Claudio Tamburrino

Mattel, la stampa 3D è un gioco

Il produttore di giocattoli presenta la sua stampante 3D. Costa 300 dollari, si rivolge alle famiglie e oltre a stampare oggetti di fantasia permetterà di creare accessori per i più noti prodotti Mattel

Roma - Il mercato delle stampanti 3D si arricchisce di un nuovo concorrente: il produttore di giocattoli Mattel che promette di trasformare in maker le famiglie ed i ragazzini dai 13 anni in su.


Presentata al Toy Fair Trade show di questa settimana, la stampante 3D di Mattel si chiama ThingMaker, costerà 299,99 dollari e funzionerà con filamenti PLA standard.

In realtà ThingMaker di Mattel aveva fatto il suo esordio nel 1960: allora era un dispositivo molto semplice basato su formine e plastica liquida per produrre in casa fiori, mini-draghi e insetti.
La stampante 3D ThingMaker sarà invece associtata ad un'app per la stampa 3D per iOS e Android chiamata ThingMaker Design e sviluppata in collaborazione con Autodesk pensando alla semplicità e immediatezza di utilizzo, già disponibile per altre stampanti 3D sul commercio.
Essa offre una serie di template e parti da aggiungere in stampa semplicemente trascinandole ed assemblandole prima di premere il pulsante che permette di esportare il modello scelto in formato STL (quello letto dalle stampanti 3D): naturalmente l'app si concentra sui giocattoli e pupazzetti di cui si può scegliere in-app anche il colore.

Non è chiaro in che modo sfrutterà poi l'ampio portafoglio di licenze, brand e prodotti di Mattel, ma il produttore di giocattoli parla per il futuro di "contenuti di design aggiuntivo ed opzioni brandizzate", a partire da oggetti e gadget per i giocattoli Barbie e Hot Wheels.

ThingMaker è già preordinabile su Amazon ma non arriverà sul mercato prima del prossimo autunno.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
9 Commenti alla Notizia Mattel, la stampa 3D è un gioco
Ordina
  • Sembra quasi troppo bello per essere vero.
    La mia geeetech i3 l'ho comprata in superofferta a 240€ inclusa spedizione dalla germania, arriva in uno scatolone con tanti pezzetti da assemblare, e una volta montata va calibrata, e puoi farlo solo dopo che hai capito come quando cosa e perché funziona la stampa 3d.
    Questo giocattolone sembra arrivi già assemblato (e quindi suppongo anche calibrato), ha una sua custodia esterna (la mia stampante è aperta), ha un design accattivante e sembra componenti di qualità, accetta -sembra- normali rotoli di filamento invece che costosissime cartucce proprietarie, è di marca rinomata, insomma un market killer, ammesso che il prezzo sia reale.
    Unica pecca, da quello che capisco, il volume di stampa ridotto, ed a mio personale parere l'estrusore tipo bowden invece che un estrusore diretto.
  • chissà se accetterà il nuovo filamento in biocanapa della kanesis...
    non+autenticato
  • Ormai libreoffice è un prodotto molto maturo con un ecosistema di sviluppatori vasto.
    Chi vuole usare una suite professionale a pagamento come MS Office è libero di farlo.
    Quello che dovrebbe essere vietato è l'utilizzo di formati semiproprietari e prodotti a pagamento all'interno di amministrazioni pubbliche perché le licenze le paghiamo noi e le alternative free valide quali ODF e libreoffice ci sono.
  • - Scritto da: gius237
    > Ormai libreoffice è un prodotto molto maturo con
    > un ecosistema di sviluppatori
    > vasto.
    > Chi vuole usare una suite professionale a
    > pagamento come MS Office è libero di
    > farlo.
    > Quello che dovrebbe essere vietato è l'utilizzo
    > di formati semiproprietari e prodotti a pagamento
    > all'interno di amministrazioni pubbliche perché
    > le licenze le paghiamo noi e le alternative free
    > valide quali ODF e libreoffice ci
    > sono.

    E tutto cio' che ci azzecca con la stampante 3D della mattel?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: gius237
    > > Ormai libreoffice è un prodotto molto maturo
    > con
    > > un ecosistema di sviluppatori
    > > vasto.
    > > Chi vuole usare una suite professionale a
    > > pagamento come MS Office è libero di
    > > farlo.
    > > Quello che dovrebbe essere vietato è
    > l'utilizzo
    > > di formati semiproprietari e prodotti a
    > pagamento
    > > all'interno di amministrazioni pubbliche
    > perché
    > > le licenze le paghiamo noi e le alternative
    > free
    > > valide quali ODF e libreoffice ci
    > > sono.
    >
    > E tutto cio' che ci azzecca con la stampante 3D
    > della
    > mattel?

    Non ci azzecca ma è giustissimo! Occhiolino
    non+autenticato
  • Un altro piccolo passo e' stato fatto nella direzione del replicatore.

    Adesso, invece di comprare una barbie, uno se la puo' stampare in casa.

    Uno potra' progettare un giocattolo, distribuire il file, e un altro potra' stamparselo in casa.

    Cosi' dopo i maniscalchi, i venditori di ghiaccio, i videonoleggiatori, gli sviluppatori di foto e i tassisti, anche i negozi di giocattoli finiranno nei musei del XX secolo.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Un altro piccolo passo e' stato fatto nella
    > direzione del
    > replicatore.
    >
    > Adesso, invece di comprare una barbie, uno se la
    > puo' stampare in
    > casa.
    >
    > Uno potra' progettare un giocattolo, distribuire
    > il file, e un altro potra' stamparselo in
    > casa.
    >
    > Cosi' dopo i maniscalchi, i venditori di
    > ghiaccio, i videonoleggiatori, gli sviluppatori
    > di foto e i tassisti, anche i negozi di
    > giocattoli finiranno nei musei del XX
    > secolo.


    la crisi del settore dei giocattoli e' gia' avvenuta ma da un bel pezzo arrivi tardi
    non+autenticato
  • per iOS e Android.
    per la versione iOS controllate bene i cavetti USB ...A bocca aperta
    non+autenticato
  • Il messaggio è questo: il desktop non se lo c*g* più nessuno. Auguri mico$fot.
    non+autenticato