Gaia Bottà

Giorni contati per IE 8, 9 e 10

Martedì 12 gennaio Microsoft distribuirà l'ultima patch e sospenderà il supporto alle tre versioni del browser. Con alcune eccezioni

Roma - Microsoft si prepara ad accantonare Internet Explorer 8, 9 e 10 con un ultimo aggiornamento, in programma per il 12 gennaio: da quel momento in poi, con il Patch Tuesday di gennaio, scoccherà la fine del supporto per i tre browser e gli utenti verranno invitati ad aggiornare a IE11, o a transitare a Edge con Windows 10.

Dopo il 12 gennaio gli utenti di Windows 7 che non abbiano già aggiornato a IE11 perché sono sfuggiti fino ad ora agli aggiornamenti automatici inizieranno a ricevere delle notifiche di invito all'upgrade. È la stessa Microsoft, però, a suggerire agli utenti consapevoli dei rischi le modifiche da apportare al registro per interrompere i messaggi di avvertimento e continuare ad impiegare versioni obsolete del browser.

Oltre ai programmi personalizzati di supporto per le imprese, fanno eccezione in questa inesorabile tabella di marcia gli utenti di Vista (SP2): il supporto esteso a questo sistema operativo terminerà nel mese di aprile 2017 e ai suoi utenti sarà concesso di godere degli aggiornamenti per IE9. Per i sistemi server IE9 sarà supportato su Windows Server 2008 SP2. Gli utenti di Windows Server 2012 riceveranno gli update per IE10, mentre per Windows Server 2012 R2 solo IE11 resterà aggiornato, così come per Windows Server 2008 R2 SP1.
La fine del supporto alle tre versioni del browser, annunciata nell'estate del 2014, pur non comportando alcun obbligo per gli utenti è un chiaro invito all'upgrade: segnalando i rischi di operare con un browser non al passo con i tempi e con le soluzioni alle vulnerabilità, Microsoft auspica di convincere gli utenti di Internet Explorer 8, 9 e 10, che ancora generano il 20 per cento del traffico totale del web, a scegliere Windows 10 e Edge, o a ripiegare almeno su Internet Explorer 11, che detiene ad oggi il 25,6 per cento del mercato dei browser su sistemi desktop. Gli utenti messi di fronte ad una scelta, segnala però qualcuno, potrebbero altresì decidere di abbracciare un browser prodotto dalla concorrenza.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • TecnologiaIl JavaScript di Microsoft Edge sarà open sourceRedmond ha annunciato la conversione dell'engine JS del suo nuovo browser Web in un progetto FOSS, capace di vivere senza dipendenze dall'ecosistema Windows. Cercansi volontari per il porting su altre piattaforme
  • SicurezzaChrome, ultimatum a XP e VistaAnche le versioni del browser per OS X 10.6, 10.7 e 10.8 non verranno più aggiornate a partire da aprile 2016. Windows XP è utilizzato ancora su oltre il 10 per cento dei PC desktop
  • SicurezzaInternet Explorer a supporto limitatoMicrosoft annuncia l'ennesimo, importante cambio di policy per il supporto al suo browser Web, definendo una scaletta che porta a escludere le versioni meno recenti da qui al 2016
15 Commenti alla Notizia Giorni contati per IE 8, 9 e 10
Ordina
  • "Gli utenti messi di fronte ad una scelta, segnala però qualcuno, potrebbero altresì decidere di abbracciare un browser prodotto dalla concorrenza."

    Ma magari...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Utente
    > "Gli utenti messi di fronte ad una scelta,
    > segnala però qualcuno, potrebbero altresì
    > decidere di abbracciare un browser prodotto dalla
    > concorrenza."
    >
    > Ma magari...

    Non succedera'.
    Chi ancora oggi utilizza la selce scheggiata invece del bisturi al laser, lo continuera' a fare fino a che la selce scheggiata continuera' a fuzionare.

