anche i tuoi figli se lo meritano dopotutto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: povero me

    > Tieniti il Mondo cosi com'è, con tutti i futuri
    > peggioramenti, credo che anche i tuoi figli se lo
    > meritano
    > dopotutto.

    E ci vivrai anche tu e tuoi figli in quello stesso mondo, visto che la stragrande maggioranza delle persone la pensa come lui e non come te.
    E' proprio questo che non riesci a capire: non hai NESSUNA possibilità di smuovere la stragrande maggioranza dalle proprie scelte.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > - Scritto da: Izio01
    >
    > > Certo che d'altra parte il tuo approccio
    > funziona
    > > benissimo. C'è un sacco di gente che boicotta
    > > Nestlé, MacDonalds, Unilever, e infatti tutte
    > > queste aziende hanno chiuso
    > >A bocca aperta
    >
    > Eh ma lui é un "purista della libertá" a tutti i
    > costi che esiste solo nelle favole, anzi, nemmeno
    > in
    > quelle.

    Dimenticavo io non sono un purista delle libertà, ma alludevo a gente come pandarossa, che se hanno sempre meno libertà e proprio per gente come te, che non sa cosa sia e ride di quelli che la pretendono.
    non+autenticato
  • - Scritto da: povero me

    > Dimenticavo io non sono un purista delle libertà,
    Praticamente un PDL....
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Izio01
    > - Scritto da: povero me
    > > Quindi continuate a prenderlo in quel posto,
    > e
    > > abbiate almeno la decenza, di non criticare
    > > quelli che sanno cosa significa veramente la
    > > parola essere liberi.
    >
    > Tipica esternazione di chi non è interessato
    > all'argomento in questione, e quindi non ha
    > niente da perdere a fare l'"uomo libero"
    > tirandosela. Ovviamente non chiedetegli di
    > rinunciare ai SUOI interessi, eh!
    >Sorride

    Ti pare strano che qualcuno non abbia il vizio del gioco?

    A me pare che sia preferibile atteggiarsi ad uomo libero anzichè schiavo, indipendentemente dal campo di interesse, che varia da persona a persona. Se uno è nato libero ed intende rimanerlo, è in grado di rinunciare benissimo a beni non primari che condizionano la sua libertà di utilizzo, indipendentemente da quanto detti beni gli sarebbero interessati.
    Questo se il suo è un atteggiamento da uomo e non da bamboccione viziato!
  • - Scritto da: povero me

    > I fessi siete voi però. Iniziate col NON
    > COMPRARNE PIU' di giochi, vediamo chi viene ai
    > sensi?

    Bravo!
    Hai trovato la soluzione!!
    Anzi sai cosa ti dico? che usando la tua soluzione possiamo fermare pure le guerre!!!
    Se sei un soldato inizia a non sparare tu e vedrai che non ci saranno guerre!!!!
    Funziona di sicuro!!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: punti esclamativ i incrementa li
    > - Scritto da: povero me
    >
    > > I fessi siete voi però. Iniziate col NON
    > > COMPRARNE PIU' di giochi, vediamo chi viene
    > ai
    > > sensi?
    >
    > Bravo!
    > Hai trovato la soluzione!!
    > Anzi sai cosa ti dico? che usando la tua
    > soluzione possiamo fermare pure le
    > guerre!!!
    > Se sei un soldato inizia a non sparare tu e
    > vedrai che non ci saranno
    > guerre!!!!
    > Funziona di sicuro!!!!!

    Rinunciare a qualche videogioco ti provoca astinenza del tipo dell' eroina? Io credo di no.

    Personalmente tutti quei "signori" che NON rispettano me, non hanno il mio rispetto(pecunia),e non devo iniziare a fare niente, faccio parecchio già da tanto tempo. Se il popolino mi somigliasse solo un pò, quelle aziende starebbero piangendo lacrime amare da tanto tempo.
    Ma tanto e tempo perso spiegarlo a chi
    segue dove tirano le altre pecore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: povero me

    > Rinunciare a qualche videogioco ti provoca
    > astinenza del tipo dell' eroina? Io credo di
    > no.

