Alfonso Maruccia

Microsoft, SQL Server arriva su Linux

Microsoft presenta l'ennesima novità per l'open source, un mondo che a Redmond non si chiama più "cancro" da un pezzo e che evidentemente offre opportunità di business concrete. In arrivo nel 2017

Roma - La corporation di Redmond annuncia i piani per il futuro prossimo di SQL Server, sistema di database relazionale che verrà presto rilasciato nella versione 2016. Tra le novità più significative ci sarà una release per sistemi operativi basati su Linux, fatto per certi versi sorprendente ma non privo di potenziale sul fronte del business in ambito open source.

D'altronde, ora che Satya Nadella ha rifocalizzato gli interessi aziendali su cloud, mobile, app e servizi ad abbonamento Internet-dipendenti, in quel di Redmond Linux non viene più considerato un "cancro", come sosteneva Steve Ballmer, ma un'opportunità per espandere gli affari.



La versione Linux di SQL Server 2016 arriverà nel 2017, una release posticipata rispetto a quella per sistemi Windows in distribuzione entro la fine di quest'anno, e offrirà le stesse novità, inclusive di supporto alla cifratura dei dati in ogni istanza, database gestiti in memoria con un aumento di performance compreso fra 30 e 100 volte, app per i dipendenti su iOS, Android e Windows Phone, strumenti analitici avanzati e funzionalità cloud che stanno bene su tutto.
La variante Linux SQL Server 2016 offrirà "ancora più flessibilità" ai clienti nella gestione dei dati, sostiene Microsoft, per non parlare del fatto che garantirà a Redmond una nuova opportunità per "catturare" clienti che da sempre usano OS open source (in ambienti virtualizzati o su hardware reale) ma potrebbero essere interessati a una soluzione alternativa sul fronte dei database. Un prodotto basato su un linguaggio comune come SQL rappresenta in tal senso il grimaldello più efficace che la corporation potrebbe avere a propria disposizione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaIgnite 2015, Microsoft per il businessRedmond presenta le novità per aziende e professionisti fra cloud, collaborazione e tutto quanto. Windows 10 è la base, spariranno i martedì di patch ma la sicurezza aumenterà. Parola di Nadella
  • TecnologiaMicrosoft certifica LinuxRedmond ha aggiunto una certificazione Linux tra la sua offerta connessa al servizio Azure, un fatto a suo modo storico che riafferma il nuovo corso della corporation tutto cloud, software come servizio e openness
  • AttualitàLa sfida cross-platform di Microsoft ed Erich GammaIl distinguished engineer di Microsoft racconta a Punto Informatico la strada che ha condotto alla nascita di Visual Studio Code. In un percorso parallelo a quello del cambiamento di tutta l'azienda
231 Commenti alla Notizia Microsoft, SQL Server arriva su Linux
Ordina
  • Come è la parte di BI di Sql Server rispetto ad un Pentaho o SpagoBI?
    non+autenticato
  • mmm da quando i fatti sono ignoranza ?

    Ah giusto , non puoi attaccare il ragionamento attacchi la persona ...
    non+autenticato
  • oh mio dio no!!
    perchè lo fanno??
    metti caso che qualcuno veramente decide di utilizzarlo su un server di produzione unix??
    perchè creare problemi inutilmente?? O_o
    non+autenticato
  • - Scritto da: specialista
    > sudo rm -rf /*

    Ottimo, risolve anche il problema linux...
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > - Scritto da: specialista
    > > sudo rm -rf /*
    >
    > Ottimo, risolve anche il problema linux...
    Direi proprio di no...
    A bocca aperta
    Ma puoi sempre provarci
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguareggi ando ma con merdeces
    > - Scritto da: nome e cognome
    > > - Scritto da: specialista
    > > > sudo rm -rf /*
    > >
    > > Ottimo, risolve anche il problema linux...
    > Direi proprio di no...
    > A bocca aperta
    > Ma puoi sempre provarci
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere

    Meglio questo ....

    sudo dd if=/dev/zero of=/dev/sda

    Metti il disco di windows 10 e installi Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bravo Bravo
    > - Scritto da: giaguareggi ando ma con merdeces
    > > - Scritto da: nome e cognome
    > > > - Scritto da: specialista
    > > > > sudo rm -rf /*
    > > >
    > > > Ottimo, risolve anche il problema linux...
    > > Direi proprio di no...
    > > A bocca aperta
    > > Ma puoi sempre provarci
    > > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > Meglio questo ....
    >
    > sudo dd if=/dev/zero of=/dev/sda
    >
    > Metti il disco di windows 10 e installi Rotola dal ridere
    Già e magari invece "/dev/sda" è il device dove sta il Windoze "preinstallato" e Linux invece fa il boot da "/dev/sdb1"...
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Quando si scrivono certe bagggianate bisognerebbe anche ricordarsi che tra i due c'è un solo sistema che per fare il boot ha bisogno ASSOLUTO di essere sul primo disco e sulla prima partizione e non si chiama Linux!
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguareggi ando con volpe a colazione

    > Quando si scrivono certe bagggianate bisognerebbe
    > anche ricordarsi che tra i due c'è un solo
    > sistema che per fare il boot ha bisogno ASSOLUTO
    > di essere sul primo disco e sulla prima
    > partizione e non si chiama
    > Linux!

