Claudio Tamburrino

MWC 2016/ LG G5, lo smartphone modulare

Il nuovo dispositivo LG presentato a Barcellona si chiama G5 e avrà moduli espansivi ad hoc ed una famiglia di device a cui collegarsi

« Indietro
Foto 1 di 4

Roma - Nel corso del Mobile World Congress 2016 di Barcellona, LG ha presentato il suo nuovo dispositivo di punta LG G5.


A differenza dei dispositivi che sfida, in primis iPhone 7 o l'ultimo arrivato Galaxy S7, LG fa della modularità il suo punto di forza: non solo la batteria da 2,8000 mAh sarà estraibile e la memoria espandibile (parte da 32 GB), ma l'azienda riferisce soprattutto che lo smartphone "potrà essere trasformato in una fotocamera digitale, un lettore hi-fi e molto altro".

Ciò sarà possibile grazie ad uno spazio riservato a dei moduli da aggiungere attraverso lo slot della batteria e dei quali per il momento l'azienda ha presentato solo due versioni: "CAM Plus", una fotocamera che assicura auto focus, bottone fisico per l'accensione e lo scatto, zoom e diverse altre funzioni per estendere le capacità fotografiche del dispositivo, e "Hi-Fi Plus B&O Play", lettore audio Hi-Fi sviluppato in collaborazione con Bang & Olufsen ed utilizzabile con qualsiasi altro smartphone e PC in grado di supportare la riproduzione audio a 32-bit di tracce ad alta risoluzione (384 Khz).
A livello di software è basato su Android 6.0 Marshmallow, mentre dal punto di vista dei materiali la famiglia G di LG passa ad un corpo di metallo. La dotazione hardware prevede un processore Qualcomm Snapdragon 820, con 4 GB di RAM. LG G5 è inoltre equipaggiato con attacco USB Type-C 2.0, connessione NFC e Bluetooth 4.2: il tutto per un peso di 159 grammi, una lunghezza di 149,4 millimetri ed una larghezza di 73,9.
Sarà inoltre dotato di tre fotocamere, una frontale da 8 MP e due posteriori: una da 16 MP ed un grandangolo da 135 gradi ("la più ampia a disposizione per uno smartphone", come afferma LG).


Positivi anche i primi commenti relativi al display, uno schermo da 5,3 pollici, con risoluzione 2560 x 1440 da 554 ppi.

Oltre che sulla modularità e sulla componentistica, LG punta forte anche sull'ecosistema che ha creato per il suo dispositivo: ad esso sono collegati diversi device chiamati complessivamente "LG Friends", come la fotocamera per le riprese 3D 360 CAM, l'headset per la visualizzazione di contenuti in realtà aumentata 360 VR, la fotocamera "Rolling Bot" a forma di sfera che "può essere utilizzata come sistema di sicurezza a casa", e come controller della domotica, il controllore di droni Smart Controller, o "Tone Platinum", dispositivo Bluetooth con un'elevata qualità audio (cuffie Bluetooth con aptX HD codec).
Tutti questi dispositivi sono compatibili solo con LG G5, che permette di gestirli attraverso l'app "Friends Manager": essa individua in automatico se ci sono "dispositivi amici nelle vicinanze" e vi si connette con pochi semplici passi.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessLG, in fila per i pagamenti mobileAnche l'azienda coreana mostra interesse per una propria piattaforma di pagamenti elettronici e mobile. Per ora, c'è solo una partnership
  • SicurezzaLG corregge un bug in SmartNoticeGli smartphone dal G3 in avanti contengono una "app" fallata. Già pronta la nuova versione da installare: altrimenti si corrono rischi che includono furto di dati, phishing e altro ancora
  • BusinessLG Watch Urbane LTE ha vita breveA meno di una settimana dal lancio, il primo smartwatch Android Wear con funzionalità telefoniche è stato ritirato dal mercato. La marcia indietro è dovuta a problemi hardware
6 Commenti alla Notizia MWC 2016/ LG G5, lo smartphone modulare
Ordina