    Dovrebbero essere siti come fessbuk e google a tirar fuori le palle e sbattere in faccia ai trogloditi che ancora utilizzano strumenti primitivi ad aggiornarsi se vogliono accedere al sito o in alternativa andare a far affari in Cuba!
  • ... io continuo ad usare il mio granitico IE6 con gli AxctiveX di terze parti abilitati, vero ed unico standard dell'internèt
    non+autenticato
  • - Scritto da: utonto uindoss
    > ... io continuo ad usare il mio granitico IE6 con
    > gli AxctiveX di terze parti abilitati, vero ed
    > unico standard
    > dell'internèt

    Lo so che stai bluffando (o si dice trollando?), sono sicuro che sei da tempo immenore almeno su FireFox. Oppure fai della fine ironia. No? ... ahi ahi ahi ... allora fai come ti pare.
  • - Scritto da: utonto uindoss
    > ... io continuo ad usare il mio granitico IE6 con
    > gli AxctiveX di terze parti abilitati, vero ed
    > unico standard
    > dell'internèt

    Te ci scherzi, ma all'epoca qui su PI c'erano veramente dei Winari che sostenevano fosse il browser più sicuro.

    No dico, IE6. La ragione numero uno per cui è nato il business legato al malware.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: utonto uindoss
    > > ... io continuo ad usare il mio granitico IE6
    > con
    > > gli AxctiveX di terze parti abilitati, vero ed
    > > unico standard
    > > dell'internèt
    >
    > Te ci scherzi, ma all'epoca qui su PI c'erano
    > veramente dei Winari che sostenevano fosse il
    > browser più
    > sicuro.

    Ho gia' illustrato piu' volte la relazione che c'e' tra distribuzione di intelligenza e distribuzione di ricchezza. L'1% detiene il 99%.
    E quei winari ne sono la dimostrazione.

    > No dico, IE6. La ragione numero uno per cui è
    > nato il business legato al
    > malware.

    Sommata anche al fatto che ai tempi si usava chiamare con modem analogici, e la contemporanea apparizione delle numerazioni telefoniche a pagamento.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: ...
    > > - Scritto da: utonto uindoss
    > > > ... io continuo ad usare il mio
    > granitico
    > IE6
    > > con
    > > > gli AxctiveX di terze parti abilitati,
    > vero
    > ed
    > > > unico standard
    > > > dell'internèt
    > >
    > > Te ci scherzi, ma all'epoca qui su PI c'erano
    > > veramente dei Winari che sostenevano fosse il
    > > browser più
    > > sicuro.
    >
    > Ho gia' illustrato piu' volte la relazione che
    > c'e' tra distribuzione di intelligenza e
    > distribuzione di ricchezza. L'1% detiene il
    > 99%.
    > E quei winari ne sono la dimostrazione.
    >
    > > No dico, IE6. La ragione numero uno per cui è
    > > nato il business legato al
    > > malware.
    >
    > Sommata anche al fatto che ai tempi si usava
    > chiamare con modem analogici, e la contemporanea
    > apparizione delle numerazioni telefoniche a
    > pagamento.

    In Italia, all'estero i dialer erano meno diffusi ma grazie a IE6 il malware proliferava eccome.
    non+autenticato
  • nei primi anni 2000 i Dialer furono un vero cancro, tanto che li mettevano nei siti più diperati, per far 3 soldi in più, pensando di fare un fenomenale bussines.

    Poi hanno calcato troppo la mano per come li presentavano, spesso installandoli contro la volontà dall'utente. All'epoca non ci stavano le alternativa di IE come adesso a parte un Netscape morente e Opera, quando era ancora un browser vero.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > nei primi anni 2000 i Dialer furono un vero
    > cancro, tanto che li mettevano nei siti più
    > diperati, per far 3 soldi in più, pensando di
    > fare un fenomenale
    > bussines.
    >
    > Poi hanno calcato troppo la mano per come li
    > presentavano, spesso installandoli contro la
    > volontà dall'utente. All'epoca non ci stavano le
    > alternativa di IE come adesso a parte un Netscape
    > morente e Opera, quando era ancora un browser
    > vero.

