Alfonso Maruccia

Consiglio d'Europa, consigli per la net neutrality europea

L'organizzazione di Strasburgo detta le sue linee guida sulla neutralità della rete, una serie di regole molto più rigide rispetto alle intenzioni delineate dal Parlamento Europeo

Roma - Alla luce delle posizioni non propriamente definite espresse dal Parlamento Europeo in ambito di net neutrality, nuove proposte emergono per incoraggiare il legislatore a consolidare i buoni propositi in tutele vere e proprie.

Il Consiglio è una organizzazione composta dai rappresentanti dei paesi europei (Europa dell'est e Turchia incluse) con sede a Strasburgo e non facente parte delle autorità europee propriamente dette, ma quando si tratta di promuovere nuove regole comunitarie la sua voce è parecchio influente in quel di Bruxelles. Che cosa ha dunque da dire il Consiglio d'Europa sulla net neutrality? Che in sostanza le norme già approvate vanno ulteriormente raffinate, e che la rete deve essere oggettivamente neutrale senza alcuno spazio di manovra per la gestione discriminatoria del traffico di rete.

Nelle proprie linee guida, il Consiglio e i suoi 47 stati membri "invitano" le nazioni europee a rispettare la net neutrality con la realizzazione di nuove leggi nazionali, condizione essenziale per garantire la protezione dei diritti alla libertà di espressione, all'accesso alle informazioni e alla privacy.
Le linee guida ammettono l'implementazione a tempo del traffic management, ma stabiliscono senza possibilità di "interpretazione" il fatto che il traffico di Internet "dovrebbe essere trattato in maniera equa, senza discriminazione, restrizione o interferenza indipendentemente da mittente, destinatario, contenuto, applicazione, servizio o dispositivo".

Nessuna eccezione, nessun "aiutino" o trattamento di favore agli ISP o a chiunque altro: tranne che nei casi in cui esista un mandato del giudice, dice il Consiglio, il rispetto dei principi della net neutrality dev'essere trasparente e la collaborazione delle aziende di rete con chi si lamenta delle pratiche di traffic management più che attiva.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Diritto & InternetUE: il digitale per i cittadiniLe tecnologie connesse non sono solo uno strumento al servizio del mercato, ma soprattutto della società civile. La risoluzione del Parlamento Europeo in vista del Mercato Unico Digitale, tra copyright e geoblocking, sharing economy, open source, intermediari e neutralità della Rete
  • AttualitàUE, la neutralità della Rete è solo un principioIl Parlamento Europeo ha approvato il testo che dovrebbe garantire l'equità del trattamento del traffico, ma che apre la strada a discriminazioni tecniche ed economiche per i servizi veicolati dagli ISP. Magra consolazione, l'abbattimento del roaming
  • Diritto & InternetTPP, testo ufficiale e paure confermateL'accordo sembra annacquare il discorso sulla net neutrality e rafforzare le misure di tutela del copyright. Rischi per le normative sulla privacy. Limitata trasparenza sul codice sorgente dei dispositivi immessi sul mercato
  • AttualitàUSA, net neutrality senza ritardiIn vigore le nuove regole volute da FCC volte a tutelare la neutralità della Rete. Nonostante le opposizioni dei provider e i rischi di tagli al budget per la FCC