Crediti azzerati per Netfraternity?

Le contestazioni di un utente del sistemone sparabanner vengono respinte dal presidente dell'azienda Alberto Vazzoler. Che spiega: il nostro è un servizio gratuito, ecco come funziona

Web - Buongiorno, sono Massimiliano Rinaldi di Roma ed iscritto alla vostra mailing list, quindi ricevo tutti i giorni il vostro quotidiano via mail, lo trovo molto interessante ed inoltre avete anche pubblicato una mia lettera di protesta contro TopBanner il sito che offre banner pubblicitari sul proprio monitor a pagamento (ma che poi non paga!) come gli ormai famosi Payland o Netfraternity.

Proprio di quest'ultimo vi vorrei parlare: dopo aver ingiustamente azzerato i crediti di molti suoi utenti con l'accusa di usare programmini che simulano la navigazione (storia questa che conoscete già in quanto ve ne siete gia occupati) ora invece, come è capitato a me, anzichè azzerarli questi crediti li riduce improvvisamente e senza nessuna spiegazione.

In pratica, il 6 febbraio di quest'anno dopo aver usato regolarmente il loro programmino sparabanner "Netspot" vado a controllare il mio credito, come faccio sempre, e mi ritrovo improvvisamente con 10.82 euro in meno, che sono circa 18 ore di uso della barra "Netspot" perse nel nulla. Decido di far presente la cosa scrivendo una mail all'assistenza utenti e ricevendo in breve tempo una risposta (l'unica fino ad ora) che confermava il mio reale credito senza cioè quella improvvisa riduzione. Ho conservato gelosamente quella mail che tra l'altro contiene un "codice di identificazione", ma con il passare del tempo andando a controllare ogni giorno il mio credito vedo che la correzione dell'errore non avviene e continuo a ritrovarmi con un credito inferiore a quello reale.
Per farla breve, dopo aver ripetutamente fatto presente la cosa (circa due volte al mese e ormai sono passati 3 mesi) chiedendo l'aggiornamento del credito, continuo a non ricevere risposta, tutto tace, ho scritto anche al servizio informazioni rimborsi e al dott. Alberto Vazzoler presidente di Netfraternity, risultato.........niente!

Il dott. Vazzoler, proprio lui che è sempre pronto a denunciare gli altri, a vedere nemici ovunque e a rispondere irritato quando viene chiamato in causa per il malfunzionamento del suo servizio, come ho letto su diversi articoli di Punto Informatico, questa volta tace.....come mai? Forse perchè ho le prove scritte della loro inefficienza con tanto di codice di identificazione?!

Così, tra crediti azzerati e crediti defalcati Netfraternity risparmia denaro ma guadagna l'insoddisfazione degli utenti che non sono stupidi e se ad un certo punto questi vengono a mancare (perché, si sa, le voci girano e su internet lo fanno molto velocemente) chi pagherà il dott. Vazzoler per banner pubblicitari che nessuno guarda più? Maltrattare gli utenti quindi credo che, oltre ad essere maleducazione, è anche sintomo di scarso senso degli affari e soprattutto scarsa intelligenza.

Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione e mi scuso se mi sono dilungato un po ' troppo. Buon lavoro!

Massimiliano Rinaldi

Caro Massimiliano, il presidente di Netfraternity, Alberto Vazzoler, ha risposto alle tue contestazioni. La risposta è pubblicata in seconda pagina. La redazione.
46 Commenti alla Notizia Crediti azzerati per Netfraternity?
Ordina
  • Dopo aver tanto promesso ecco che anche NF si adegua al famigerato Payland.
    Pagare il tempo e lo spazio sul monitor con buoni sconto, che il più delle volte sono eguali, ed altre volte anche minori, di quelli dei normali negozi per comprare prodotti è il classico metodo per incassare pubblicità dagli sponsor e guadagnare dagli utenti vendendo merce.
    E' questo E-commerce del futuro?
    Dei furbi e dei dritti?
    non+autenticato
  • C'era da aspettarselo; dopo Payland anche Netfraternity viene meno alle promesse e cambia le carte in tavola: ecco copia della mail con la quale, dopo il solito giro di parole, l'utente viene preso ancora una volta per i fondelli. Si aspettano reazioni vivaci:

    Gentile Utente,


    già da qualche mese, la quasi totalità dei nostri Inserzionisti pubblicitari aveva iniziato a criticare con forza il nostro iniziale modello di business, basato sul presupposto di pagare con denaro cash un Utente, allo scopo di garantire la Sua attenzione verso un messaggio pubblicitario inviatogli nel computer.

