Gaia Bottà

AdBlock Plus e Flattr si sostituiscono alla pubblicità

Flattr Plus ambisce a rivoluzionare il mercato dell'editoria online automatizzando le donazioni degli utenti a supporto di siti epurati dall'advertising. Anche Opera, con la sua soluzione di adblocking, tende la mano all'industria pubblicitaria

Roma - I cittadini della Rete sono disposti a pagare per schivare l'advertising più molesto, senza bisogno di imporre dei paywall o di stuzzicarli con offerte premium: il popolare adblocker AdBlock Plus, insieme alla startup Flattr, fondata da Peter Sunde e dedicata ai micropagamenti per le donazioni, confidano in questo principio e sono pronti a metterlo in opera con Flattr Plus.


Il servizio, che verrà prossimamente lanciato sotto forma di test, si configura come un add-on per il browser e consente all'utente di istituire un fondo per le proprie donazioni, che sulla base della cronologia di navigazione verranno smistate e assegnate agli editori e agli autori dei contenuti e dei siti che hanno aderito al progetto, proporzionalmente all'interazione dell'utente (e non semplicemente sulla base del tempo trascorso sui diversi siti). Flattr e AdBlock Plus, dal canto loro, tratterranno il 10 per cento sulle donazioni

Flattr non nega che la partnership è stata stipulata per accelerare la diffusione del servizio ma assicura che le due aziende condividono gli stessi principi, vale a dire "rendere il web un ambiente più pulito e rendere la cosa sostenibile economicamente per coloro che creano ciò che ci intrattiene".
AdBlock Plus, fra le più popolari soluzioni per l'adblocking, ha rivelato di essere al lavoro da un paio d'anni al fianco della staurtup di Sunde. Dopo aver combattuto la propria battaglia sul fronte legale e sul fronte del posizionamento rispetto alla concorrenza, sgomitando con innumerevoli declinazioni, proposte di affiliazione con condivisione delle liste e schermaglie in tribunale, lo sviluppatore Eyeo si sta industriando per guadagnare credibilità presso un mercato dell'editoria sempre più inquieto. Se non bastano le accorate dichiarazioni di intenti e di trasparenza, ecco la promessa di reinventare del mercato dell'editoria online: l'obiettivo dichiarato è "raccogliere nel prossimo anno mezzo miliardo di dollari per gli editori". Resta da verificare se i cittadini della Rete siano spontaneamente disposti a pagare per contenuti di cui hanno sempre fruito gratuitamente e, con l'ausilio degli adblocker, eliminando la pubblicità.

Quella del muro contro muro, dei blocker per adblocker, è una sfida che i fornitori di servizi e contenuti online hanno raccolto. Ma non è l'unico approccio: IAB ha nei mesi scorsi fatto ammissione di colpa a nome dell'industria dell'advertising online e si è ripromessa di agire per fare in modo che la pubblicità torni ad essere tollerabile dall'utente, più sicura, meno tracciante e meno invasiva. Opera, che ha di recente mosso i primi passi nell'ambito dell'adblocking e che ha nelle scorse ore rilasciato la prima versione stabile di Opera e Opera Mini per Android con adblocker incorporato, ha annunciato di voler contribuire al dibattito, lavorando accanto a IAB per assolvere ai bisogni dell'utente senza inimicarsi l'industria.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessAdblock Plus: epica, etica, pathosIl denaro è una necessità, chiesto come un pedaggio ai soli colossi della Rete per sostenere gli sforzi volti a cambiare in meglio la pubblicità. Eyeo, l'azienda del popolare adblocker, dice di vivere per la sua missione, non per il business
  • TecnologiaOpera, l'adblocker è incorporatoPer scuotere l'industria dell'advertising, e offrire ai propri utenti la possibilità di schivare pubblicità e sistemi di tracciamento, Opera sta lavorando a una versione del browser desktop con filtri integrati
  • Diritto & InternetBrave Browser, l'offensiva degli editoriBloccare l'advertising e sostituirlo con altro advertising è come ripubblicare i contenuti altrui per trarne profitto, denuncia l'industria. Il fondatore Brendan Eich replica: un browser non può avere colpe
25 Commenti alla Notizia AdBlock Plus e Flattr si sostituiscono alla pubblicità
Ordina
  • "(..)automatizzando le donazioni degli utenti a supporto di siti epurati dall'advertising. Anche Opera, con la sua soluzione di adblocking, tende la mano all'industria pubblicitaria"

    Non per fare il pignolo, ma il supporto ai siti che hanno la pubblicità (adbloccata) non è la stressa cosa del supporto all'industria pubblicitaria.
    O più precisamente, non lo è in maniera diretta.
    non+autenticato
  • Ormai hanno ripreso potere di utenti del Web con adblock-plus e Anti-Adblock Killer,
    finito il dominio dei pubblicitari.

    Il problema è cheè più costoso scrivere un Anti-Adblock che scrivere il path blocca questo pezzettino di codice.

