Alfonso Maruccia

Xamarin, Microsoft ne fa un sol boccone

Redmond annuncia l'acquisizione della societÓ impegnata sul fronte dello sviluppo di app multi-piattaforma, scenario sempre pi¨ essenziale per la nuova strategia aziendale della corporation

Roma - Microsoft ha annunciato l'acquisizione di Xamarin, operazione che chiude il cerchio del progetto per portare lo sviluppo .NET su piattaforme mobile, e che ora contribuirà al raggiungimento di un obiettivo sempre più strategico per Redmond.

Le origini di Xamarin si perdono nella notte di Mono, versione open source di .NET creata da Ximian e infine finita nelle mani di Attachmate. Licenziati da quest'ultima azienda, gli sviluppatori di Mono hanno ripreso il lavoro in via indipendente con la succitata Xamarin.

La piattaforma Xamarin permette di sviluppare app per diverse piattaforme mobile (soprattutto iOS e Android) partendo da una singola base di codice in C#, è strettamente integrata con l'IDE Visual Studio e ottimizza l'interfaccia utente per i diversi OS bersaglio.
In sostanza, Xamarin lavora allo sviluppo multi-piattaforma tramite .NET e ha ottenuto risultati migliori di Microsoft stessa, che ha provato a creare ponti tra Windows Phone e OS concorrenti riuscendoci solo in parte - e fallendo su tutta linea su Android.

Xamarin può vantare già 15mila utenti accreditati tra cui brand noti a livello mondiale come Coca-Cola e JetBlue, e stando a quanto dice Redmond, dall'acquisizione nascerà un'ancor più stretta integrazione tra le due piattaforme (Xamarin e Microsoft) in favore dello sviluppo di app multi-piattaforma.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaVisual Studio 2015, ecce IDEMicrosoft ha comunicato la disponibilitÓ dell'ultima edizione del suo ambiente di sviluppo integrato, un software tutto-compreso per la creazione di applicativi e app multipiattaforma, gratuitamente o in modalitÓ "pro"
  • TecnologiaIslandwood, Microsoft vuol testare le app iOSRedmond si prepara a un nuovo progresso nell'implementazione della compatibilitÓ tra le app iOS e Windows 10 Mobile, un tool Web progettato per testare le singole app e fornire consigli utili agli sviluppatori. E Android? Non pervenuto
28 Commenti alla Notizia Xamarin, Microsoft ne fa un sol boccone
Ordina
  • Speriamo che questo porti ad elvare la qualità del codice dell'ambiente. usandolo per lavoro è un litigio continuo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > Speriamo che questo porti ad elvare la qualità
    > del codice dell'ambiente. usandolo per lavoro è
    > un litigio
    > continuo!

    Scordatelo!
    M$ fa sistemi operativi finalizzati al gioco, al cazzeggio, e al malware.

    Se vuoi lavorare c'e' una sola scelta.
  • So che è ridicolo, ma se Microsoft non facesse sistemi operativi i suoi software non sarebbero affatto male. Visual studio rimane il miglior IDE in circolazione per dire. L'ambiente c# in certi ambiti è superiore a Java (in altri manca, come la co-varianza).
    E queste cose le dice uno che non vedrebbe l'ora di togliere Winzozz dal suo pc, ma usandolo per svago... (non per niente il soprannome di windows è gameOS).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > Visual studio rimane il miglior IDE
    > in circolazione per dire.
    Tranne per il fatto che nel 2016 è ancora a 32-bit perché stando a Microsoft fare un porting richiede troppi fix al codice.
    Poi ci sarebbe anche da aggiungere il fatto che di default si interfaccia con il compilatore MS Visual C++ che è oggettivamente pessimo, già a partire dallo standard C implementato a ca*zo di cane e con il linguaggio in sé trattato come un qualcosa di superfluo. Non che il supporto al C++ stia oggettivamente messo meglio, eh. A bocca storta

    Oggi Visual Studio ha senso *solo* se devi fare roba in .NET, per ovvi motivi.
    Per il resto, onestamente su Windows si lavora meglio con CygWin, in termini di toolchain. E CygWin non è di certo l'ambiente POSIX più confortevole. Il che è tutto dire.