    La critica, per i motivi che spiegheremo di seguito, è di recente sfociata in uno "stop" non più negoziabile.

    Di contro, l'altro modello di pagamento offerto da NetFraternity, cronologicamente più recente e cresciuto in parallelo, basato su crediti da convertire in acquisti on-line o nell'uso di una linea telefonica di numero verde, ha invece via via generato un crescente favore da parte dei nostri Sponsor.

    Il motivo è il seguente:

    Ci veniva da tempo contestato che, offrendo del denaro cash, si poteva correre il rischio di snaturare il presupposto fondamentale di un messaggio pubblicitario.

    Un messaggio, infatti, viene per definizione commissionato allo scopo di generare un'attenzione che potremo definire impropriamente gratuita, da parte dell'utente; un'attenzione finalizzata alla vendita del prodotto pubblicizzato.

    Da alcuni mesi il tutto è degenerato.

    Il proliferare di sistemi di advertising a pagamento ha di fatto creato una nuova e pericolosissima categoria di Utenti internettiani.

    Una categoria prontamente rilevata e dalla quale gli stessi Sponsor hanno subito preso le distanze: ossia Utenti che navigano con questo tipo di servizio per un unico scopo, guadagnare e basta.

    Il problema è che questo genere di Utenti non solo non è interessato alla pubblicità, ma, cosa ancor peggiore, sono Utenti che non compreranno mai nulla.

    Una ulteriore rovina è stata inoltre la divulgazione attraverso centinaia di siti e newsgroups specializzati della nuova moda del guadagno facile.

    Una volta che tali informazioni sono arrivate agli investitori pubblicitari, questi hanno perso totalmente la fiducia sull'efficacia di questo sistema pubblicitario.

    D'altro canto, come criticarli?

    Su alcuni di questi siti i temi trattati farebbero rizzare i capelli a qualunque soggetto operi in pubblicità. Si va dal suggerimento sull'ultimo tipo di cheat (sistemi per evitare di vedere la pubblicità, conservando il pagamento), alla pianificazione scientifica di catene di sant'Antonio, dalla pianificazione del guadagno come se fosse un lavoro con tanto di salario (tariffe, tempi, diritti), ad Utenti che dichiarano di navigare con sei barre aperte.

    Cosa ha da spartire tutta questa sporcizia con la pubblicità? Vedere la pubblicità può essere un lavoro?

    Secondo voi esiste qualche Inserzionista così pazzo da pagare per una prestazione pubblicitaria quando si scopre che dietro a tutto questo ci potrebbe essere una serie di persone che stanno semplicemente lavorando?

    Ci vediamo quindi giocoforza costretti a passare ad un servizio modellato sulle esigenze delle Aziende che investono in pubblicità.

    Un servizio di totale garanzia per gli Sponsor che investono in NetFraternity.

    Manterremo certamente incentivi per la navigazione, ma con il presupposto che l'Utente si avvicini a noi con una base minima di garanzie: porre attenzione ai i prodotti che gli scorrono con la pubblicità e sopratutto dimostrare di gradire la pubblicità e gli incentivi proposti.

    Non certo farne un lavoro!

    NetFraternity è distante anni luce da questa stortura ed è nata avendo come unico scopo per gli Utenti di rendere più leggera la bolletta del telefono!

    Non ci è dato sapere se il numero di navigatori interessati solo al guadagno sia elevato o meno.

    Il problema è che l'impossibilità di determinare l'entità del problema ha comunque obbligato tutti gli interessati ad usare il criterio di "un'erba un fascio".

    Il mercato della pubblicità non è più disposto di rischiare di pagare a vuoto per inviare spot con la probabilità che non vengano visti.

    Il mercato chiede che un Utente dimostri, anche se solo con dei piccoli cenni, di poter acquistare on-line; magari passando inizialmente per un prodotto gratuito, ma che perlomeno dimostri la buona volontà di intraprendere una procedura di spedizione, etc.

    Pur mantenendo la simpatia per tutti i nostri iscritti, NetFraternity non può che allinearsi, anche se nuovi criteri comporteranno da parte dell'Azienda maggiori aggravi economici.

    Lo si ricava facilmente dalla comparazione tra la cifra di denaro pagata in cash da NetFraternity e quella per i crediti elettronici da convertire in beni merce od in scatti telefoni del numero verde.