    Già all'estero un ISP "Free" da base blocca l'accesso ha inserto adserver.
    non+autenticato
  • Stavolta AdBlock Plus e Flattr l'hanno fatta grossa. La risposta di noi pubblicitari sarà che vi sbattiamo la pubblicità sul muso senza sosta e tutti gli utenti che usano Adblock saranno bannati. Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > Stavolta AdBlock Plus e Flattr l'hanno fatta
    > grossa. La risposta di noi pubblicitari sarà che
    > vi sbattiamo la pubblicità sul muso senza sosta e
    > tutti gli utenti che usano Adblock saranno
    > bannati.
    >Indiavolato

    Ma magari!
    Bannaci tutti dai tuoi server di merda cosi' non abbiamo piu' bisogno dell'adblock per filtrare i tuoi banner.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Ma magari!
    > Bannaci tutti dai tuoi server di merda cosi' non
    > abbiamo piu' bisogno dell'adblock per filtrare i
    > tuoi
    > banner.


    Ah mi sono accorto addesso che sei un troll, quanto sono scemo.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > non abbiamo piu' bisogno dell'adblock per filtrare i
    > tuoi banner

    Questo lo dici tu! Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > - Scritto da: panda rossa
    > > non abbiamo piu' bisogno dell'adblock per
    > filtrare
    > i
    > > tuoi banner
    >
    > Questo lo dici tu! Indiavolato

    E dillo TU!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > - Scritto da: panda rossa
    > > non abbiamo piu' bisogno dell'adblock per
    > filtrare
    > i
    > > tuoi banner
    >
    > Questo lo dici tu! Indiavolato

    Certo che lo dico io.
    Te lo sto dicendo da sempre!
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > > Stavolta AdBlock Plus e Flattr l'hanno fatta
    > > grossa. La risposta di noi pubblicitari sarà
    > che
    > > vi sbattiamo la pubblicità sul muso senza
    > sosta
    > e
    > > tutti gli utenti che usano Adblock saranno
    > > bannati.
    > >Indiavolato
    >
    > Ma magari!
    > Bannaci tutti dai tuoi server di merda cosi' non
    > abbiamo piu' bisogno dell'adblock per filtrare i
    > tuoi
    > banner.

    Sbagli approccio. Ti spiego perché i bot negli MMO sono male, mentre AdBlock è bene.

    I bot e i cheat presuppongono l'alterazione di un client di cui non possiedi i diritti, oltre all'accesso ad un server altrui violandone le regole.

    Le modifiche ad un browser open source invece sono permesse dalla relativa licenza.
    Inoltre usando AdBlock non sto accedendo ad un server in violazione delle regole, ma sto al contrario evitando di accedere ad un adserver cui non voglio accedere.

    Le regole dell'adserver possono dire quello che gli pare, sono io che non ci voglio accedere.
  • - Scritto da: Fulmy(nato)
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > > > Stavolta AdBlock Plus e Flattr l'hanno
    > fatta
    > > > grossa. La risposta di noi pubblicitari
    > sarà
    > > che
    > > > vi sbattiamo la pubblicità sul muso
    > senza
    > > sosta
    > > e
    > > > tutti gli utenti che usano Adblock
    > saranno
    > > > bannati.
    > > >Indiavolato
    > >
    > > Ma magari!
    > > Bannaci tutti dai tuoi server di merda cosi'
    > non
    > > abbiamo piu' bisogno dell'adblock per
    > filtrare
    > i
    > > tuoi
    > > banner.
    >
    > Sbagli approccio. Ti spiego perché i bot negli
    > MMO sono male, mentre AdBlock è
    > bene.
    >
    > I bot e i cheat presuppongono l'alterazione di un
    > client di cui non possiedi i diritti, oltre
    > all'accesso ad un server altrui violandone le
    > regole.
    >
    > Le modifiche ad un browser open source invece
    > sono permesse dalla relativa
    > licenza.
    > Inoltre usando AdBlock non sto accedendo ad un
    > server in violazione delle regole, ma sto al
    > contrario evitando di accedere ad un adserver cui
    > non voglio
    > accedere.
    >
    > Le regole dell'adserver possono dire quello che
    > gli pare, sono io che non ci voglio
    > accedere.

    Ecco questo è parlare, VIVA la DEMOCRAZIA!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > Stavolta AdBlock Plus e Flattr l'hanno fatta
    > grossa. La risposta di noi pubblicitari sarà che
    > vi sbattiamo la pubblicità sul muso senza sosta e
    > tutti gli utenti che usano Adblock saranno
    > bannati.
    >Indiavolato

    caschi male.
    Sono i tuoi adserver ad essere bannati dai client altrui.
  • - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > Stavolta AdBlock Plus e Flattr l'hanno fatta
    > grossa. La risposta di noi pubblicitari sarà che
    > vi sbattiamo la pubblicità sul muso senza sosta e
    > tutti gli utenti che usano Adblock saranno
    > bannati.
    >Indiavolato

    BRAVO! Evviva madama la campagna! Quella pubblicitaria intendo. Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • il client è mio e ci faccio quello che mi pare e piace
    non+autenticato
  • - Scritto da: pacificator e
    > il client è mio e ci faccio quello che mi pare e
    > piace

    E ci mancherebbe pure! ai ai ai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il fuddaro
    > - Scritto da: pacificator e
    > > il client è mio e ci faccio quello che mi pare e
    > > piace
    >
    > E ci mancherebbe pure! ai ai ai.