    Senza contare che nel 2016 una sua disinstallazione lascia ancora in giro tanta di quella spazzatura che si fa prima a formattare e reinstallare tutto.

    Diciamo che come IDE è valido, ma come software in generale è spazzatura.
    Visual Studio è un po' come Microsoft: a volte ha idee interessanti sulla carta, ma poi l'implementazione fa schifo. E questo spesso succede perché ci mettono poca cura nell'implementare le soluzioni che forniscono.
    Onestamente, a parte PowerShell - che ha dei concetti dietro davvero validi ed innovativi -, vedo molta poca qualità rimasta nel mondo MS.

    Se MS si decidesse a svecchiare il codice di Visual Studio e magari usare un compilatore C/C++ moderno e versatile come LLVM/Clang, forse un po' più di credibilità la riacquisterebbe.

    Poi vabbe', non è che la concorrenza stia messa meglio. Vedasi Eclipse.
    Però non è comunque una giustificazione. Se un prodotto ha problemi, li ha a prescindere da quanto facciano schifo i concorrenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: Luca
    > > Visual studio rimane il miglior IDE
    > > in circolazione per dire.
    > Tranne per il fatto che nel 2016 è ancora a
    > 32-bit perché stando a Microsoft fare un porting
    > richiede troppi fix al
    > codice.

    La situazione è più complicata di quello che sottindendi. VS non è un monoblocco: l'IDE è ancora a 32 bit ma parecchi elementi (ad esempio i compilatori) sono anche a 64 bit.

    Comunque non mi risulta che Microsoft abbia detto che richiede troppi fix al codice. Mi pare abbia dichiarato che non ne vale la pena.

    Io mi chiederei altro ovvero come si conciliano VS Code e VS. Non è che metti uno come Gamma a lavorare su VS Code per caso.
  • - Scritto da: Zucca Vuota
    > Comunque non mi risulta che Microsoft abbia detto
    > che richiede troppi fix al codice. Mi pare abbia
    > dichiarato che non ne vale la
    > pena.
    Beh non l'ha detto chiaramente, ma lo si intuisce facilmente.
    D'altronde se il problema fosse stata una semplice ricompilazione o un qualche piccolo fix, allora non credo che VS sarebbe rimasto a 32-bit per tutto questo tempo.
    Evidentemente c'è un bel po' di lavoro da fare e dato come si sta evolvendo il mondo dello sviluppo hanno stabilito che non ne vale effettivamente la pena. Sorride

    > Io mi chiederei altro ovvero come si conciliano
    > VS Code e VS. Non è che metti uno come Gamma a
    > lavorare su VS Code per
    > caso.
    Io credo che Visual Studio Code andrà a rimpiazzare Visual Studio. Ma non subito.
    VS Code è chiaramente orientato agli sviluppatori di oggi che usano Sublime Text, VIM, Brackets o Atom e sviluppano soluzioni lato server in PHP/Python/Ruby.
    Di conseguenza credo che alla lunga diventerà l'editor di rifermento per coloro che scriveranno software con tecnologie web da mandare su Azure.

    A molti degli sviluppatori di oggi non piacciono gli IDE. Preferiscono più editor come Sublime Text che partono "minimali" e poi si estendono tramite plugin. Alla fine molto spesso si ottiene un ambiente di sviluppo più leggero e paradossalmente più funzionale di un IDE pesante, completo e spesso instabile (sì, Eclipse, sto parlando con te).

    Senza contare che alla fine con Visual Studio Code + plugin + Container per testing + PowerShell per deploy/altre operazioni credo si coprano abbastanza casi d'uso da rendere un IDE praticamente superfluo. Sempre lato web si intende.

    Visual Studio credo sia invece ormai orientato all'IT più legacy che mantiene ancora un sacco di software che funziona in locale.
    Quindi il suo ciclo di vita dipenderà da quanto ci metterà questo software a sparire dalla circolazione.
    non+autenticato
  • Prima di tutto sarebbe da chiarire cosa è VS.

