Claudio Tamburrino

Apple mischia le carte ai vertici

Jeff Williams, sollevando Cook da qualche impegno, è stato nominato per il ruolo di COO, mentre Phil Schiller, che finora ha gestito il marketing a livello globale, si posiziona a capo degli App Store

Roma - Apple ha annunciato una serie di cambiamenti che coinvolgono i suoi vertici e che hanno portato Jeff Williams ad occupare la poltrona di Chief Operating Officer e Phil Schiller a capo di App Store.

Williams ricopriva finora il ruolo di vice-presidente senior e andrà dunque ad occupare la posizione finora ufficialmente presieduta ancora da Tim Cook, diventato CEO dopo Steve Jobs nel 2011: è probabile che Williams continuerà ad avere gli stessi compiti, con un titolo migliore.

Più rilevante, dunque, sembra il passaggio di Schiller: l'attuale vice presidente senior al marketing globale passerà infatti a gestire il sistema delle piattaforme App Store su iOS, OS X, WatchOS e tvOS.
Schiller assumerà i compiti finora svolti da Eddy Cue, che rimane nel suo ruolo di Presidente Apple e incaricato dei software e dei servizi Internet e quindi a capo di diversi servizi tra cui Apple Music, iCloud, Apple Pay e Siri: una lista che negli ultimi anni si era particolarmente allungata e che presumibilmente ha spinto l'azienda a prendere la decisione di sollevarlo da una parte degli impegni.

Cambiando i ruoli in testa vi sono naturalmente movimenti anche nelle parti più basse della gerarchia: Johny Srouji, finora al vertice dei programmi per i semiconduttori e l'hardware è diventato vice-presidente senior alle tecnologie hardware e Tor Myhren sarà assunto dall'agenzia di advertising Grey per unirsi al team del marketing di Cupertino.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Digital LifeApple detta legge sulle confezioniGli accessori devono essere degnamente impacchettati per non creare dissonanza con il candore del design di Cupertino: l'esperienza totalizzante coinvolge anche i produttori terzi
  • BusinessChe 2014 è stato per Apple?di D. Galimberti - Si chiude il primo triennio a guida Cook, e iniziano a maturare i frutti della sua gestione. Nel corso del 2015 per Tim ci sarà la disfatta o la consacrazione
6 Commenti alla Notizia Apple mischia le carte ai vertici
Ordina
  • http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tlc/201...

    Sono anni che sostengo che apple si stia bruciando. E nessuno che mi abbia dato retta.... dove sono i vari max, Ruppolo e soci?

    Apple per spremere i suoi utonti come limoni ha perso prima il mercato dei PC, poi quello degli smartphone, regalandolo ad android, non contenta continua nella sua politica di prezzi stellari, con smartphone che vengono venduti a prezzi superiori a quelli di un buon notebook, neanche le difficoltà dell'ultimo anno di Samsung l'hanno fatta rinsavire.
    Beh oggi forse qualche utonto si è accorto che ditte come Huawei, Xiaomi o Lenovo offrono per meno di 200 euro smartphone che hanno ben poco da invidiare all'iPhone o a certi "Top di gamma" occidentali e si stanno chiedendo perchè dovrebbero pagare 4 volte di più per avere uno smartphone consimilare.... le razzate del marketing sull'esclusività dei materiali delle forme ecc non possono durare in eterno!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 dicembre 2015 16.14
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tlc/201
    >
    > Sono anni che sostengo che apple si stia
    > bruciando. E nessuno che mi abbia dato retta....
    > dove sono i vari max, Ruppolo e soci?

    Io tutto sommato sono meno catastrofista. Non ci vedo la fine di Apple, vedo semplicemente che nel ramo smartphone ha ormai raggiunto tutti i compratori che poteva raggiungere (salvo fluttuazioni s'intende). Non può crescere oltre, e questo destabilizza un po' dopo 5 anni di crescita impetuosa.

    Ecco perchè sta faticosamente esplorando altre tipologie di prodotti.
  • - Scritto da: bradipao
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > >
    > http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tlc/201
    > >
    > > Sono anni che sostengo che apple si stia
    > > bruciando. E nessuno che mi abbia dato retta....
    > > dove sono i vari max, Ruppolo e soci?
    >
    > Io tutto sommato sono meno catastrofista. Non ci
    > vedo la fine di Apple, vedo semplicemente che nel
    > ramo smartphone ha ormai raggiunto tutti i
    > compratori che poteva raggiungere (salvo
    > fluttuazioni s'intende). Non può crescere oltre,
    > e questo destabilizza un po' dopo 5 anni di
    > crescita
    > impetuosa.
    >
    > Ecco perchè sta faticosamente esplorando altre
    > tipologie di
    > prodotti.

    Il mercato degli smartphone fino ad oggi è cresciuto a doppia cifra dall'anno prossimo la crescita sarà sotto il 10% e poi probabilmente incomincerà un declino delle vendite, se non in termini di numero di pezzi in assoluto quanto meno di valore.
    Se apple incomincia a vendere meno pezzi quando il mercato è ancora in buona crescita, prova ad immaginare cosa accadrà nelle fasi di contrazione, dove da sempre le aziende tagliano i margini ed aumenta la concorrenza, prova a guardare quello che accade nel mercato dei TV... eliminando per ora i modelli OLED o i 4K(ancora per poco) il mercato si concentra su soluzioni che al massimo costano un migliaio di euro compresi schermi da 60 pollici e 3d, quando fino a qualche anno fa esistevano diversi prodotti anche sopra i diecimila euro!
    Il settore smartphone sta diventando maturo, i tempi di sostituzione da parte degli utenti inevitabilmente si allungheranno e a meno di vere innovazioni sempre più i modelli si sposteranno verso la fascia di prezzo sotto i 200 euro. Per apple sarà veramente dura mantenere le sue quote di mercato senza tagliare sensibilmente i prezzi, cosa che non può fare, pena la perdita di status symbol. Al contraio di altri produttori presenti su tutte le fasce di mercato apple presidia solo i top di gamma, ma deve competere con il suo ecosistema con Android... se le sue quote di mercato si ridurranno eccessivamente sempre più sviluppatori cesseranno di supportare iOS, insomma si ritroverà nelle condizioni marginali di mercato che ha nel settore PC... e questo partendo da un possibile dominio del settore gettato alle ortiche solo per massimizzare i profitti nel breve periodo!
    Se apple avesse tagliato i prezzi, introdotto modelli più economici avrebbe stroncato sul nascere Android!
  • Questo si che e' un commento con i controfiocchi. Quoto e sottoscrivo in pieno l'analisi.