    Guarda che non sei obbligato a rispondere ad ogni messaggio eh.
    non+autenticato
  • Oohhh finalmente si sono accorti che il web si è riempito di spazzatura!

    Banner invadenti.
    Video che partono senza chiedere consenso.
    Popup e avvisi sfruttati per ingannare gli utenti con messaggi tipo "il tuo computer è infetto, scarica il nostro tool di rimozione malware".

    La maleducazione, l'invadenza e la mancanza di rispetto da parte degli advertiser ha reso obbligatori gli ad-blocker.

    Altra prova di quanto sia deleteria e marcia la società capitalista e mercatista.
    iRoby
    9375
  • sara spazzatura ma questo spazio di discussione su PI proprio con questi invasivi schifi di robe si paga, percio: "tollerare!"
    non+autenticato
  • Nessuno vieta a PI e simili di fare pubblicità solo testuali, o meglio di farne a meno, istituendo donazioni tramite paypal o carte di credito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > sara spazzatura ma questo spazio di discussione
    > su PI proprio con questi invasivi schifi di robe
    > si paga, percio:
    > "tollerare!"

    Altrimenti?
  • OT

    > Altrimenti?


    Altrimenti ci arrabbiamo

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Capitan uncino
    > OT
    >
    > > Altrimenti?
    >
    >
    > Altrimenti ci arrabbiamo
    >
    > [img]http://image.tmdb.org/t/p/w342/70GiTWfuM9ktde
    questa e' pubblicita' ad un film pero'.

    e oltretutto non hai neanche versato i diritti d'autore. le locandine sono copyrighted eh
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Capitan uncino
    > > OT
    > >
    > > > Altrimenti?
    > >
    > >
    > > Altrimenti ci arrabbiamo
    > >
    > >
    > [img]http://image.tmdb.org/t/p/w342/70GiTWfuM9ktde
    > questa e' pubblicita' ad un film pero'.
    >
    > e oltretutto non hai neanche versato i diritti
    > d'autore. le locandine sono copyrighted
    > eh

    art 70 1-bis
    È consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Capitan uncino
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: Capitan uncino
    > > > OT
    > > >
    > > > > Altrimenti?
    > > >
    > > >
    > > > Altrimenti ci arrabbiamo
    > > >
    > > >
    > >
    > [img]http://image.tmdb.org/t/p/w342/70GiTWfuM9ktde
    > > questa e' pubblicita' ad un film pero'.
    > >
    > > e oltretutto non hai neanche versato i diritti
    > > d'autore. le locandine sono copyrighted
    > > eh
    >
    > art 70 1-bis
    > È consentita la libera pubblicazione attraverso
    > la rete internet, a titolo gratuito, di immagini
    > e musiche a bassa risoluzione o degradate, per
    > uso didattico o scientifico e solo nel caso in
    > cui tale utilizzo non sia a scopo di
    > lucro.
    quindi le tue capriole verbali sarebbero "uso didattico" o addirittura scientifico?
    E ovviamente anche 'il non a scopo di lucro' e' sempre opinabile (lo fanno apposta. visto che e' usato come arma contro i forum/siti che mettono dei link a qualcosa che potrebbe essere in violazione, e i suddetti -come p.i.- hanno gli ads = gli contestano il lucro )
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Capitan uncino
    > > - Scritto da: bubba
    > > > - Scritto da: Capitan uncino
    > > > > OT
    > > > >
    > > > > > Altrimenti?
    > > > >
    > > > >
    > > > > Altrimenti ci arrabbiamo
    > > > >
    > > > >
    > > >
    > >
    > [img]http://image.tmdb.org/t/p/w342/70GiTWfuM9ktde
    > > > questa e' pubblicita' ad un film pero'.
    > > >
    > > > e oltretutto non hai neanche versato i diritti
    > > > d'autore. le locandine sono copyrighted
    > > > eh
    > >
    > > art 70 1-bis
    > > È consentita la libera pubblicazione attraverso
    > > la rete internet, a titolo gratuito, di immagini
    > > e musiche a bassa risoluzione o degradate, per
    > > uso didattico o scientifico e solo nel caso in
    > > cui tale utilizzo non sia a scopo di
    > > lucro.
    > quindi le tue capriole verbali sarebbero "uso
    > didattico" o addirittura
    > scientifico?
    > E ovviamente anche 'il non a scopo di lucro' e'
    > sempre opinabile (lo fanno apposta. visto che e'
    > usato come arma contro i forum/siti che mettono
    > dei link a qualcosa che potrebbe essere in
    > violazione, e i suddetti -come p.i.- hanno gli
    > ads = gli contestano il lucro
    > )

    Certo didattico le discussioni costruttive portano sempre ad un accrescimento del propio bagaglio culturale il mio intento era quello e poi non ci gaudagno niente quindi rientra nel fair use
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)