Alfonso Maruccia

Microsoft e Android, Astoria brutta storia

Redmond ha confermato la "messa in pausa" del progetto pensato per gettare un ponte tra le app Android e Windows (10) Mobile. Il progetto non va come dovrebbe, e la pausa potrebbe rivelarsi essere eterna

Roma - Pesante battuta di arresto per il cosiddetto progetto Windows Bridge, una iniziativa pensata per facilitare la conversione delle app dai sistemi operativi mobile più usati su Windows Phone: Astoria, la porzione di "ponte" dedicata al porting da Android, è stato apparentemente accantonato. E la possibilità che nessuno riprenda più in mano il codice è piuttosto concreta.

Nelle intenzioni di Microsoft, i progetti Islandwood e Astoria dovrebbero garantire notevoli vantaggi e "facilitazioni" per gli sviluppatori disposti a investire nella versione Windows Phone/Mobile delle app, anche perché gli strumenti, gli IDE e gli SDK messi a disposizione dei suddetti sviluppatori sono stati pensati per ridurre al minimo gli interventi manuali necessari a modificare il codice sorgente originale.

In pratica, Islandwood e Astoria funzionano in maniera diversa: nel primo caso si può continuare a usare il codice Objective-C - nativo della piattaforma iOS - ma vanno aggiunte le porzioni necessarie a sfruttare a dovere l'hardware dei Windows Phone, nel secondo è presente un vero e proprio sottosistema derivato da Android.
Le app in Java e C++ convertite per Windows 10 Mobile non richiedono che poche modifiche al codice per funzionare, ha sempre sostenuto Microsoft, ma nel passaggio dalla teoria ai fatti in questi mesi c'è stato ben poco di concreto per gli sviluppatori interessati: il layer di compatibilità per iOS è stato rilasciato mesi fa, mentre quello per Android non si è ancora visto.

Ora, in una dichiarazione ufficiale rilasciata a Re/code, la corporation di Redmond ha confermato quello che molti già sospettavano da tempo: il progetto Astoria "non è ancora pronto", mentre quelli per convertire da Web, iOS e (presto) Win32 offrono notevoli opportunità agli sviluppatori di convertire le loro app sulla piattaforma Windows.

I problemi nella conversione "diretta" delle app Android su Windows Mobile sono evidentemente molto più complicati da risolvere del previsto, e la perdurante mancanza di novità su Astoria viene indicata da molti come segno del fatto che il progetto sia finito nel dimenticatoio, più che essere in pausa.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Microsoft e Android, Astoria brutta storia
Ordina
  • Astoria e' stato rilasciato in beta da Microsoft ed e' stato provato da molti sviluppatori, tra cui il sotto scritto. La sensazione e' che la cancellazione del progetto sia piu' politica che tecnica, anche se la compatibilita' nelle beta viste era ancora limitata.
    non+autenticato
  • Anche BB ha provato a risalire la china offrendo un RTE su BB10 che potesse far girare app Androidiane.
    il che funziona.
    pero' se parli con i possessori di BB ti diranno che fanno schifo!
    non e' un bel pensare quello di integrare un RTE nel proprio sistema.
    politicamente e' come dire il concorrente Android e' il "vincitore" della sfida mobile, e che l'unica soluzione e' "emularlo".

    la storia, poi, in BB e' finita cosi': BB ha buttato a mare il loro S.O. e adesso sui BB ci girera' Android Stock!
    Bella mossa!
    non+autenticato