Nuovo brevetto MS su XML

Il gigante di Redmond ha registrato un nuovo brevetto relativo ad una tecnologia basata sullo standard XML. Riprendono vigore anche le critiche già emerse con il precedente brevetto

Redmond (USA) - Dopo la recente registrazione di un brevetto relativo ai formati di Office 2003, Microsoft si è ora garantita, in USA, la proprietà di una nuova tecnologia basata sul noto standard XML promosso dal World Wide Web Consortium (W3C).

Il brevetto, intitolato XML script automation, copre "sistemi, metodi e strutture di dati per inglobare, in un singolo file, script scritti in uno o più linguaggi di scripting".

La tecnologia di Microsoft descrive un modo per delimitare, all'interno di un file XML, il codice di uno o più script attraverso elementi che, oltre a servire da separatori fra dati e codice, possono identificare ogni singolo script e consentire ad un'applicazione di eseguirne il codice tenendo conto di alcuni attributi: fra questi, il linguaggio in cui è scritto e il formato del file XML che lo contiene (ad esempio, un documento di Word o un foglio di calcolo di Excel).
La registrazione di questo nuovo brevetto accresce, soprattutto nella comunità open source, il timore che Microsoft voglia in qualche modo imbrigliare e indebolire lo standard XML. Timore che, secondo alcuni osservatori, sarebbe dovuto anche alla genericità dei metodi brevettati dal big di Redmond per i propri formati XML.

Microsoft, che afferma di essere una delle maggiori promotrici dello standard XML, si difende da queste accuse affermando che è normale, per un'azienda, "proteggere delle idee innovative"

"Se è vero che lo standard XML è di per sé libero da royalty, niente impedisce ad un'azienda di proteggere, attraverso i brevetti, una specifica implementazione software che incorpora elementi di XML", ha detto il portavoce di Microsoft Mark Martin ribadendo un concetto già espresso lo scorso mese. "Questo non cambia nulla della natura royalty-free dello standard XML".

Proprio in questo periodo, peraltro, sembra emergere proprio in seno al W3C una insofferenza verso quelli che vengono ritenuti paletti che potrebbero restringere di molto i confini aperti dell'XML, confini che tuttavia sono in molti, tra i grandi player industriali, a voler tracciare.
TAG: microsoft
62 Commenti alla Notizia Nuovo brevetto MS su XML
Ordina
  • Questi non sono e non potranno essere mai brevettati.

    Quanto a .NET e altre amenita' del genere rivolgersi all'ufficio acquisti o all'ufficio del personale.

    Ossia, se uno sa lo fa, se no risponde alle inserzioni, fatte da incompetenti o da obseleti,

    FIAT/GM (non e' il massimo, lo so) usa expat.

    Ciau.
    non+autenticato
  • sono a pagamento.
    Certo per ogni km che fai mi paghi una royalty...
    Bella pensata.
    A zio Bil ma va a .....
    Fan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > sono a pagamento.
    > Certo per ogni km che fai mi paghi una
    > royalty...
    > Bella pensata.
    > A zio Bil ma va a .....
    > Fan Linux

    ben detto

    Fan Linux             Fan Linux   Fan Linux         Fan Linux   Fan Linux         Fan Linux   Fan Linux         Fan Linux
    Fan Linux             Fan Linux   Fan LinuxFan Linux     Fan Linux   Fan Linux         Fan Linux        Fan LinuxFan Linux
    Fan Linux             Fan Linux   Fan Linux     Fan LinuxFan Linux   Fan Linux         Fan Linux        Fan LinuxFan Linux
    Fan LinuxFan LinuxFan Linux   Fan Linux   Fan Linux         Fan Linux   Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux   Fan Linux         Fan Linux
    non+autenticato
  • Siamo seri, se tutto cio' che e' open source viene rimosso, di windows non rimane niente., dal tcp/ip in su.

    No open uguale: Lo sviluppo di M$ si ferma a windows 3.1, hotmail neanche e' nata, internet non esiste ne tantomeno qualcuno ha inventato il browser.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Siamo seri, se tutto cio' che e' open source
    > viene rimosso, di windows non rimane
    > niente., dal tcp/ip in su.
    >
    > No open uguale: Lo sviluppo di M$ si ferma a
    > windows 3.1, hotmail neanche e' nata,
    > internet non esiste ne tantomeno qualcuno ha
    > inventato il browser.

    moderatori!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Siamo seri, se tutto cio' che e' open
    > source
    > > viene rimosso, di windows non rimane
    > > niente., dal tcp/ip in su.
    > >
    > > No open uguale: Lo sviluppo di M$ si
    > ferma a
    > > windows 3.1, hotmail neanche e' nata,
    > > internet non esiste ne tantomeno
    > qualcuno ha
    > > inventato il browser.
    >
    > moderatori!

    E che ti vuoi moderare... è tutto vero !
    In particolare per quello che è stato citato:

    - TCP/IP molto probabilmente è stato copiato da BSD.

    - Hotmail funzionava originariamente su BSD, è stato portato su Win 2000 per ragioni di prestigio, leggasi di decenza, ma a prezzo di notevoli difficoltà. A tal proposito esiste un documento interno MS che è stato diffuso su internet e che rasenta il ridicolo (1).

