Gaia Bottà

Brasile, dirigente Facebook arrestato per WhatsApp

Il servizio di messaggistica si è rifiutato di collaborare con le autorità e di fornire accesso alle conversazioni dei sospetti in un caso di traffico di droga - UPDATE: Diego Dzodan è stato rilasciato

UPDATE: Come previsto da alcuni osservatori, la giustizia brasiliana è tornata sui propri passi: il Tribunal de Justiça de Sergipe ha decretato il rilascio del dirigente di Facebook arrestato nelle scorse ore per essere interrogato dalla polizia.

Roma - È oltre un mese che le autorità brasiliane hanno inoltrato a WhatsApp la richiesta di collaborare a delle indagini relative a traffici di droga ad opera della criminalità organizzata, è da oltre un mese che WhatsApp nega la propria collaborazione e l'accesso ai dati richiesti dalle forze dell'ordine, nonostante le sanzioni che già pendono sull'azienda. È così che la Polícia Federal ha fermato e tratto in arresto preventivo il dirigente di Facebook Diego Dzodan, vicepresidente responsabile per l'America Latina.

Nel mese di dicembre su WhatsApp era già calata un'ordinanza di blocco per motivi analoghi, presto revocata in quanto giudicata irragionevole, sproporzionata rispetto alle esigenze di comunicazione degli utenti del servizio.
L'arresto del dirigente di Facebook, in questo caso, è descritto dal tribunale dello stato di Sergipe della regione del Nordeste, che ha emanato l'ordine, come l'epilogo di tre richieste di accesso a delle conversazioni cifrate intrattenute su WhatsApp dai sospetti, puntualmente negate da Facebook.

Il social network, dal canto suo, ha reso noto di ritenere sproporzionata la misura, di aver sempre collaborato con le autorità brasiliane nei limiti del possibile. "WhatsApp non può fornire informazioni a cui non ha accesso", dichiara Facebook nella nota. Non si fa alcun riferimento esplicito alle motivazioni della mancata collaborazione: Facebook in Brasile gestisce semplicemente una sede commerciale e potrebbe per questo motivo essersi ritenuto estraneo alle richieste delle autorità, ma è altresì noto che WhatsApp faccia della privacy degli utenti uno dei propri vanti.

Da tempo l'app di messaggistica si sta industriando per implementare soluzioni di cifratura, già operative per gli utenti Android, e proprio la cifratura secondo aluni osservatori sarebbe ancora una volta oggetto di scontro tra le esigenze di stato e mercato, tra le istanze della giustizia e il diritto alla riservatezza dei cittadini.

Dzodan sta rispondendo alle forze dell'ordine di Sao Paulo. Gli osservatori locali imputano l'operazione all'inadeguatezza del sistema giudiziario brasiliano, incapace di confrontarsi con il contesto internazionale, e prevedono che il caso si smonti in breve, come avvenuto per l'ordine di blocco emanato nel mese di dicembre e subito revocato.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàBrasile, blocco su WhatsAppPer 48 ore le comunicazioni WhatsApp sono sospese: una decisione presa probabilmente sulla base del Marco Civil per un mancato accesso ai dati concesso dal servizio alle autorità. Intanto Telegram festeggia - UPDATE
  • AttualitàAntiterrorismo, WhatsApp è intercettabile?Sospetti di terrorismo sono stati fermati in un'operazione che ha visto l'intelligence statunitense accedere a conversazioni intessute sul servizio di messaggistica. Teoricamente, almeno per Android, protetto da cifratura end-to-end
  • Diritto & InternetApple, la legge non impone l'accesso agli iPhone In un caso simile a quello di San Bernardino, un giudice sostiene che l'All Writs Act, brandito per forzare Cupertino a collaborare con la giustizia, non può essere interpretato in maniera tanto estensiva da forzarla a mettere a rischio la privacy degli utenti
13 Commenti alla Notizia Brasile, dirigente Facebook arrestato per WhatsApp
Ordina
  • < “Sometimes judges here think that Facebook and Google are responsible to store all the information they have.
    But those firms don’t always have it after a month or a year,” he said.
    “A poor understanding of how technology works creates a lot of problems in Brazil. The judicial system is not equipped to deal with these issues.”
    >
    (senza contare che wazzap non e' proprio-proprio l'azienda fb, e wazzap non ha manco uffici -cosi dicono- in brasile )
    non+autenticato
  • Se tieni un 1 KG di droga nella tua propieta' vieni condannato lo stesso anche se non e' tua, quindi ricapitolando gli ISP devono essere responsabili di quello che trasportano e i siti di quello che viene memorizzato sui loro server
    non+autenticato
  • Oltre ai paragoni allucinati, sai dire altro ?
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Oltre ai paragoni allucinati, sai dire altro ?
    difficile, se la prima cosa a cui pensa e' "un KG di droga"Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rufus
    > Se tieni un 1 KG di droga nella tua propieta'
    > vieni condannato lo stesso anche se non e' tua,

    Tu te ne sei fumata un po' troppa di droga.