    Gli Utenti interessati al denaro cash potranno comunque avere con NetFraternity una nuova opzione. Da qualche mese infatti sono nate nuove esigenze merceologiche di natura statistica.

    La richiesta di compilazioni di giudizi o di form di iscrizione a svariati tipi di servizi on-line, ci viene sottoposta quotidianamente.

    Riteniamo ragionevolmente di poter pagare in denaro cash questo tipo di prestazione, dato che usciamo dalla prestazione pubblicitaria ed entriamo nella materia del sondaggio, un campo che presenta esigenze completamente differenti rispetto alla pubblicità e quindi non ci espone ai problemi sopra citati.

    La form comparirà in forma escludibile e quindi non ci sarà per l'Utente nessun obbligo di compilazione se non risulterà gradita.

    Inoltre, la compilazione inviataci non potrà essere soggetta ad alcuna forma di frode da parte dell'Utente (come invece abbiamo purtroppo rilevato in questi mesi per il nostro sistema pubblicitario) e quindi ci darà la tranquillità di non dover applicare nessun sistema anti abuso.

    Lavoreremo tutti più sereni continuando a poter erogare denaro cash.

    L'importo varierà in relazione ai contratti che stipuleremo con i nostri Clienti e riteniamo potrà partire da 0,5 euro in su per ciascuna compilazione.

    Nella nuova barra, che verrà editata tra pochi giorni, sarà prevista l'opzione di poter avere un borsellino cash per l'accumulo di denaro proveniente da iniziative basate su questi nuovi servizi.

    Varierà inoltre l'ammontare del credito per la riscossione del cash che passa da 75 euro a 25 euro.

    Facendo un rapido calcolo è probabile che questo nuovo servizio alla fine risulti migliore rispetto al precedente sistema.

    Infatti, guadagnando NetCoin con la pubblicità e denaro cash con i sondaggi, si potrà risparmiare sulla bolletta agendo su due fronti diversi.

    Per quanto invece attiene alla pubblicità, l'Utente percepirà 1 euro in crediti elettronici da convertire solo per acquisti on-line o per l'uso del numero verde, per un massimo di due ore al giorno.

    I crediti accumulati dagli Utenti fino alla data d
    non+autenticato
  • C'è sempre gente che si crede furba e dritta, ma è la dignità che manca!
    Loro hanno incassato i miliardi dagli sponsor.......
    e poi, con estrema facilità, si sono rimangiati le promesse fatte.
    Tanto la loro coscienza è NULLA, vivono per il Dio denaro!
    non+autenticato
  • Ciao, anche io sono stata fregata, perchè il loro "efficientissimo" sistema di rilevazione Antiabuso ha riscontrato più volte la violazione del punto 17 del contratto da me sottoscritto. Inutili dire che sono "innocente", ovvero onesta e profondamente arrabbiata e delusa anche perchè è la seconda fregatura (la prima era stata Payland!)nel giro di pochi mesi. Mi sento un bel po' presa in giro. Ho scritto loro diverse email sperando che mi diano qualche spiegazione, ma leggendo qua e la, ho capito che forse quella di fregare è la loro politica.


    non+autenticato

  • Consolati cara,
    siamo in numerosa compagnia, pensa circa 2(due)milioni. Quanto avranno guadagnato Payland e Net alle spalle di questi numerosi utenti?
    L'onestà e una cosa assai rara da trovare al giorno d'oggi!
    La dignità non la trovi neanche sul vocabolario.
    La vergogna, invece, gli rimarrà appiccicata addosso per tutta la vita!

    non+autenticato
  • Dopo ben 2 pagamenti (che culo!) ecco la risposta alla terza richiesta:
    (buona chemio con i soldi che non mi avete dato!)

    Caro Utente,

    il nostro sistema di rilevazione Antiabuso ha riscontrato più volte la violazione del punto 17 del contratto da Lei sottoscritto.

    Il punto 17 del nostro contratto recita:

    ?NetFraternityproibisce:
    - l'uso di apparecchi,macchine,computer o altri equipaggiamenti per la generazione automatica di crediti.
    - di più barre simultaneamente e non da parte dello stesso soggetto ed in particolare in situazioni quali cyber-café, reti universitarie, lan aziendali dove un singolo individuo ha a disposizione più computer da cui operare.
    - la creazione di più account da parte di un singolo utente.
    - l'uso di software che permette il movimento automatico e ripetitivo del mouse e della tastiera assieme alla barra di NetSpot.
    - l'uso di programmi in grado di oscurare, nascondere o disabilitare la barra di NetSpot. La barra di NetSpot è in grado di rilevare e notificare tali operazioni e di segnalarli quali tentativi di frode, quindi NetFraternity applica una politica molto severa in tal senso in quanto tale prassi danneggia 'immagine di NetFraternity e del servizio offerto. NetFraternity si riserva quindi, di terminare immediatamente la fornitura del servizio, a sua totale e indiscutibile discrezione, qualora venisse rilevato un tentativo di abuso nei suoi confronti. Il questo caso tutti i crediti accumulati dall?utente verranno persi.?