    Peccato che non sia vero. Hai presente i boot manager che si usavano persino ai tempi del DOS? Con UEFI poi non servono neanche più.
  • - Scritto da: Zucca Vuota

    > Peccato che non sia vero. Hai presente i boot
    > manager che si usavano persino ai tempi del DOS?
    > Con UEFI poi non servono neanche
    > più.
    Peccato che invece sia verissimo!
    E peccato che c'entri assai poco con UEFI.
    Comunque se hai ragione potrai facilmente citarmi almeno un sistema di un "vendor" con windoze preinstalllato in cui il suddetto DisOS (Disruptive or Disastrous Operating System) non stia su /dev/sda (in Linux "parlance").
    Fino ad allora la succitata operazione di "device dump" su "/dev/sda" effettuata su un computer dove ci sia pre-installato un windoze (any version) porta matematicamente alla distruzione del suddetto DisOS.
    FicosoFicoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguareggi ando con volpe a colazione
    > - Scritto da: Zucca Vuota
    >
    > Peccato che invece sia verissimo!

    I fatti smentiscono la cosa.

    > E peccato che c'entri assai poco con UEFI.
    > Comunque se hai ragione potrai facilmente citarmi
    > almeno un sistema di un "vendor" con windoze
    > preinstalllato in cui il suddetto DisOS
    > (Disruptive or Disastrous Operating System) non
    > stia su /dev/sda (in Linux
    > "parlance").

    Sistema preinstallato non saprei ma io ho un paio di PC così.
    Il BIOS/UEFI lancia il boot loader che carica il s.o. dal disco fisico che vuoi.
  • - Scritto da: Zucca Vuota
    > - Scritto da: giaguareggi ando con volpe a
    > colazione
    > > - Scritto da: Zucca Vuota
    > >
    > > Peccato che invece sia verissimo!
    >
    > I fatti smentiscono la cosa.

    Quali fatti?
    La falsa testimonianza di un servo di M$ la chiami fatto, tu?

    > > E peccato che c'entri assai poco con UEFI.
    > > Comunque se hai ragione potrai facilmente
    > citarmi
    > > almeno un sistema di un "vendor" con windoze
    > > preinstalllato in cui il suddetto DisOS
    > > (Disruptive or Disastrous Operating System)
    > non
    > > stia su /dev/sda (in Linux
    > > "parlance").
    >
    > Sistema preinstallato non saprei ma io ho un paio
    > di PC
    > così.
    > Il BIOS/UEFI lancia il boot loader che carica il
    > s.o. dal disco fisico che
    > vuoi.

    Quindi stai dicendo che il disco di sistema di winsozz che hai tu puo' essere D: ?
  • - Scritto da: panda rossa

    > Quindi stai dicendo che il disco di sistema di
    > winsozz che hai tu puo' essere D:
    > ?
    No sta solo rendendo palese che non ci ha capito un tubo...
    UEFI ovviamente non c'entra nulla con la possibilità di farlo tanto è vero che Linux lo fa da molto prima che esistesse UEFI temo che la confusione che ha in testa sia totale oppure (è una alternativa) il nick non mente... è davvero "nomen omen"
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguareggi ando con volpe a colazione

    > No sta solo rendendo palese che non ci ha capito
    > un
    > tubo...

    E tu stai palesemente dimostrando che non conosci Windows.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 10 marzo 2016 17.26
    -----------------------------------------------------------
  • Un prodotto basato su un linguaggio comune come SQL rappresenta in tal senso il grimaldello più efficace che la corporation potrebbe avere a propria disposizione

    Iniziamo a mettere il coondizionale. Il loro SQL non è standard e questo per i tools che generano SQL è un bel problema (a parte prodotti consolidati come Hibernate).
    non+autenticato
  • - Scritto da: tdvb
    > Iniziamo a mettere il coondizionale. Il loro SQL
    > non è standard e questo per i tools che generano
    > SQL è un bel problema (a parte prodotti
    > consolidati come
    > Hibernate).
    Guarda che più o meno tutti hanno un linguaggio proprietario che estende il SQL.

    Guarda qui: https://it.wikipedia.org/wiki/PL/SQL#Linguaggi_sim...
    non+autenticato
  • - Scritto da: peppino
    > - Scritto da: tdvb
    > > Iniziamo a mettere il coondizionale. Il loro
    > SQL
    > > non è standard e questo per i tools che
    > generano
    > > SQL è un bel problema (a parte prodotti
    > > consolidati come
    > > Hibernate).
    > Guarda che più o meno tutti hanno un linguaggio
    > proprietario che estende il
    > SQL.
    >
    > Guarda qui:
    > https://it.wikipedia.org/wiki/PL/SQL#Linguaggi_sim

    In lacrime
    non+autenticato
  • parliamo di Oracle? A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)