    Sai perfettamente che non cambia nulla.
    Le utopie come la tua non hanno mai funzionato.
    non+autenticato
  • Queste multinazionali sono sistemi sovradimensionati per la realtà odierna, basterebbe non comprare anche solo per 5/6 mesi e inizierebbero a scendere giù dal pero.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Queste multinazionali sono sistemi
    > sovradimensionati per la realtà odierna,
    > basterebbe non comprare anche solo per 5/6 mesi e
    > inizierebbero a scendere giù dal
    > pero.

    come ca****o pensi di convince TUTTI QUANTI a fare la stessa cosa????
    scrivendo nei forum? facendo la tua parte?
    Credi che ai patiti dei VG interessi che tu li boicotti?
    non+autenticato
  • Se quello che scrivo in un forum non conta nulla perchè ti scaldi tanto ? Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Queste multinazionali sono sistemi
    > sovradimensionati per la realtà odierna,
    > basterebbe non comprare anche solo per 5/6 mesi e
    > inizierebbero a scendere giù dal
    > pero.

    si mele per pere
    non+autenticato
  • Se sei uno di quelli che inneggiano al boicottaggio, perdi il tuo tempo: il boicottaggio dei consumi non ha mai funzionato, bastano due neuroni per capirlo: chi non pirata, ed usa le console solo per i giochi, non è troppo infastidito dai drm e quindi non ha motivo di boicottare; chi invece usa le console jailbreakkate di solito non compra giochi, quindi non può boicottare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: punti esclamativ i incrementa li
    > - Scritto da: povero me
    >
    > > I fessi siete voi però. Iniziate col NON
    > > COMPRARNE PIU' di giochi, vediamo chi viene
    > ai
    > > sensi?
    >
    > Bravo!
    > Hai trovato la soluzione!!
    > Anzi sai cosa ti dico? che usando la tua
    > soluzione possiamo fermare pure le
    > guerre!!!
    > Se sei un soldato inizia a non sparare tu e
    > vedrai che non ci saranno
    > guerre!!!!
    > Funziona di sicuro!!!!!
    Conoscevo un altro...
    anzi "un'altro" che ce la aveva coi punti esclamativi....
    Ma non si sa che fine ha fatto...
    !!!!!!!!!!!!!!!!!

    Ficoso
    non+autenticato
  • " Anche la smart TV sono abbracciate dalle eccezioni, mentre gli e-reader, i PC portatili e desktop restano inviolabili. "

    cioè non puoi fare nulla su PC portatili e desktop?
    non+autenticato
  • PC portatili e desktop sono il "grande satana"A bocca aperta

    Peccato poi che sui mobili attuali puoi farci girate di tutto e di più ... sono povere menti ottenebrate che ormai non sono più in grado di percepire la realtà relegata ad una celletta di un foglio di calcolo èreferibilmente closed ed alla tirata di giacchetta del gruppo politico di turno. Se a queste persone tu gli chiedessi "lo sai in che anno vivi ?" ti guarderebbero con lo sguardo accigliato "Nel 2015, che diamine!" ma in realtà sono vecchi del 1800 che pensano di perpetuare un mondo che non esiste più.
    non+autenticato
  • La legge non deve limitarsi a depenalizzare la rimozione di DRM per i giochi vecchi.
    La legge deve OBBLIGARE il detentore dei diritti a sbloccare il DRM o rilasciare le specifiche per poter scrivere un server pubblico che consenta al gioco vecchio di poter essere ancora giocato.

    La tutela dei diritti non deve MAI ASSOLUTAMENTE IN ALCUN MODO PREVALERE sul diritto dell'umanita' di poter fruire dell'opera quando scade il copyright.

    Tutta la cultura dell'umanita' si basa sul tramandarsi le conoscenze e le opere del passato e sarebbe veramente suicida impedire tutto questo per legge solo per garantire l'immeritato ingrasso di pochi parassiti nullafacenti.
  • “For neither good nor evil can last for ever; and so it follows that as evil has lasted a long time, good must now be close at hand.”
    non+autenticato
  • - Scritto da: marcione
    > “For neither good nor evil can last for ever; and
    > so it follows that as evil has lasted a long
    > time, good must now be close at
    > hand.”

