Gaia Bottà

GoPro, acquisizioni per il mobile

L'azienda delle action cam investe sul software, aspetto fino a questo momento trascurato. L'obiettivo è quello di catturare l'attenzione di un numero maggiore di utenti

Roma - GoPro non versa in condizioni finanziarie rosee e per tentare il rilancio e valorizzare il proprio business incentrato sulle action cam ha concluso l'acquisizione di due startup, la parigina Stupeflix e la texana Vemory, sviluppatrici delle rispettive app mobile Replay e Splice, entrambe dedicate al video editing.

L'azienda ha investito nel complesso 105 milioni di dollari, pari al 22 per cento del proprio capitale cash: l'obiettivo è quello di consolidare strumenti software sviluppati in proprio che non hanno finora saputo soddisfare le aspettative degli utenti.

I dettagli dei piani di GoPro devono ancora essere annunciati ma per ora è dato sapere che le funzioni di Replay e Splice "saranno incorporate e fuse con l'esperienza GoPro" e le app continueranno ad operare per iOS, mentre procede lo sviluppo per le versioni dedicate alla piattaforma Android. Nel frattempo, per marzo, è previsto il rilascio di GoPro for desktop, che si prevede semplificherà le operazioni di editing delle clip catturate con la action cam e la condivisione dei contenuti sulle piattaforme social.
Gi analisti si mostrano ottimisti: ora spetta a GoPro dimostrare di saper mettere a frutto il proprio consistente investimento.

Gaia Bottà
Notizie collegate