    NetFraternity, in conseguenza della constatazione della violazione, dovrebbe quindi procedere alla cancellazione non solo dei crediti accumulati ma anche dell?iscrizione dell?utente al servizio.

    Considerando che è stata la prima rilevazione di una Sua violazione del contratto ci limitiamo ad un Richiamo formale ed all?applicazione di una penale che produce come risultato finale:

    -    La cancellazione del Suo credito Cash

    -    Il contestuale accredito di 75 Euro già convertiti in NetCoin (7500 NetCoin)

    -    Il mantenimento della sua utenza attiva al servizio

    Le comunichiamo inoltre che in caso di una seconda rilevazione di violazione del contratto procederemo, questa volta senza indugio, alla integrale cancellazione del credito(come da contratto) e della Sua iscrizione al servizio.

    Restiamo a Sua disposizione.



    PER USUFRUIRE DEI 75 EURO IN NETCOIN CLICCA QUI.



    SE NON ACCETTI E VUOI CANCELLARE LA TUA ISCRIZIONE A NF CLICCA QUI


    non+autenticato
  • A proposito, la mia mail è stata mandata contemporaneamente chiassà a quante altre persone, visto che hanno usato il CCn (undiscolsed recipient). Chi sono gli altri sfigati?

    non+autenticato


  • - Scritto da: altro f******o
    > A proposito, la mia mail è stata mandata
    > contemporaneamente chiassà a quante altre
    > persone, visto che hanno usato il CCn
    > (undiscolsed recipient). Chi sono gli altri
    > sfigati?
    >
    IO!!! Innocente e mai stata pagata prima!!!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Francesca
    >
    >
    > - Scritto da: altro f******o
    > > A proposito, la mia mail è stata mandata
    > > contemporaneamente chiassà a quante altre
    > > persone, visto che hanno usato il CCn
    > > (undiscolsed recipient). Chi sono gli
    > altri
    > > sfigati?
    > >
    > IO!!! Innocente e mai stata pagata prima!!!

    Anch'io dopo due pagamenti, ma mi sono accorto che per coloro che invece di chiedere il pagamento hanno subito convertito in netpunti i crediti accumulati, non hanno ricevuto nessuna lettera.
    Il mio fratellino che usa un computer identico al mio, anche stessi programmi, ha scelto di non farsi rimborsare, voleva una radio o un'altra chincaglieria del genere e ovviamente non gli e' arrivata nessuna lettera.
    E pensa che quel simpaticone di Vazzoler sostiene che per loro e' piu gravoso pagare in articoli che in denaro contante.
    Ma in che film, non hanno soldi, ma hanno magazzini di boiate e cercano piazzarle agli utenti. Sono durati alcuni mesi di piu' ma sono alla stregua di payland e altri: dei morti di fame. E pensa che vorrebbero quotarsi in borsa!!
    Ma nemmeno al mercato bestiame di treviso li accettano.
    non+autenticato


  • Ma questa è una lettera fotocopia che hanno ricevuto moltissimi richiedenti il credito!
    Gente che non ha mai fatto uso di software in contrasto col famigerato art. 17.
    Almeno la faccia tosta di non essere coì menzonieri potevano risparmiarsela.
    non+autenticato
  • Anch'io sono stato accusato ingiustamente di violare questo famigerato art.17 e dopo aver riscontrato grazie a PI che il fenomeno non è affatto isolato vi invito ad una riflessione sulla base di queste condiderazioni:
    1-ciascuno di noi è stato derubato di almeno L.150.000
    2-tutti siamo stati forzatamente costretti a convertire i nostri crediti in netcoin

    Come si può sostenere che l'azienda ci rimetta con i netcoin? E' chiaro che si tratta di una politica volta ad incentivare gli acquisti nel mediocre Doublestore. Inoltre vorrei fare presente al Dott. che io ho smesso di utilizzare i banner pubblicitari proprio in virtù della mia brutta esperienza con la sua azienda (la smetta dunque di accusare altri)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 30 discussioni)