    - Scritto da: Enjoy with Us
    > - Scritto da: bradipao
    > > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > >
    > >
    > http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tlc/201
    > > >
    > > > Sono anni che sostengo che apple si stia
    > > > bruciando. E nessuno che mi abbia dato
    > retta....
    > > > dove sono i vari max, Ruppolo e soci?
    > >
    > > Io tutto sommato sono meno catastrofista.
    > Non
    > ci
    > > vedo la fine di Apple, vedo semplicemente
    > che
    > nel
    > > ramo smartphone ha ormai raggiunto tutti i
    > > compratori che poteva raggiungere (salvo
    > > fluttuazioni s'intende). Non può crescere
    > oltre,
    > > e questo destabilizza un po' dopo 5 anni di
    > > crescita
    > > impetuosa.
    > >
    > > Ecco perchè sta faticosamente esplorando
    > altre
    > > tipologie di
    > > prodotti.
    >
    > Il mercato degli smartphone fino ad oggi è
    > cresciuto a doppia cifra dall'anno prossimo la
    > crescita sarà sotto il 10% e poi probabilmente
    > incomincerà un declino delle vendite, se non in
    > termini di numero di pezzi in assoluto quanto
    > meno di valore.
    >
    > Se apple incomincia a vendere meno pezzi quando
    > il mercato è ancora in buona crescita, prova ad
    > immaginare cosa accadrà nelle fasi di
    > contrazione, dove da sempre le aziende tagliano i
    > margini ed aumenta la concorrenza, prova a
    > guardare quello che accade nel mercato dei TV...
    > eliminando per ora i modelli OLED o i 4K(ancora
    > per poco) il mercato si concentra su soluzioni
    > che al massimo costano un migliaio di euro
    > compresi schermi da 60 pollici e 3d, quando fino
    > a qualche anno fa esistevano diversi prodotti
    > anche sopra i diecimila
    > euro!
    > Il settore smartphone sta diventando maturo, i
    > tempi di sostituzione da parte degli utenti
    > inevitabilmente si allungheranno e a meno di vere
    > innovazioni sempre più i modelli si sposteranno
    > verso la fascia di prezzo sotto i 200 euro. Per
    > apple sarà veramente dura mantenere le sue quote
    > di mercato senza tagliare sensibilmente i prezzi,
    > cosa che non può fare, pena la perdita di status
    > symbol. Al contraio di altri produttori presenti
    > su tutte le fasce di mercato apple presidia solo
    > i top di gamma, ma deve competere con il suo
    > ecosistema con Android... se le sue quote di
    > mercato si ridurranno eccessivamente sempre più
    > sviluppatori cesseranno di supportare iOS,
    > insomma si ritroverà nelle condizioni marginali
    > di mercato che ha nel settore PC... e questo
    > partendo da un possibile dominio del settore
    > gettato alle ortiche solo per massimizzare i
    > profitti nel breve
    > periodo!
    > Se apple avesse tagliato i prezzi, introdotto
    > modelli più economici avrebbe stroncato sul
    > nascere
    > Android!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tlc/201
    >
    > Sono anni che sostengo che apple si stia
    > bruciando. E nessuno che mi abbia dato retta....
    > dove sono i vari max, Ruppolo e
    > soci?
    >
    > Apple per spremere i suoi utonti come limoni ha
    > perso prima il mercato dei PC, poi quello degli
    > smartphone, regalandolo ad android, non contenta
    > continua nella sua politica di prezzi stellari,
    > con smartphone che vengono venduti a prezzi
    > superiori a quelli di un buon notebook, neanche
    > le difficoltà dell'ultimo anno di Samsung l'hanno
    > fatta
    > rinsavire.
    > Beh oggi forse qualche utonto si è accorto che
    > ditte come Huawei, Xiaomi o Lenovo offrono per
    > meno di 200 euro smartphone che hanno ben poco da
    > invidiare all'iPhone o a certi "Top di gamma"
    > occidentali e si stanno chiedendo perchè
    > dovrebbero pagare 4 volte di più per avere uno
    > smartphone consimilare.... le razzate del
    > marketing sull'esclusività dei materiali delle
    > forme ecc non possono durare in
    > eterno!
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 18 dicembre 2015 16.14
    > --------------------------------------------------
    Chi sta soffrendo veramente è Samsung che vede suoi prodotti di fascia alta in concorrenza con Apple e quelli di fascia bassa fatti a pezzi dalla concorrenza cinese.
    A paritá di prezzo la gente continua a preferire Apple, per Apple le cose si metteranno male quando questo si invertirá
    non+autenticato
  • Sono d'accordo con te per quanto riguarda il solo mercato telefonico. Ma Samsung ha dalla sua il fatto di non essere solo Cellulari, tablet e laptop. E' anche TV, lavatrici, climatizzatori, frigoriferi...
    non+autenticato