    - Internet Explorer è stato scritto utilizzando i sorgenti di Mosaic, come si può facilmente modificare andando nel nella finestra delle informazioni dal menù di IExpoler.

    A questo aggiungo come ulteriore esempio il caso della libreria zlib, che quando si è scoperto essere affetta da una grave vulnerabilità è saltato fuori che era utilizzata, oltre che da tanti programmi open, anche da diversi programmi Microsoft (2). Da notare che la vulnerabilità è stata patchata in fretta dalla libreria e dai codici open ma, da quel che mi risulta, non è mai stata patchata dai programmi Microsoft.

    (1) http://www.securityoffice.net/mssecrets/hotmail.ht...
    (2) http://www.gzip.org/zlib/apps.html




    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Siamo seri, se tutto cio' che e'
    > open
    > > source
    > > > viene rimosso, di windows non
    > rimane
    > > > niente., dal tcp/ip in su.
    > > >
    > > > No open uguale: Lo sviluppo di M$
    > si
    > > ferma a
    > > > windows 3.1, hotmail neanche e'
    > nata,
    > > > internet non esiste ne tantomeno
    > > qualcuno ha
    > > > inventato il browser.
    > >
    > > moderatori!
    >
    > E che ti vuoi moderare... è tutto
    > vero !
    > In particolare per quello che è stato
    > citato:
    >
    > - TCP/IP molto probabilmente è stato
    > copiato da BSD.

    monta una partizione windows e poi vai di rgrep
    # rgrep -r -l "The Regents of the University" /dos

    Cosi' ci si tolgono i dubbi

    > - Hotmail funzionava originariamente su BSD,
    > è stato portato su Win 2000 per
    > ragioni di prestigio, leggasi di decenza, ma
    > a prezzo di notevoli difficoltà. A
    > tal proposito esiste un documento interno MS
    > che è stato diffuso su internet e che
    > rasenta il ridicolo (1).
    >
    > - Internet Explorer è stato scritto
    > utilizzando i sorgenti di Mosaic, come si
    > può facilmente modificare andando nel
    > nella finestra delle informazioni dal
    > menù di IExpoler.
    >
    > A questo aggiungo come ulteriore esempio il
    > caso della libreria zlib, che quando si
    > è scoperto essere affetta da una
    > grave vulnerabilità è saltato
    > fuori che era utilizzata, oltre che da tanti
    > programmi open, anche da diversi programmi
    > Microsoft (2). Da notare che la
    > vulnerabilità è stata patchata
    > in fretta dalla libreria e dai codici open
    > ma, da quel che mi risulta, non è mai
    > stata patchata dai programmi Microsoft.

    > (1)
    > www.securityoffice.net/mssecrets/hotmail.html
    > (2) www.gzip.org/zlib/apps.html

    Aggiungiamo poi il protocollo Kerberos per l' autenticazione del servizio directory
    e altre cosette...
    http://www.oreillynet.com/pub/wlg/4201
  • "Cos'e` Microsoft?"
    "Microsoft e` ovunque, e` intorno a noi, anche adesso, nella stanza in cui
    siamo. E` quello che vedi quando ti affacci alla finestra, quando accendi il
    televisore. Lo avverti quando vai al lavoro, quando vai in chiesa, quando
    paghi le tasse. E` il mondo che ti e` stato messo davanti agli occhi per
    nasconderti la verita`"
    "Quale verita`?"
    "Che tu sei uno schiavo, Neo. Come tutti gli altri sei nato in catene, sei
    nato in una prigione senza sbarre, che non ha mura, che non ha odore. Una
    prigione per la tua mente"
    non+autenticato
  • Il sogno di zio Bill è un mondo dove tutto sia controllato da Windows, anzi, se non lo hai un PC con Windows sei perseguibile perchè mostri caratteristiche di asocialità e inclinazione al terrorismo. Um mondo dove ogni bravo PC abbia la sua Webcam, e dove, dal suo ufficio al millesimo piano dell'edificio più alto del mondo zio Bill possa controllare che tutti si comportino come si deve. Per questo, fin dall'origine, zio Bill si è sempre preoccupato di far sue tutte le risorse che avrebbero potuto finire in mani pericolose (FORSE PERSINO IN MANO ALL'OPEN SOURCE).
    E voi trattate male il povero zio Bill che tanto si preoccupa per voi!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Il sogno di zio Bill è un mondo dove
    > tutto sia controllato da Windows, anzi, se
    > non lo hai un PC con Windows sei
    > perseguibile perchè mostri
    > caratteristiche di asocialità e
    > inclinazione al terrorismo. Um mondo dove
    > ogni bravo PC abbia la sua Webcam, e dove,
    > dal suo ufficio al millesimo piano
    > dell'edificio più alto del mondo zio
    > Bill possa controllare che tutti si
    > comportino come si deve. Per questo, fin
    > dall'origine, zio Bill si è sempre
    > preoccupato di far sue tutte le risorse che
    > avrebbero potuto finire in mani pericolose
    > (FORSE PERSINO IN MANO ALL'OPEN SOURCE).
    > E voi trattate male il povero zio Bill che
    > tanto si preoccupa per voi!

    TrollTrollTrollTrollTroll
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)