Gaia Bottà

Facebook Free Basics, altruismo incompreso

Zuckerberg difende la propria iniziativa per connettere i paesi emergenti: non ha nulla a che vedere con gli interessi commerciali. Ma non serve a ripristinare il programma in India e Egitto

Facebook Free Basics, altruismo incompresoRoma - Un accesso limitato a Internet è meglio che nessun accesso, per innescare un circolo virtuoso nella vita di miliardi di persone: è questa l'argomentazione con cui Facebook sta tentando di convincere l'India, e il mondo, ad abbracciare Free Basics, la piattaforma che, in un regime zero rating basato su accordi con gli operatori mobile, fornisce accesso ad un ventaglio di servizi correlati al social network o selezionati dal social network. Una piattaforma che le autorità indiane hanno sospeso nei giorni scorsi, e da cui anche l'Egitto sembra aver iniziato a diffidare.

L'India, nonostante gli emendamenti recentemente approntati al programma Internet.org, con la ridefinizione della piattaforma Free Basics in senso più inclusivo e con maggiore attenzione alla sicurezza, ha nei giorni scorsi imposto una sospensione al programma, sollecitata dai dubbi e dalle critiche in materia di net neutrality, istanze di cui si è fatto portavoce in particolare il movimento Save The Internet. In attesa di una decisione definitiva, che emergerà dalla consultazione in corso fino al 7 gennaio, Facebook ha dato in via ad una estensiva campagna per scuotere gli animi: oltre alle sollecitazioni rivolte agli utenti, affinché manifestino il desiderio di tornare ad usufruire di Free Basics, pagine pubblicitarie sui media tradizionali fanno leva su casi esemplari per avvalorare le critiche scagliate sulle istanze degli attivisti della net neutrality.

Advertising in India

In una girandola di contributi cartacei rivolti all'opinione pubblica parzialmente connessa, e di sessioni AMA su Reddit evidentemente rivolte a platee non afflitte da digital divide, l'editoriale a firma Mark Zuckerberg su The Times Of India è un concentrato di buone intenzioni, reiterate in ogni sede: poco importa che il disegno di Facebook includa esplicitamente un piano di espansione del proprio business, a dire di Zuckerberg Free Basics è altruismo puro, "non ha nulla a che vedere con gli interessi commerciali di Facebook" ma rappresenta invece "un ponte verso l'intera Internet e l'uguaglianza digitale".
"Oltre 30 paesi del mondo hanno riconosciuto che Free Basics è un progetto che si accorda con la neutralità della rete e che giova ai consumatori", ricorda Zuckerberg.
Da questo momento, però, c'è un paese in meno che può confidare nella forza salvifica dell'iniziativa di Zuckerberg: anche in Egitto l'operatore Etisalat, partner di Free Basics, ha sospeso il supporto al servizio. Non è dato sapere se si tratti di una imposizione dalle autorità, né le motivazioni su cui si basa. Facebook si è limitata ad esprimere disappunto.

Gaia Bottà
Notizie collegate
18 Commenti alla Notizia Facebook Free Basics, altruismo incompreso
Ordina
  • e sta cercando di farsene una propria versione tutat da solo.
    Facebook è il primo nemico al mondo di Internet
    non+autenticato
  • - Scritto da: AxAx
    > e sta cercando di farsene una propria versione
    > tutat da
    > solo.

    Non e' il primo e nemmeno l'ultimo anche se piu' si va avanti e piu' diventa difficile

    altri tentantivi famosi

    MSN (1995)

    in corso

    Facebook
    Google
    Baidu
    mail.ru
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mazzulatore
    > - Scritto da: AxAx
    > > e sta cercando di farsene una propria versione
    > > tutat da
    > > solo.
    >
    > Non e' il primo e nemmeno l'ultimo anche se piu'
    > si va avanti e piu' diventa
    > difficile
    >
    > altri tentantivi famosi
    >
    > MSN (1995)
    >
    > in corso
    >
    > Facebook
    > Google
    > Baidu
    > mail.ru

    mail.ru perche'?
  • >
    > mail.ru perche'?


    non vedo nessuna differenza sono megaportali che vogliono concentrare tutto su di se, sono stati il piu' grande danno che finora ha subito la rete di fatto sostituendo/affiancando le compagnie telefoniche
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mazzulatore
    > >
    > > mail.ru perche'?
    >
    >
    > non vedo nessuna differenza sono megaportali che
    > vogliono concentrare tutto su di se, sono stati
    > il piu' grande danno che finora ha subito la rete
    > di fatto sostituendo/affiancando le compagnie
    > telefoniche

    Sara' perche' io uso mail.ru solo per avere una casella di posta fuori dal controllo americano e non utilizzo nient'altro di quel portale che e' scritto con caratteri non ascii?

    Che servizi offre mail.ru oltre ad una casella di posta gratuita?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Mazzulatore
    > > >
    > > > mail.ru perche'?
    > >
    > >
    > > non vedo nessuna differenza sono megaportali
    > che
    > > vogliono concentrare tutto su di se, sono
    > stati
    >
    > > il piu' grande danno che finora ha subito la
    > rete
    > > di fatto sostituendo/affiancando le compagnie
    > > telefoniche
    >
    > Sara' perche' io uso mail.ru solo per avere una
    > casella di posta fuori dal controllo americano e
    > non utilizzo nient'altro di quel portale che e'
    > scritto con caratteri non
    > ascii?
    >
    > Che servizi offre mail.ru oltre ad una casella di
    > posta
    > gratuita?

