Gaia Bottà

Pandora si reinventa sulle basi di Rdio

Il servizio statunitense di radio personalizzate in streaming acquisirà la tecnologia di Rdio per estendere la propria presenza al di fuori degli States, per competere differenziando il suo storico modello di business

Roma - Pandora, servizio di musica in streaming lanciato nel 2000 ad incarnare i primi sogni di jukebox celestiale e le prime speranze dell'industria di battere il P2P con un'offerta di intrattenimento musicale legale, ha annunciato l'acquisizione dei alcuni asset di Rdio, analogo servizio nato nel 2010 dall'iniziativa di Niklas Zennstrom e Janus Friis, imprenditori che hanno partecipato alle vicende burrascose di Kazaa e fondatori di Skype.

Rdio, nonostante il discreto successo di pubblico e la diffusione su numerosi mercati, ha dichiarato bancarotta: Pandora, le cui ambizioni di business per lo streaming musicale sono per ora state confinate al mercato statunitense, australiano e neozelandese e sono state limitate dalla natura delle licenze che deve ai detentori dei diritti per un servizio "non interattivo", sembra aver intravisto nell'acquisizione di parte degli asset di Rdio una spinta a riprogrammare il futuro.

Per 75 milioni di dollari Pandora non acquisirà il catalogo di Rdio, le cui licenze non sono trasferibili, ma le tenologie e la relativa proprietà intellettuale, che potranno contribuire a sospingere Pandora a completare la propria offerta radiofonica "non interattiva" con nuovi modelli di business, compreso lo streaming on demand che ha fatto il successo di piattaforme come Spotify, e che servizi come Apple Music e YouTube ritengono un aspetto fondamentale della propria offerta.
Pandora può già vantare oltre 78 milioni di utenti, più di quanti ne conti Spotify con il proprio modello freemium, una platea sconfinata rispetto ai servizi recentemente lanciati da Apple e YouTube: la prospettiva do Pandora, secondo gli osservatori e secondo le indiscrezioni, sembrerebbe essere quella di consolidare le proprie basi con una espansione internazionale, supportata da un modello di business a pagamento che includa lo streaming on demand, così da competere con gli altri attori del mercato con una offerta alla pari.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàYouTube si ricicla in musicaAd un anno dal debutto di Music Key, ecco YouTube Music: disponibile negli USA, si basa su un modello freemium per mettere a frutto i 50 milioni di brani musicali caricati da utenti e detentori dei diritti
  • AttualitàApple Music è anche per AndroidSi tratta della prima applicazione Apple per ecosistemi non Apple e mostra quanto Cupertino creda nel proprio servizio di streaming. L'esperienza d'uso è pressoché identica a quella dell'app iOS; l'offerta, una fra le tante
  • BusinessStreaming, RIAA attende Apple MusicI numeri del primo semestre del 2015 per il mercato statunitense confermano le tendenze già in atto: l'industria attende il grande balzo con la fine del periodo di prova per la piattaforma di Cupertino. Ammesso che le platee siano disposte a pagare