    “That is not dead which can eternal lie,
    And with strange aeons even death may die.”

    Ci sono esseri antichi che trascendono il tempo, le dimensioni e persino il copyrightCon la lingua fuori
    Funz
    13021
  • - Scritto da: panda rossa
    > La legge non deve limitarsi a depenalizzare la
    > rimozione di DRM per i giochi
    > vecchi.
    > La legge deve OBBLIGARE il detentore dei diritti
    > a sbloccare il DRM o rilasciare le specifiche per
    > poter scrivere un server pubblico che consenta al
    > gioco vecchio di poter essere ancora
    > giocato.
    >
    > La tutela dei diritti non deve MAI ASSOLUTAMENTE
    > IN ALCUN MODO PREVALERE sul diritto dell'umanita'
    > di poter fruire dell'opera quando scade il
    > copyright.
    >
    > Tutta la cultura dell'umanita' si basa sul
    > tramandarsi le conoscenze e le opere del passato
    > e sarebbe veramente suicida impedire tutto questo
    > per legge solo per garantire l'immeritato
    > ingrasso di pochi parassiti
    > nullafacenti.


    Che te ne frega, mica è legge italiana questa
    non+autenticato
  • - Scritto da: allinclusiv e
    > - Scritto da: panda rossa
    > > La legge non deve limitarsi a depenalizzare
    > la
    > > rimozione di DRM per i giochi
    > > vecchi.
    > > La legge deve OBBLIGARE il detentore dei
    > diritti
    > > a sbloccare il DRM o rilasciare le
    > specifiche
    > per
    > > poter scrivere un server pubblico che
    > consenta
    > al
    > > gioco vecchio di poter essere ancora
    > > giocato.
    > >
    > > La tutela dei diritti non deve MAI
    > ASSOLUTAMENTE
    > > IN ALCUN MODO PREVALERE sul diritto
    > dell'umanita'
    > > di poter fruire dell'opera quando scade il
    > > copyright.
    > >
    > > Tutta la cultura dell'umanita' si basa sul
    > > tramandarsi le conoscenze e le opere del
    > passato
    > > e sarebbe veramente suicida impedire tutto
    > questo
    > > per legge solo per garantire l'immeritato
    > > ingrasso di pochi parassiti
    > > nullafacenti.
    >
    >
    > Che te ne frega, mica è legge italiana questa

    Perche' non e' mai successo che un libero cittadino non americano, che non aveva mai messo piede su suolo americano, sia stato bersaglio di una task force che, in barba ad ogni accordo internazionale, ha fatto irruzione nel suo paese, per prelevarlo con la forza e portarlo su suolo americano per un presunto illecito, che nel suo paese neanche era tale.
  • Allora, forniscici un Link o sono balle.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bona
    > Allora, forniscici un Link o sono balle.

    Te lo sbatto in faccia con estremo piacere.

    http://video.corriere.it/nuova-zelanda-spettacolar...
  • "in barba ad ogni accordo internazionale, ha fatto irruzione nel suo paese, per prelevarlo con la forza e portarlo su suolo americano per un presunto illecito, che nel suo paese neanche era tale."

    Quindi sostieni che in Nuova Zelanda (uno dei paesi dei Cinque Occhi americani) non esiste proprio nessuna legge sul copyright Rotola dal ridere
    Ora è tutto più chiaro Rotola dal ridere Hai un punto di vista sicuramente perfetto che non fa' nessuna pecca Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bona

    > Quindi sostieni che in Nuova Zelanda (uno dei
    > paesi dei Cinque Occhi americani) non esiste
    > proprio nessuna legge sul copyright

    non si discute l'eventuale condanna nel paese, ma il fatto che il raid sia stato ordinato da un paese straniero e che l'estradizione sia in discussione.

