Claudio Tamburrino

Microsoft, un progetto per connettere il mondo

Un fondo di Redmond sarà dedicato al miglioramento delle connessioni nei mercati meno serviti: le proposte meritevoli riceveranno denari da investire

Roma - Microsoft ha annunciato un fondo destinato a finanziare i progetti di aziende per portare Internet a costi contenuti nei mercati al momento non connessi.

Affordable Access Initiative

Redmond è solo l'ultima, in ordine di tempo, delle grandi aziende IT ad interessarsi della questione del digital divide e interessata a trovare una soluzione al problema, creando così nuovi mercati e nuovi utenti. Google ha presentato diversi progetti legati a quell'obiettivo ed orbitanti intorno al suo Project Loon (palloni aerostatici da cui veicolare via laser le connessioni ad alta velocità alle zone digital divise) ed il fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg è addirittura intevenuto alle Nazioni Unite dove ha illustrato il proprio progetto per voler connettere il mondo intero entro il 2020, e la sua convinzione che l'accesso ad Internet sia uno dei fattori per eliminare le condizioni di povertà estrema. Un'occasione, quella della visita al palazzo di vetro, per tirare le fila del progetto Internet.org che permette a Facebook di stare in prima linea sul fronte del digital divide, e dell'offerta di servizi su mercati potenziali.

Proprio in quella occasione, coincisa con la visita negli Stati Uniti del Primo Ministro indiano Narendra Modi, il CEO di Microsoft Satya Nadella aveva annunciato un programma per portare Internet a 500mila villaggi indiani, sfruttando i cosiddetti white space cioè le frequenze non utilizzate dello spettro al momento destinato alle televisioni.
Ora Microsoft amplia il suo sguardo, ma a differenza di Facebook e Google esternalizza la ricerca di soluzioni: il fondo prende il nome di Affordable Access Initiative e promette finanziamenti alle aziende con progetti e programmi per permettere alle comunità digital divise di accedere ad Internet ed ai servizi cloud: Redmond vuole premiare le soluzioni low-cost alla connettività o anche metodi di business innovativi che permettano di risolvere il problema.
Ad ogni azienda ritenuta meritevole del finanziamento andrà una somma in media di 75mila dollari.

Claudio Tamburrino

fonte immagine
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle Loon, connettività indonesianaI palloni aerostatici della Grande G sono pronti ai test per connettere l'arcipelago. Due terzi della popolazione non accedono alla Rete, solo il 23 per cento possiede uno smartphone
  • AttualitàAfrica, Facebook dallo spazioZuckerberg annuncia un nuovo accordo con Eutelsat per portare Internet via satellite entro il 2016 nei paesi africani
  • AttualitàFacebook e la connettività universaleZuckerberg è intervenuto al congresso dell'ONU per parlare dell'obiettivo dell'accesso universale ad Internet e della volontà di portare connettività ai rifugiati. Intanto, in India, incrocia i suoi progetti con quelli di Google e Microsoft
1 Commenti alla Notizia Microsoft, un progetto per connettere il mondo
Ordina
  • Redmond è solo l'ultima, in ordine di tempo, delle grandi aziende IT ad interessarsi della questione del digital divide e interessata a trovare una soluzione al problema, creando così nuovi mercati e nuovi utenti.

    Questa frase dice tutto.
    Dice che M$ e' l'ultima, come sempre.
    Dice che a M$ non frega niente delle persone ma solo dei soldi.

    Vale la pena ricordare, visto che l'articolo non si degna, che il primo che si e' sbattuto per risolvere il problema del digital divide e' stato Negroponte, e non per interesse, ma per amore di cultura.
    E lo ha fatto con l'unica risposta libera e indipendente dai mercati: l'open source.

    Il comportamento di M$ e' riconducibile a quello della Nestle' quando regalava latte in polvere nei paesi in via di sviluppo.
    http://www.zeusnews.it/n.php?c=1685