Alfonso Maruccia

USA, cyber-bombe contro il cyber-Isis

Le autoritÓ americane confermano di aver avviato una cyber-guerra contro lo stato islamico, un'iniziativa organica mai tentata prima che, stanti i precedenti dell'Iraq, potrebbe avere effetti devastanti

Roma - Le autorità militari statunitensi sono passate dalle dichiarazioni iniziali dei giorni scorsi alla conferma delle ultime ore sull'avvio di una vera e propria "cyber-guerra" contro l'Isis, organizzazione terroristica abile, secondo gli USA, a sfruttare le tecnologie di comunicazione più moderne nel perseguire la sua guerra santa globale.

La campagna di cyber-warfare contro l'Isis è la prima del suo genere, dicono dagli USA, ed è gestita in maniera diretta dallo US Cyber Command; obiettivi dell'azione coordinata sono le comunicazioni, il reclutamento e anche le transazioni finanziarie riconducibili allo stato islamico.

Lo US Cyber Command è noto per aver già fatto pratica di "cyber-war" contro Iran, Corea del Nord, Cina, Russia e altri, e per quanto riguarda i nuovi dell'Isis si parla di "impianti" all'interno delle reti di comunicazione mirati a studiare il comportamento online dei suoi membri e magari a modificare i messaggi a vantaggio delle operazioni militari occidentali.
Robert Work, vice-segretario della Difesa americana, ha parlato senza mezzi termini di "cyber-bombe" contro l'Isis, un'operazione che ha tra l'altro provocato qualche resistenza da parte dell'intelligence (NSA) per il rischio di spingere le comunicazioni dei terroristi verso canali ancora più chiusi e sicuri di quelli attuali.

Sia come sia, la cyber-guerra americana contro l'Isis sembra essere ufficialmente partita, e anche se per conoscere i dettagli occorrerà tempo c'è il precedente delle cyber-azioni contro gli insorgenti in Iraq a fare da esempio: nel 2007 gli USA hanno eliminato 4.000 combattenti ostili al nuovo status quo grazie a email fasulle e comunicazioni contraffatte.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia USA, cyber-bombe contro il cyber-Isis
Ordina
  • "Le masse non sanno cosa farsi della libertà e, dovendone portare il peso, si sentono come abbandonate. Esse non si avvedono di essere terrorizzate spiritualmente e private della libertà e ammirano solo la forza, la brutalità e i suoi scopi, disposti a sottomettersi. Capiscono a fatica e lentamente, mentre dimenticano con facilità. Pertanto la propaganda efficace deve limitarsi a poche parole d'ordine martellate ininterrottamente finchè entrino in quelle teste e vi si fissano saldamente." Hitler - Mein Kampf

    Terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo, terrorismo...
    non+autenticato
  • mi aspetto che snowden li sputtani anche su questa nuova iniziativa
    non+autenticato
  • Sono fortunati che hanno a che fare con un esercito di macellai non di terroristi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Sono fortunati che hanno a che fare con un
    > esercito di macellai non di
    > terroristi.

    Eh, ma loro(gli usa), c'è l'hanno veramente i terroristi al loro soldo. Qualcuno se le squagliata mocio mocio, dall' azienda dove lavorava per andare a dirigere i T.E.R-USA.Pirata
    non+autenticato