    VS è una GUI (in WPF e a 32 bit) sul file di progetto (ovvero un file XML) che viene anche elaborato da MSBuild. I tool di compilazione sono tutti esterni. Il codice .NET viene elaborato da Roslyn. I plugin aggiungono funzionalità alla GUI ma anche lavorano su Roslyn.

    Messa in questi termini non è molto diverso da quanto dici riguardo gli ambienti più leggeri. Casomai VS arriva con molti più elementi preinstallati.

    VS è già cambiato pesantemente almeno un paio di volte.

    VS Code ci finirà dentro probabilmente.
  • - Scritto da: Luca
    > Speriamo che questo porti ad elvare la qualità
    > del codice dell'ambiente. usandolo per lavoro è
    > un litigio
    > continuo!

    Chi lo sa. Dipende come tira il vento in Microsoft e come si inserisce questo nel nuovo core business.
    Di fatto adesso a loro del sistema operativo non frega quasi nulla e finita sta marchetta del gratuito per convincere la gente ad upgradare, te lo regaleranno se paghi un anno di servizi loro.
    A questo punto potrebbe anche convenirgli che i loro servizi girassero su altri sistemi operativi. Chi lo sa ... magari un Office per Linux Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bravo Bravo
    > A questo punto potrebbe anche convenirgli che i
    > loro servizi girassero su altri sistemi
    > operativi. Chi lo sa ... magari un Office per
    > Linux
    >Con la lingua fuori
    Considerando come sta messo Skype per Linux, direi che l'ipotesi di veder girare Office sul pinguino è molto improbabile.

    Linux sul desktop interessa veramente a pochi. Alla fine sul desktop la contesa reale è tra Microsoft e le (molte) macchine che ancora restano aggrappate a Windows, perché molta della spazzatura legacy non viene deprecata, ed Apple.

    Bisognerà vedere in futuro, con la Cina, l'India, ed il mercato asiatico più in generale, se le cose si smuoveranno al punto tale da vedere Linux come un mercato appetibile. Ma per il momento siamo lontani, IMHO.
    non+autenticato
  • MS licenzia continuamente personale e poi compra questa societa' che fa lo stesso lavoro e con gli strumenti creati da MS stessa, tra l'altro le aziende americane si stanno riempiendo di programmatori stanieri in particolare indiani ed orientali mentre gli studenti americani abbandonano progressivamente questo settore preferendone altri, possono andare avanti a botte di marketing solo per un'po'
    non+autenticato
  • Finalmente De Icaza ufficialmente alle dipendenze di Mic$, dopo tanti anni tramando al buio senza il giusto "riconoscimento".

    A Miguel, mono picchiatelo nelle gengive.

    P.S.: programmatori di quarta categoria prego astenersi dal lodare quel esso di monCo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: finalmente
    > Finalmente De Icaza ufficialmente alle dipendenze
    > di Mic$, dopo tanti anni tramando al buio senza
    > il giusto
    > "riconoscimento".
    e' quello che dicevo anch'io... un trojan a lunga scadenza... con Elop hanno fatto presto inveceA bocca aperta (si, alla fine l'hanno salutato, ma mica a mani vuote)
    non+autenticato
  • un po' come nokia insomma... lanciato "il trojan" nel produttore finlandese, sfiancato, owned e poi ha iniziato a diffondere il virus.Con la lingua fuori   qui c'e' voluto di piu'...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > un po' come nokia insomma... lanciato "il trojan"
    > nel produttore finlandese, sfiancato, owned e poi
    > ha iniziato a diffondere il virus.Con la lingua fuori   qui c'e'
    > voluto di
    > piu'...


