Claudio Tamburrino

Facebook, la censura del nudo artistico sarÓ giudicata in Francia

Il social network dovrÓ rispondere di fronte alla giustizia francese, e non statunitense, del blocco dell'account di un professore d'Oltralpe, punito per aver postato L'Origine del Mondo

Roma - La Corte d'appello di Parigi ha stabilito il diritto di un utente francese di veder ascoltate le proprie ragioni nei confronti di Facebook davanti ad un Tribunale francese.

A dar vita al caso il dipinto L'Origine del Mondo, opera del 1866 di Gustave Courbert che rappresenta una descrizione quasi anatomica di un organo genitale femminile: pur essendo tra le opere ospitate nel Musee d'Orsay di Parigi, per il sistema di Facebook ed in quanto tale - seppure arte - sarebbe troppo esplicita e quindi violerebbe le sue policy: per questo è stato bloccato l'account di un professore che l'aveva condivisa sulla sua homepage nel 2011.
Contro la decisione del social network l'uomo era ricorso al tribunale francese che ha stabilito ora di avere l'autorità per valutare il caso, ma contro cui aveva fatto ricorso il social network contestando la competenza giuridica e chiedendo che fosse il foro californiano ad occuparsi del caso in quanto relativo all'interpretazione di un contratto di licenza e delle sue condizioni di utilizzo che fanno riferimento specificatamente alla giurisdizione a stelle e strisce.

Da una questione di morale lo scontro è così diventato l'occasione per veder discussa la questione della responsabilità extra-territoriale di servizi come Facebook e la facoltà delle autorità locali di chiamarli in causa per situazioni che coinvolgono i propri cittadini e di conseguenza il proprio territorio.
Il professore si è visto bloccare l'account, dunque, può proseguire la sua causa davanti al Tribunale di Parigi che dovrà valutare la sua richiesta di 20mila euro di danni per la censura subita: "╚ una grande soddisfazione - ha affermato il suo avvocato - ed una grande vittoria per un'azione legale lunga già cinque anni e che rappresenta un messaggio forte per tutti i giganti del Web".
Indipendentemente da come si concluderà il caso specifico, infatti, la decisione può stabilire un precedente per quanto riguarda le competenze giurisdizionali nei casi che vedono coinvolti servizi online forniti da multinazionali.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Digital LifeFacebook, quando il nudo è violazioneIl social network dispiega nuove linee guida riguardo ai contenuti accettabili, spiega cos'Ŕ un nudo e come (e quando) risponde alle autoritÓ
  • AttualitàFacebook contro l'Origine della VitaIl social network blu per la vergogna di un'opera d'arte troppo esplicita. Ed ora rischia di doversi confrontare con i tribunali francesi che ritengono di averne facoltÓ
  • Digital LifeNiente nudo, siamo PlayboyLa societÓ Ŕ giÓ saturata dal porno che circola online. Per questo la rivista si reinventa in versione casta, proprio quando le regole dei social network si mostrano pi¨ rigide di quelle della societÓ degli anni cinquanta
3 Commenti alla Notizia Facebook, la censura del nudo artistico sarÓ giudicata in Francia
Ordina
  • ....qui non si giurava che Facebook a casa sua fa quello che vuole e che se non ti va bene basta non entrarci?
    Eh? EH? EHH?
    non+autenticato
  • - Scritto da: omino ma come
    > ....qui non si giurava che Facebook a casa sua fa
    > quello che vuole e che se non ti va bene basta
    > non
    > entrarci?
    > Eh? EH? EHH?

    Certo.
    Ma e' anche vero che se Fessbuk entra in francia, deve attenersi alle leggi francesi, e se non gli va bene non deve presentarsi in francia.

    Quindi tu utente sei libero di non entrare su fessbuk e fessbuk e' libero di non entrare in francia.

    Se la francia emettera' sentenza di condanna nei confronti di fessbuk, fessbuk potra calare le braghe e pagare oppure fare come ha fatto google con le news spagnole.

    Gli elettori al prossimo giro di voti, potrebbero tener conto della cosa in cabina elettorale.

    Funziona piu' o meno cosi'.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Ma e' anche vero che se Fessbuk entra in francia,
    > deve attenersi alle leggi francesi, e se non gli
    > va bene non deve presentarsi in
    > francia.

    ohhhhh... qualcuno che ci è arrivato...
    dopo soli 3 anni che lo dico ripetutamente sui forum di mezzo mondo: le regole interne di un servizio non valgono NULLA al cospetto delle legge del paese in cui il servizio di applica.

    In particolare, qui non discuto il problema del nudo, ma il fatto che FB dica alla Francia, " ehhhhh... ma la nostra EULA vieta agli utenti di usare tribunali che non siano degli USA!!111 ".

    La Francia ha detto chiaramente che tale clausola NON VALE.
    Alla faccia di tutti gli asini che ogni volta che si discute su qualche sopruso, arrivano tutti contenti a dirci "ma l'EULA l'hai firmata!!1122"
    non+autenticato