    Vieni condannato solo se c'e' dolo, DOLO!
    Se sai che quella e' droga e se la stai tenendo nascosta.
  • Dai ... restituisci il motorino ad Alex Drastico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rufus

    > quindi ricapitolando gli ISP devono essere
    > responsabili di quello che trasportano e i siti
    > di quello che viene memorizzato sui loro
    > server

    ahaha Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere e cosa ne sanno se i tizi usano crittografia end 2 end *PRIMA* di far passare i dati sulla rete? Mettono un manipolo di crittologi a cercare di decifrare tutti i file che passano?
    Ma le idee più idiote vengono tutte a te? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: omino delle idee sceme
    > - Scritto da: Rufus
    >
    > > quindi ricapitolando gli ISP devono essere
    > > responsabili di quello che trasportano e i
    > siti
    > > di quello che viene memorizzato sui loro
    > > server
    >
    > ahaha Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere e cosa ne sanno se i
    > tizi usano crittografia end 2 end *PRIMA* di far
    > passare i dati sulla rete? Mettono un manipolo di
    > crittologi a cercare di decifrare tutti i file
    > che
    > passano?
    > Ma le idee più idiote vengono tutte a te?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere


    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: pratico
    > - Scritto da: omino delle idee sceme
    > > - Scritto da: Rufus
    > >
    > > > quindi ricapitolando gli ISP devono essere
    > > > responsabili di quello che trasportano e i
    > > siti
    > > > di quello che viene memorizzato sui loro
    > > > server
    > >
    > > ahaha Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere e cosa ne sanno se i
    > > tizi usano crittografia end 2 end *PRIMA* di far
    > > passare i dati sulla rete? Mettono un manipolo
    > di
    > > crittologi a cercare di decifrare tutti i file
    > > che
    > > passano?
    > > Ma le idee più idiote vengono tutte a te?
    > > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    >
    > http://www.akati.com/warlock/wp-content/uploa
    la stracitata vignetta bisognerebbe anche spedirla al cuoco di apple...Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: pratico

    ah certo, ogni volta che l'ips intercetta due persone che si scambiano i numeri del lotto (che sono casuali esattamente quanto dati crittografati indecifrabili) andiamo a spellarli vivi per farci dire cosa volevano comunicare in realtà Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Qualcuno ha idee ancora più idiote? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Gossip...

    Ben gli sta, i markettari vanno tenuti al guinzaglio, non sono minimamente interessati alla sicurezza degli utenti, figuriamoci quanto gli "frega" della sicurezza pubblica. Giusta la punizione, speriamo che il fenomeno si allarchi su scala globale.

    Notizia:

    Notizione di oggi con forcaiolismo populista annesso (come sopra):

    In galera sarebbe giusto mandarci anche gli ostinati supporters della retocompatibilità a tutti i costi.

    https://blog.qualys.com/securitylabs/2016/03/01/dr...

    Cioé tls si buca per il semplice fatto di avere attivo nella conf il supporto ad ssl2... lato server, e basta che soltanto uno dei server con attivo ss2 abbia la stessa chiave rsa e sono tutti f*tt*ti. Lato client poco importa.

    Tornando alle punizioni oltre ai markettari infami non dimentichiamo gli amministratori di rete farlocchi, quelli che "OMMIODDDIO LA PATCH SMINCHIA IL MIO SCRIPT DEL 1994 RESTO ALLA VERSIONE VULNERABILE, PASSERO' INOSSERASTO HEHE". Niente galera, 50 frustate (ciascuno) ben assestate nel basso ventre e via.

    BASTA! Basta con tutto questo pressappochismo! Vogliamo protocolli e software DECENTI!
    non+autenticato
  • > BASTA! Basta con tutto questo pressappochismo!
    > Vogliamo protocolli e software
    > DECENTI!

    Guarda che il mondo non funziona cosi', chi si ricorda delle prime revisioni della auto sa bene che se tutto non era perfetto non si passava ora passano catorci allucinanti e si parla di un settore come quello automobilistico ampiamente normato, nell'informatica l'unica regola e' quella che le regole non esistono
    non+autenticato
  • - Scritto da: pratico
    > si parla di un
    > settore come quello automobilistico ampiamente
    > normato

    peccato che le auto montino tecnologie informatiche che vengono bucate un giorno sì e l'latro pure Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Se il settore auto fosse ampiamente normato, NON userebbe l'informatica di controllo. soprattutto non userebbe quella di controllo remoto che piace tanto agli SPIONI.
    non+autenticato