Fermato cracker anti-militarista

Succede in Scozia, dove un uomo di 29anni è stato arrestato e interrogato dopo una incursione su un server militare, dove 150mila uomini e donne si tengono in contatto, con tutti i loro dati

Roma - Non è ancora chiarito il ruolo che un uomo di 29 anni può avere avuto in una recente, preoccupante incursione in un server mantenuto dall'esercito britannico. Preoccupante perché su quel server sarebbero archiviati i dati e i riferimenti di almeno 150mila persone, utenti di un sistemone che consente loro di tenersi in contatto.

Dell'uomo, residente a Chorley, nel Lancashire, non è stato reso pubblico il nome ma la polizia scozzese ha fatto sapere di aver sequestrato presso la sua abitazione un certo numero di computer e altri supporti informatici.

La società che gestisce il database online e i servizi collegati, Forces Reunited, ha spiegato in una nota: "Consideriamo la sicurezza una priorità e siamo felici che i nostri sforzi per garantirla sul nostro sito e ai nostri utenti abbiano avuto successo e abbiano prevenuto un danno serio".
L'affermazione secondo cui il cracker non sarebbe riuscito ad impossessarsi di dati sensibili potrebbe trovare riscontro nel fatto che il 29enne, dopo l'arresto ed un primo interrogatorio, è stato rilasciato con la condizione di rimanere nella zona a disposizione delle autorità per ulteriori accertamenti.

Una situazione che sembra però indicare anche una sostanziale incertezza sul reale colpevole del cracking, viste anche le severe normative britanniche contro questo genere di azioni.
TAG: cybercops
11 Commenti alla Notizia Fermato cracker anti-militarista
Ordina
  • Non credo che sia una cosa saggia... non hanno un gran senso dell'umorismo sopratutto in queste cose.
    non+autenticato
  • Se io uccido una persona vado in galera e vengo additato come mostro per tutta la vita.

    Se i governi organizzano una strage di massa sul territorio di un paese intero, andando contro:
    - le decisioni del Consiglio di Sicurezza dell'Onu
    - la Carta dei Diritti dell'Onu (che comunque avrebbe reso illegale una decisione favorevole del Consiglio di Sicurezza)
    - le Costituzioni dei vari paesi
    - 110 milioni di persone scese in piazza in tutto il mondo

    ...beh, in questo caso è legale. Perchè? L'effetto è infinitamente più mostruoso, è imparagonabile, non si può accettare un crimine simile, è quanto di più inumano si possa concepire, eppure... eppure va bene, i giornali dicono che va bene, la portinaia che parla di politica si adegua, il pensiero unico trionfa.

    Nelle guerre moderne il 95% dei morti sono civili; trattandosi dell'Iraq, si può addirittura supporre che l'80% fossero dissidenti del loro regime. Quest'uomo si è semplicemente opposto a tutto questo craccando un server. Eppure il criminale è lui. Che dire? ...... niente, è meglio non dire niente, però allora chi si chiede cosa muova i terroristi è un cretino.
    hoff
    203

  • - Scritto da: hoff
    > Se io uccido una persona vado in galera e
    > vengo additato come mostro per tutta la
    > vita.
    >
    > Se i governi organizzano una strage di massa
    > sul territorio di un paese intero, andando
    > contro:
    > - le decisioni del Consiglio di Sicurezza
    > dell'Onu
    > - la Carta dei Diritti dell'Onu (che
    > comunque avrebbe reso illegale una decisione
    > favorevole del Consiglio di Sicurezza)
    > - le Costituzioni dei vari paesi
    > - 110 milioni di persone scese in piazza in
    > tutto il mondo
    >
    > ...beh, in questo caso è legale.
    > Perchè? L'effetto è
    > infinitamente più mostruoso, è
    > imparagonabile, non si può accettare
    > un crimine simile, è quanto di
    > più inumano si possa concepire,
    > eppure... eppure va bene, i giornali dicono
    > che va bene, la portinaia che parla di
    > politica si adegua, il pensiero unico
    > trionfa.

    E addirittura gli autori vengono candidati al nobel per la pace!TristeTristeTriste:\:s:|:@Sorpresa


    >
    > Nelle guerre moderne il 95% dei morti sono
    > civili; trattandosi dell'Iraq, si può
    > addirittura supporre che l'80% fossero
    > dissidenti del loro regime. Quest'uomo si
    > è semplicemente opposto a tutto
    > questo craccando un server. Eppure il
    > criminale è lui. Che dire? ......
    > niente, è meglio non dire niente,
    > però allora chi si chiede cosa muova
    > i terroristi è un cretino.
    non+autenticato

  • - Scritto da: hoff

    > eppure... eppure va bene, i giornali dicono
    > che va bene, la portinaia che parla di
    > politica si adegua, il pensiero unico
    > trionfa.

    E addirittura gli autori vengono candidati al nobel per la pace!TristeTristeTriste:\:s:|:@Sorpresa
    non+autenticato

  • > Quest'uomo si
    > è semplicemente opposto a tutto
    > questo craccando un server. Eppure il
    > criminale è lui. Che dire? ......
    > niente, è meglio non dire niente,
    > però allora chi si chiede cosa muova
    > i terroristi è un cretino.

    ok ok ok ok ok, ma si certo, siamo tutti d'accordo, figurati.

    però entrare in un server militare è davvero stupido come modo per manifestare il proprio dissenso. Intanto è quasi sicuro che ti beccano e quelli non scherzano, sei nei guai per moooolto tempo. Tribunali, avvocati, soldi... tanti soldi, e il lavoro, perchè magari ti licenziano pure. Oltre al fatto che non vedo quale grave danno ingente gli procuri, si, ti fai un po' di pubblicità, ma ci sono modi molto più saggi.

    Vi sono mille modi per opporsi, ma l'unico perseguibile rimane sfruttando la legge. Perchè questa persona invece di perdere tempo ad entrare in quel computer non ha cercato di influenzare l'opinione pubblica partendo dalla sua città ?

    Dite che nessuno l'avrebbe ascoltato perchè drogati dal "pensiero unico" ? forse, ma sarebbe stata una mossa assai più matura.

    Ma immagino si sia anche divertito, era una bella sfida. Purtroppo l'ha vinta, ora per lui sono ca**i.
  • ... è che il sistema era gestito su una macchina linux!


    Fan WindowsFan WindowsFan Windows
    non+autenticato
  • ecco perchè non è stato craccato prima quel server.. sarebbe stato piu divertente se fosse stato di casa microsoft.. ma allora non si parlerebbe piu di attacco di un cracker ma del primo lamerozzo che passa..
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ecco perchè non è stato
    > craccato prima quel server.. sarebbe stato
    > piu divertente se fosse stato di casa
    > microsoft.. ma allora non si parlerebbe piu
    > di attacco di un cracker ma del primo
    > lamerozzo che passa..

    lo sapevo, quando si tratta di linux bisogna mangiare i cracker per bucare i server

    svegliaa

    TrollTrollTroll
    non+autenticato
  • tu e l'ironia siete distanti eh?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > tu e l'ironia siete distanti eh?

    nzecanoscienoproprio
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... è che il sistema era gestito su
    > una macchina linux!
    >
    >
    > Fan WindowsFan WindowsFan Windows

    Infatti il cracker non e' riuscito a fare un granche'A bocca aperta

    Magari con win, non se ne sarebbero accorti nemmeno, anche perche' lui mosso a compassione avrebbe corretto un paio di bug, aggiornato il service pack, e riempito il disco di mp3A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    Inoltre avrebbe potuto utilizzare la .net per distribuire dialerA bocca aperta
    non+autenticato