Gaia Bottà

WhatsApp sfronda il supporto agli OS

L'app di messaggistica entro la fine del 2016 accantonerà il supporto per gli OS più datati, come Symbian S60. Ma anche BB10 verrà tagliato fuori

Roma - "Quando abbiamo lanciato WhatsApp nel 2009 - ricordano i responsabili dell'app di messaggistica - l'uso che le persone facevano dei loro dispositivi mobile appariva molto diverso. L'App Store di Apple non aveva che pochi mesi. Circa il 70 per cento degli smartphone venduti all'epoca montava sistemi operativi di BlackBerry e Nokia". Ora, a sette anni dall'ingresso sul mercato, con un miliardo di utenti avvinti nella propria rete di messaggistica mobile, l'applicazione acquisita da Facebook si trova ad operare in un panorama completamente mutato: è dunque giunto il momento di riallinearsi alle esigenze degli utenti e di concentrare lo sviluppo laddove sia effettivamente necessario.

Whatsapp

Sette anni fa, continua a ricordare WhatsApp, i sistemi operativi mobile di Google, Apple e Microsoft rappresentavano meno del 25 per cento del mercato: ora, in proporzioni affatto uniformi, animano il 99,5 per cento dei dispositivi mobile. Su questi OS, le piattaforme a cui si affida la maggior parte delle persone, WhatsApp focalizzerà il proprio lavoro.

Entro la fine del 2016, annunciano dunque i rappresentanti dell'app di messaggistica, verrà sospeso il supporto a Nokia S40 e Nokia Symbian S60. Anche alle versioni più datate degli OS mobile che continuano ad evolvere verrà negato il supporto: Android 2.1 e Android 2.2 e Windows Phone 7.1 verranno tagliati fuori. Un caso a sé è rappresentato da BlackBerry: anche BB10, ultima generazione degli OS della canadese, verrà accantonato da WhatsApp, sistema operativo i cui utenti rappresentano una piccola porzione del mercato e che probabilmente si affidano ad altre soluzioni di messaggistica.
Dati NetMarketShare

WhatApp spiega che si è trattata di una decisione delicata, ma della "decisione giusta per offrire alle persone modi migliori per restare in contatto con amici, famiglia e persone care". Per coloro che saranno tagliati fuori dal supporto, WhatsApp raccomanda di "aggiornare a un nuovo Android, iPhone o Windows Phone prima della fine del 2016".

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessWhatsApp sfonda il miliardoL'app di messaggistica istantanea cresce senza posa. Superato il traguardo a nove zeri, è il momento di valorizzare la propria rete con un modello di business
  • TecnologiaWhatsApp e Facebook verso l'integrazione?In una versione beta dell'app, una funzione per condividere le informazioni relative al proprio account e migliorare l'esperienza di fruizione del social network. Non è per ora dato sapere cosa comporti acconsentire
  • BusinessGoogle, accordi per la messaggistica potenziataMountain View, insieme a una nutrita schiera di operatori, lavorerà per l'implementazione dello standard RCS, che offre su scala universale la comunicazione che le app di instant messaging garantiscono entro il proprio ecosistema
12 Commenti alla Notizia WhatsApp sfronda il supporto agli OS
Ordina
  • solo la massa segue questa app. I più intelligenti si affidano ad altro
    non+autenticato
  • difficile che gli intelligenti si pubblicizzino come tali
  • Affermare nella stessa frase che togliere supporto a dei dispositivi dia "alle persone modi migliori per restare in contatto con amici, famiglia e persone care" è piuttosto bizzarro...

    A questo, aggiungiamo il fatto che hanno la tendenza a bannare gli utenti che si collegano con client non ufficiali.
    non+autenticato
  • E perchè non dovrebbero? I client non ufficiali per la maggior parte servivano a non pagare, ora è gratis quindi magari gli interessa meno. E poi mina la sicurezza delle conversazioni, e nessuno vuole fare figuracce in quel campo.
    non+autenticato
  • AAa... perchè non sei già minato ad usarlo? Dai su.. serietà. Stai parlando di una app di FB. Tra qualche anno saranno i governi a chiedere piaceri a loro per osservare che cazzo stai facendo con il tuo telefono.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fic4112
    > AAa... perchè non sei già minato ad usarlo? Dai
    > su.. serietà. Stai parlando di una app di FB. Tra
    > qualche anno saranno i governi a chiedere piaceri
    > a loro per osservare che cazzo stai facendo con
    > il tuo
    > telefono.