    Infatti il discorso iniziale era del tipo "mi interessa la legge USA perché voglio evitare di essere bombardato come fossi un terrorista nel caso rippo un DVD per vederlo sotto linux"
    non+autenticato
  • Non hai capito nemmeno te:
    https://en.wikipedia.org/wiki/Five_Eyes#Individual...
    L'ultimo della lista chi è?

    I Paesi dei 5 Occhi hanno accordi speciali con gli USA. A parte il fatto che sono state compiute delle indagini illegali cioè che sono andate oltre a ciò che era necessario e possibile fare (e la colpa qui è della Nuova Zelanda), è anche vero che l'estradizione in questione fa parte degli accordi con la Nuova Zelanda. Kim doveva pensarci prima a come scegliere il paese, poteva andare direttamente negli USA.
    Visto che è accusato di "criminal copyright infringement [...] money laundering, racketeering and wire fraud" (https://en.wikipedia.org/wiki/Kim_Dotcom ) e queste accuse pare (a detta dei NEOZELANDESI!!) siano fondate e che hanno "vittime" (aziende) americane allora l'estradizione è possibile. E si tratta di reati, che sono reati in entrambi gli stati, non come dice Panda Rossa solo negli USA.
    Altro esempio. La legge italiana persegue anche i reati compiuti all'estero in alcuni casi. Ad esempio gli omicidi o i reati di pedofilia. Se abusi di un bambino all'estero, anche se fosse legale in quello stato (cosa che è improbabile), quando torni vieni arrestato. Senza contare che nel frattempo l'Interpol già emette la segnalazione "rossa" di arresto. Quindi supponendo in modo assurdo che in quello stato l'abuso fosse legale, ma fosse uno Stato membro dell'Interpol, allora vieni arrestato e estradato lo stesso. Con i Paesi del Cinque Occhi succede una cosa simile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bona
    > Non hai capito nemmeno te:
    > https://en.wikipedia.org/wiki/Five_Eyes#Individual
    > L'ultimo della lista chi è?
    >
    > I Paesi dei 5 Occhi hanno accordi speciali con
    > gli USA. A parte il fatto che sono state compiute
    > delle indagini illegali cioè che sono andate
    > oltre a ciò che era necessario e possibile fare
    > (e la colpa qui è della Nuova Zelanda), è anche
    > vero che l'estradizione in questione fa parte
    > degli accordi con la Nuova Zelanda. Kim doveva
    > pensarci prima a come scegliere il paese, poteva
    > andare direttamente negli USA.
    >
    > Visto che è accusato di "criminal copyright
    > infringement [...] money laundering, racketeering
    > and wire fraud"
    > (https://en.wikipedia.org/wiki/Kim_Dotcom ) e
    > queste accuse pare (a detta dei NEOZELANDESI!!)
    > siano fondate e che hanno "vittime" (aziende)
    > americane allora l'estradizione è possibile. E si
    > tratta di reati, che sono reati in entrambi gli
    > stati, non come dice Panda Rossa solo negli
    > USA.
    > Altro esempio. La legge italiana persegue anche i
    > reati compiuti all'estero in alcuni casi. Ad
    > esempio gli omicidi o i reati di pedofilia. Se
    > abusi di un bambino all'estero, anche se fosse
    > legale in quello stato (cosa che è improbabile),
    > quando torni vieni arrestato.


    Si, ma se sei italiano!

    Non esiste che l'ISIS venga a prenderti solo perche' hai mangiato un panino al prosciutto!
    Se sei dei loro e se lo fai a casa loro, qualche ragione magari ce l'hanno, ma se lo fai a casa tua, e' ingiustificabile.


    > Senza contare che
    > nel frattempo l'Interpol già emette la
    > segnalazione "rossa" di arresto. Quindi
    > supponendo in modo assurdo che in quello stato
    > l'abuso fosse legale, ma fosse uno Stato membro
    > dell'Interpol, allora vieni arrestato e estradato
    > lo stesso. Con i Paesi del Cinque Occhi succede
    > una cosa
    > simile.


    E allora va tutto bene? Possiamo stare tranquilli che il prossimo che verranno a prendere non sarai tu?