    Intanto c'e' una ammissione di incapacita' da parte di M$ che pur disponendo dell'immensa potenza di fuoco di tutti i suoi avvocati e markettari, non e' riuscita a realizzare quello che un paio di ragazzi hanno fatto a tempo perso nella loro cantina.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: bubba
    > > un po' come nokia insomma... lanciato "il
    > trojan"
    > > nel produttore finlandese, sfiancato, owned
    > e
    > poi
    > > ha iniziato a diffondere il virus.Con la lingua fuori   qui
    > c'e'
    > > voluto di
    > > piu'...
    >
    >
    > Intanto c'e' una ammissione di incapacita' da
    > parte di M$ che pur disponendo dell'immensa
    > potenza di fuoco di tutti i suoi avvocati e
    > markettari, non e' riuscita a realizzare quello
    > che un paio di ragazzi hanno fatto a tempo perso
    > nella loro
    > cantina.

    E giustamente poi GNAM.....
    maxsix
    8958
  • - Scritto da: maxsix

    > E giustamente poi GNAM.....

    e il problema quale sarebbe? da che mondo è mondo, le startup IT sono sempre state acquisite dai pesci grossi, pochissime riescono a diventare a loro volta pesci grossi

    il vero problema è che il mondo del free software ha da sempre additato ms come il male assoluto, mentre ha lasciato correre le acquisizioni, scalate di redhat, ibm, intel, google, apple, ecc...

    l'importante è che carta canta, ovvero che ms ha messo mano alle licenze rilasciando pezzi della sua tecnologia sotto licenza apache

    inutile pensare o credere che mono verrà annientato da ms, in quanto significherebbe cambiare le licenze ( aka chiedere ad ognuno dei contributor di accettare il cambio )

    il punto di quest'acquisizione è fornire gratis o quasi strumenti di sviluppo cross-platform per ios/android/wp

    io stesso ho considerato tempo fa mono, mi sono fermato di fronte al costo della licenza, costa che era quantomeno azzardato sostenere a fronte di una tecnologia che non era chiaro se mi avrebbe portato maggiori vantaggi rispetto ai vari ambienti cross-platform gratuiti o quasi disponibili
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    > Intanto c'e' una ammissione di incapacita' da
    > parte di M$ che pur disponendo dell'immensa
    > potenza di fuoco di tutti i suoi avvocati e
    > markettari, non e' riuscita a realizzare quello
    > che un paio di ragazzi hanno fatto a tempo perso
    > nella loro
    > cantina.

    Un paio di ragazzi in cantica stacippa, Xamarin è un'azienda e sembra pure numerosa se la foto che sta nella pagina di about ritrae veramente il personale reale e non "gonfiato" per fare numero.

    https://xamarin.com/about
    mura
    1615
  • - Scritto da: mura
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Intanto c'e' una ammissione di incapacita' da
    > > parte di M$ che pur disponendo dell'immensa
    > > potenza di fuoco di tutti i suoi avvocati e
    > > markettari, non e' riuscita a realizzare quello
    > > che un paio di ragazzi hanno fatto a tempo perso
    > > nella loro
    > > cantina.
    >
    > Un paio di ragazzi in cantica stacippa, Xamarin è
    > un'azienda e sembra pure numerosa se la foto che
    > sta nella pagina di about ritrae veramente il
    > personale reale e non "gonfiato" per fare
    > numero.
    >
    > https://xamarin.com/about

    Miguel de Icaza.
    Cantina.
    Il resto e' solo fuffa markettara.
  • e tu, invece, sei ancora in cantina da solo. non ti dice nulla ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: smarmaduk
    > e tu, invece, sei ancora in cantina da solo. non
    > ti dice nulla
    > ?

    Tu non sai dove sono io ne' con chi sono, perche' non l'ho mai detto ne' mi interessa farlo.

    Per il resto sentiti libero di credere a quello che preferisci.
    C'e' gente che crede a babbo natale, altri credono alle scie chimiche...
  • versione corretta:
    Miguel de Icaza = fuffa markettara ai massimi livelli
    la cantina è tutto il resto (e meno male che c'è!)
    non+autenticato
  • Certo, xamarin son due programmatori in croce. E le marmotte fanno la cioccolata
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    > ... non e' riuscita a realizzare quello
    > che un paio di ragazzi hanno fatto a tempo perso
    > nella loro
    > cantina.

    Con 82 milioni di dollari di finanziamento.

    https://www.crunchbase.com/organization/xamarin#/e...

    Chissà che cantina che hanno.