Alfonso Maruccia

Lo scudo di Google contro i DDoS

Mountain View estende la protezione dagli attacchi ai siti di informazione e alle organizzazioni che si battono per i diritti umani, un sistema pensato per sfruttare la rete di Google contro i tentativi di censura tramite forza bruta

Roma - L'iniziativa nota come Project Shield si allarga al pubblico generale, offrendo ai soggetti con i requisiti giusti la possibilità di proteggere server e siti Web tramite l'utilizzo dell'infrastruttura "cloud" di Google. Uno scudo contro i DDoS usati a scopo di censura, spiega Mountain View.


Project Shield è un servizio gratuito dedicato a siti Web di informazione, sistemi di monitoraggio delle elezioni e organizzazioni che si battono per i diritti umani, tutti soggetti potenzialmente presi di mira da chi fa uso dei torrenti di traffico malevolo (DDoS) per mettere il bavaglio alla diffusione di informazioni scomode o di iniziative in difesa dei cittadini di governi dittatoriali.

Visto il focus specifico del servizio, Project Shield non può essere esteso a blog individuali o altre tipologie di siti: per gli organi di informazione a rischio censura, Shield si incarica di identificare e contrastare gli attacchi DDoS tramite l'infrastruttura telematica di Mountain View.
Lo "scudo" di Google contro i DDoS è in realtà in circolazione da qualche anno, ed è stato fin qui adoperato solo dai tester "fidati" scelti dalla corporation dell'advertising; ora che Shield è aperto al pubblico, tutti i siti di informazione o le ONG del mondo possono in teoria richiedere di entrare a far parte del programma per evitare di finire offline alla pubblicazione della prima notizia scomoda per il potente di turno.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàFreedom House, l'età della censuraIl rapporto mondiale sulle libertà online online avverte: sono sempre di più le ingerenze dei governi, che ora agiscono direttamente sulle aziende della Rete. L'Italia è ottava nella classifica dei paesi più liberi
8 Commenti alla Notizia Lo scudo di Google contro i DDoS
Ordina
  • Alcuni siti di videogiochi on line si affidano a CloudFlare, e non hanno più subito attacchi.
    Da utente, si aspettano 4 o 5 secondi per la scansione.
    https://www.cloudflare.com/ddos
    non+autenticato
  • Quei collioni di CloudFlare non permettono l'accesso con Tor.
    Prima o poi bisognerà dargli una lezione...
    non+autenticato
  • La cosa impressionante di Google è la loro capacità strategica a lungo termine, sono dei veri e propri scacchisti del mercato.
    I pezzi sembrano muoversi casualmente, oppure andare verso una apparente destinazione certa, mentre invece quando sono riuniti in un certo schema, all'improvviso si scopre che c'era un senso e che andava in direzione diversa da quello che sembrava in precedenza.
    Peccato che in questo strano mondo la gente più dotata non lavori quasi mai per il bene comune.
    non+autenticato
  • ...e perché dovrebbero lavorare per il bene comune?
    Per quella massa di idioti insensati che viene definita "umanità"?
    Una mandria di mucche insensate guidate di qua e di là da pochissimi pastori che stanno nei posti che contano.
    Se avessi potere (e non ce l'ho perché anche io sono una mucca, consapevole però di esserlo), farei esattamente quello che stanno facendo i pastori.
    non+autenticato
  • I governo possono facilmente ordinare ai propri provider di censurare sia i domini sia gli indirizzi IP incriminati, quindi sarebbe davvero ingenuo associare il concetto di attacco DDoS temporaneo alla censura vera, quella permanente.

    Altra apparente irrazionalità:
    la storia ha dimostrato che i blog individuali, così come qualsiasi altro sito, possono molto efficacemente dare fastidio ai potenti... Tuttavia i blog individuali sono esclusi dal servizio gratuito!
    Ma allora quali sono i VERI motivi di questo servizio?
    non+autenticato
  • Blog individuali li chiami.
    Ma sei certo che la maggior parte siano blog individuali?
    Se volessi perorare una tua causa ed avessi tanto denaro e potere, non compreresti un bel po' di domini web piazzandoci un bel blog che direttamente o indirettamente indica la tua direzione come sensata, degna di attenzione, interessante, ecc.?
    Nelle sfere del potere è difficilissimo trovare onestà ed etica perché per arrivare al potere bisogna tagliare la testa di un sacco di gente (magari anche in senso letterale).
    Quindi la manovra sopra descritta non ti pare possa essere realisticamente possibile?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gumblo
    > Quindi la manovra sopra descritta non ti pare
    > possa essere realisticamente
    > possibile?

    Certo che è possibile!
    Ma con questo, cosa vorresti dire?
    Che è giusto che i VERI blog individuali siano tutti esposti ad attacchi DDoS?
    Che è giusto che i FINTI blog individuali, ammesso che sia facile individuarli, subiscano attacchi DDoS?
    non+autenticato
  • No, no.
    Trovo che quanto hai scritto è giusto.
    Mi interessava approfondire la faccenda dei blog, visto che non viene mai discussa (che io sappia, naturalmente).
    Penso che siano una sorta di "sesto potere" in aumento costante, e questo non lo trovo positivo.
    non+autenticato