    Ripeto, in Italia erano diffusissimi ma in quasi tutto il resto del mondo no. Il malware diffuso era altro, di solito adware invasivo o trojan rubapassword.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Te ci scherzi, ma all'epoca qui su PI c'erano
    > veramente dei Winari che sostenevano fosse il
    > browser più
    > sicuro.

    All'epoca era il più sicuro, e non sto scherzando.
    non+autenticato
  • Da aprile 2016 anche Chrome non sarà più supportato su WinXp e Vista. Speriamo che almeno Firefox continui il servizio...
    non+autenticato
  • Verrete assimilati [cit.]! (da wondoze 10 NdT)

    P.S.: aveva ragione lui haha.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gil Paro
    > Da aprile 2016 anche Chrome non sarà più
    > supportato su WinXp e Vista. Speriamo che almeno
    > Firefox continui il
    > servizio...

    Penso proprio di si, oltretutto non mi pare che l'installazione Firefox che ho su Win 7 abbia richiesto particolari distinzioni rispetto a quelle a suo tempo fatte su XP. A lume di logica un browser diverso da I.E. è visto dal S.O. come un SW applicativo e non dovrebbe avere tali e tante correlazioni con esso da non essere adattabile con facilità se non proprio compatibile a priori su qualunque piattaforma di base.

    Per conto mio al momento anche su XP (e sVista) non mi preoccuperei più di tanto riguardo ai Browser non M$, mentre invece temo di più per gli antivirus (specie in versione free), che al contrario hanno forti correlazioni col S.O., ma per ora vedo che per lo meno AVG Free (vers. 2015, ma da prassi arriveranno le successive) continua imperterrito anche su XP sia gli aggiornamenti che le offerte di abbonamento per la versione a pagamento; questo fa ben sperare sulla continuità di manutenzione.

    PS: sono andato a leggere in giro: Firefox ha dichiarato che supporterà XP fin quando qualcuno continuerà ad usarlo!
    http://www.navigaweb.net/2014/04/quale-browser-usa...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 gennaio 2016 02.58
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: rockroll
    > - Scritto da: Gil Paro
    > > Da aprile 2016 anche Chrome non sarà più
    > > supportato su WinXp e Vista. Speriamo che almeno
    > > Firefox continui il
    > > servizio...
    >
    > Penso proprio di si, oltretutto non mi pare che
    > l'installazione Firefox che ho su Win 7 abbia
    > richiesto particolari distinzioni rispetto a
    > quelle a suo tempo fatte su XP.

    Assolutamente nessuna differenza tra versioni di winsozz.
    Scarichi l'installer e lo esegui.
    Poi ti configuri il browser in base alle tue preferenze.

    > A lume di logica
    > un browser diverso da I.E .

    Puntualizzazione non necessaria. Nel momento in cui dici "browser" escludi IE, nel momento in cui dici "colapasta" escludi i browser.

    > è visto dal
    > S.O. come un SW applicativo e non dovrebbe avere
    > tali e tante correlazioni con esso da non essere
    > adattabile con facilità se non proprio
    > compatibile a priori su qualunque piattaforma di
    > base.
    >
    > Per conto mio al momento anche su XP (e sVista)
    > non mi preoccuperei più di tanto riguardo ai
    > Browser non M$, mentre invece temo di più per gli
    > antivirus (specie in versione free), che al
    > contrario hanno forti correlazioni col S.O., ma
    > per ora vedo che per lo meno AVG Free (vers.
    > 2015, ma da prassi arriveranno le successive)
    > continua imperterrito anche su XP sia gli
    > aggiornamenti che le offerte di abbonamento per
    > la versione a pagamento; questo fa ben sperare
    > sulla continuità di
    > manutenzione.
    >
    > PS: sono andato a leggere in giro: Firefox ha
    > dichiarato che supporterà XP fin quando qualcuno
    > continuerà ad
    > usarlo!
    > http://www.navigaweb.net/2014/04/quale-browser-usa

    Quindi per l'eternita'.
    Buono a sapersi.