    E ancora presto per potersene accorgere. Fra qualche lustro, inizieranno ad accorgersene che hanno sempre pagato, solo che in futuro il prezzo sarà salato.

    ps. per i più tontoloni, non parlo di aumento dei prezzi, ma del reale costo della non-privacy, che allegramente hanno sfornato in piazza è in tutte le salse. Vero brave mogliettine tutte casa e fotocamera dello smartphone?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bhu
    > E perchè non dovrebbero? I client non ufficiali
    > per la maggior parte servivano a non pagare, ora
    > è gratis

    Per una volta hanno trovato la corretta contromisura.
    Visto che la gente ha tutto il diritto a provare a non pagare, la corretta contromisura e' proprio rendere gratuito il servizio, cosi' la gente usa il client ufficiale.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Per una volta hanno trovato la corretta
    > contromisura.
    > Visto che la gente ha tutto il diritto a provare
    > a non pagare, la corretta contromisura e' proprio
    > rendere gratuito il servizio, cosi' la gente usa
    > il client
    > ufficiale.

    Ma che significa "la gente ha tutto il diritto a provare a non pagare"? Ma che diritto è?
    Se la app è (era) a pagamento, se la vuoi usare, paghi e basta. Che per inciso si parlava di pochi cenresimi all'anno o una tantum, e trovare escamotage per evitare di pagare cifre del genere lo trovo veramente da pezzenti....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Max
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Per una volta hanno trovato la corretta
    > > contromisura.
    > > Visto che la gente ha tutto il diritto a
    > provare
    > > a non pagare, la corretta contromisura e'
    > proprio
    > > rendere gratuito il servizio, cosi' la gente
    > usa
    > > il client
    > > ufficiale.
    >
    > Ma che significa "la gente ha tutto il diritto a
    > provare a non pagare"? Ma che diritto
    > è?

    Tu li hai mai superati i limiti di velocita'?

    > Se la app è (era) a pagamento, se la vuoi usare,
    > paghi e basta.

    No. Pago, oppure mi ingegno per non pagare.

    > Che per inciso si parlava di pochi
    > cenresimi all'anno o una tantum, e trovare
    > escamotage per evitare di pagare cifre del genere
    > lo trovo veramente da
    > pezzenti....

    Io trovo da pezzenti farsi pagare pochi centesimi, invece.
  • - Scritto da: Max
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Per una volta hanno trovato la corretta
    > > contromisura.
    > > Visto che la gente ha tutto il diritto a
    > provare
    > > a non pagare, la corretta contromisura e'
    > proprio
    > > rendere gratuito il servizio, cosi' la gente
    > usa
    > > il client
    > > ufficiale.
    >
    > Ma che significa "la gente ha tutto il diritto a
    > provare a non pagare"? Ma che diritto
    > è?
    > Se la app è (era) a pagamento, se la vuoi usare,
    > paghi e basta. Che per inciso si parlava di pochi
    > cenresimi all'anno o una tantum, e trovare
    > escamotage per evitare di pagare cifre del genere
    > lo trovo veramente da
    > pezzenti....

    Iniziate ad usare Telegram, al più, e trattate tutto quello che riguarda il "Mondo" facebook, per quello che è veramente.Indiavolato
    non+autenticato
  • Esistono client non ufficiali anche per poter usare il servizio su sistemi non supportati ufficialmente... Come quelli che da questo momento sono aumentati di numero.

    Stesso discorso che si faceva per il DeCSS.
    non+autenticato
  • Non posso parlare per i symbian, ma toglieranno il supporto ad android 2.2 che è accreditato dello 0.1% sul play store (dieci a uno la maggior parte di questi sono dispositivi usati per testing) e alla 2.1 (che sul play store manco vien considerata).
    Gingerbread dopo tutti questi anni ancora appesta il mondo android (superando tutt'ora ICS). Direi che è il caso di cominciare a far pulizia.
    Retrocompatibilità è un conto, sprecar soldi un altro.
    non+autenticato