    Hai presente G+ e compagnia cantante ? Ecco hai un account su quello russo, sallo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Uno

    > > Che servizi offre mail.ru oltre ad una
    > casella
    > di
    > > posta
    > > gratuita?
    >
    > Hai presente G+ e compagnia cantante ? Ecco hai
    > un account su quello russo,
    > sallo.

    Solo che sui siti che frequento non c'e' mica il pulsante per condividere su mail.ru, ma solo G+, f, D, e altre cose de noantri.

    Quindi tutto sommato la scelta di un account su mail.ru evita di farsi invischiare nella rete di profilazione dei siti occidentali.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Uno

    > > > Che servizi offre mail.ru oltre ad
    > > > una casella di posta gratuita?

    > > Hai presente G+ e compagnia cantante ?
    > > Ecco hai un account su quello russo, sallo.

    > Solo che sui siti che frequento non c'e' mica il
    > pulsante per condividere su mail.ru, ma solo G+,
    > f, D, e altre cose de noantri.

    Questo perchè non frequenti siti in lingua russa, non hai la versione di Adblock in quella lingua che blocca i pulsanti ti VolcomekazSichiama...

    > Quindi tutto sommato la scelta di un account su
    > mail.ru evita di farsi invischiare nella rete di
    > profilazione dei siti occidentali.

    Eh, bravo anche io lo uso da anni per quello, in'oltre c'è un altro vantaggio: lo spam lo riconosci a kilometri poichè è in russo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tre
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Uno
    >
    > > > > Che servizi offre mail.ru oltre ad
    > > > > una casella di posta gratuita?
    >
    > > > Hai presente G+ e compagnia cantante ?
    > > > Ecco hai un account su quello russo,
    > sallo.
    >
    > > Solo che sui siti che frequento non c'e'
    > mica
    > il
    > > pulsante per condividere su mail.ru, ma solo
    > G+,
    > > f, D, e altre cose de noantri.
    >
    > Questo perchè non frequenti siti in lingua russa,
    > non hai la versione di Adblock in quella lingua
    > che blocca i pulsanti ti
    > VolcomekazSichiama...

    Certo che no. Non conosco il russo.
    Per questo mail.ru e' una mail relativamente sicura: non vengo profilato da loro perche' non frequento quella parte di rete, non vengo profilato da noi perche' appartengo ad una minoranza trascurabile.

    > > Quindi tutto sommato la scelta di un account
    > su
    > > mail.ru evita di farsi invischiare nella
    > rete
    > di
    > > profilazione dei siti occidentali.
    >
    > Eh, bravo anche io lo uso da anni per quello,
    > in'oltre c'è un altro vantaggio: lo spam lo
    > riconosci a kilometri poichè è in
    > russo.

    Ah, e' spam quella roba illeggibile? Rotola dal ridere
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Tre

    > > Eh, bravo anche io lo uso da anni per quello,
    > > in'oltre c'è un altro vantaggio: lo spam lo
    > > riconosci a kilometri poichè è in russo.

    > Ah, e' spam quella roba illeggibile? Rotola dal ridere

    Quasi tutto, solo una volta è arrivata una mail (ovviamente in russo) a tutti gli utenti che accedevano da fuori russia di rispondere giustificando (ovviamente in russo) altrimenti sarebbero stati sospesi.
    Evidentemente tu non eri ancora iscritto al tempo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dodici
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Tre
    >
    > > > Eh, bravo anche io lo uso da anni per
    > quello,
    > > > in'oltre c'è un altro vantaggio: lo
    > spam
    > lo
    > > > riconosci a kilometri poichè è in russo.
    >
    > > Ah, e' spam quella roba illeggibile? Rotola dal ridere
    >
    > Quasi tutto, solo una volta è arrivata una mail
    > (ovviamente in russo) a tutti gli utenti che
    > accedevano da fuori russia di rispondere
    > giustificando (ovviamente in russo) altrimenti
    > sarebbero stati
    > sospesi.
    > Evidentemente tu non eri ancora iscritto al tempo.

    Oppure non accedo da fuori russia. Occhiolino
    Chi puo' dirlo?
  • semplicemente, al pari di microsoft che "regala" licenze alle scuole, anche facebook ha il sui meccanismo finto-altruista che serve a preparare nuovi gonzi da legare al proprio carro, tutto qui. si chiama "investo ora 1 per guadagnare 1000 domani".

    aspettarsi altriusmo da una multinazionale (per di piu' statunitense) e' come pensare di cavare sangue da un blocco di granito: tutto quello che fanno e' per soldi. anche le donazioni che fanno le fanno perche sono deducibili dalle tasse, per cui usano quei soldi per farsi belli di fronte al popolino.
    le uniche cose che gli usa regalano sono i proiettili (dal 1990 nella nuova eccitante variante all'uanio inpoverito, yeah!) che lasciano sul campo di battaglia.
    non+autenticato
  • Un accesso limitato a Internet è meglio che nessun accesso, per innescare un circolo virtuoso nella vita di miliardi di persone: è questa l'argomentazione con cui Facebook sta tentando di convincere l'India, e il mondo, ad abbracciare Free Basics, la piattaforma che, in un regime zero reting basato su accordi con gli operatori mobile, fornisce accesso ad un ventaglio di servizi correlati al social network o selezionati dal social network.


    che tristezza, speravo nella Botta', e invece... BAH!
    non+autenticato