Alfonso Maruccia

Tasse, Cupertino contro Apple

Il sindaco della città contro la multinazionale. Rea di non contribuire abbastanza al benessere e ai servizi del luogo dove svolge gran parte delle sue attività. La Mela ribatte di essere in regola

Roma - Si torna a parlare di tasse ed Apple, e questa volta a discuterne è il sindaco della città dove l'azienda continua a conservare il suo quartier generale nonostante la vocazione internazionale: Barry Chang, primo cittadino di Cupertino, ha accusato Apple di un vero e proprio "abuso" nei confronti della città.

L'azienda degli iPhone raccoglie un'enorme quantità di profitti in giro per il mondo, accusa Chang, ma non ha intenzione di considerarsi responsabile per la città che ne ospita le attività soprattutto sul fronte dei trasporti. E il sistema di trasporti pubblici di Cupertino è "vecchio e imbarazzante", dice ancora Chang, nonostante la città ospiti uno dei centri tecnologici più importanti a livello globale.

Si stima che Apple sia riuscita a pagare solo un 2,3 per cento di tasse grazie alle scappatoie del sistema legale statunitense, pagando alla città di Cupertino 9,2 milioni di dollari in due anni (2012-2013) nonostante i 181 miliardi di dollari conservati al di fuori degli USA.
Chang ammette che chiedere l'aumento delle tasse - negli USA come evidentemente altrove - non è un'iniziativa molto popolare, nondimeno il sindaco di Cupertino dice di non voler fare marcia indietro e ha già provato a chiedere a Apple un "assegno" da 100 milioni di dollari per i progetti infrastutturali dell'azienda. La mozione è stata poi affossata dal consiglio cittadino.

I politici non hanno coraggio, ha accusato ancora Chang, anche se in seguito ai primi articoli sulle sue uscite il sindaco di Cupertino ha ritrattato parte delle accuse rivolte a Apple parlando di interpretazioni sbagliate da parte dell'intervistatore. Per quanto riguarda Apple, invece, il management dice di essere perfettamente in linea con quelle che sono le regole e le leggi USA.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessItalia, Apple paga il conto al FiscoAll'erario verserà 318 milioni di euro, accusata dalla Procura di Milano di omissione dell'IRES per 880 milioni, tra il 2008 e il 2013. La decisione europea in materia si attende per il 2016
5 Commenti alla Notizia Tasse, Cupertino contro Apple
Ordina
  • io credevo che tutta la giunta fosse di emanazione Apple. Apparentemente invece il sindaco era indipendente... vabbe', al prossimo giro sistemeranno.
    non+autenticato
  • Ha ha ha, sapete tutti quanto tengo sulle balle apple e i suoi servetti,

    ma al contrario di molti su PI non vado per partito preso, quando + giusto è giusto. Il sindaco di cupertino è UNA sanguisuga!

    Ormai è un tarlo che inizia a prendere piede un più di una sanguisuga, apple ha una montagna di soldi? Allora bisogna mungerla in qualche modo, ma dove stà scritto?

    Se la vacca è ricca di latte bisogna spremerla per le SUE furbate, non perché si può.

    Prima che qualche cervellone mi accusa di essere pro-multi, per me possono fallire tutte, anzi me lo auguro vivamente, ma quando si tratta di zecche sanguisughe no! :^()
    non+autenticato
  • Sto avendo questioni simili.
    Con un altro gruppo di persone volenterose vogliamo recuperare un parco abbandonato della mia città.
    Ad un'azienda che fa coperture per eventi e si trova 2 numeri civici più avanti del parco abbiamo chiesto una sponsorizzazione sotto forma di una copertura per la zona concerti/congressi di questo parco.

    Ci hanno risposto malamente dicendo che sono pieni di lavoro e non hanno tempo da perdere.

    Il capitalismo rende accumulatori seriali di denaro, ossia psicopatici.
    E le aziende non si rendono conto di trovarsi in una società, un ambiente con cui devono condividere oltre che le risorse come acqua, aria e servizi, anche attività sociali.
    iRoby
    9147
  • - Scritto da: iRoby
    > Sto avendo questioni simili.
    > Con un altro gruppo di persone volenterose
    > vogliamo recuperare un parco abbandonato della
    > mia
    > città.
    > Ad un'azienda che fa coperture per eventi e si
    > trova 2 numeri civici più avanti del parco
    > abbiamo chiesto una sponsorizzazione sotto forma
    > di una copertura per la zona concerti/congressi
    > di questo
    > parco.
    >
    > Ci hanno risposto malamente dicendo che sono
    > pieni di lavoro e non hanno tempo da
    > perdere.
    >
    > Il capitalismo rende accumulatori seriali di
    > denaro, ossia
    > psicopatici.
    > E le aziende non si rendono conto di trovarsi in
    > una società, un ambiente con cui devono
    > condividere oltre che le risorse come acqua, aria
    > e servizi, anche attività sociali.

    domandare e' lecito, rispondere e' cortesia.
    Ai tuoi interlocutori si possono solo contestare
    i toni ineducati della risposta, nulla piu'.
    non+autenticato
  • andate dalla loro concorrenza e promettetegli un grosso spazio pubblicitario da sparargli in faccia (il capitalismo e' spietato), andate dal sindaco se questi sono immanicati dentro qualche comune fate pressione (la politica e' marcia), rompete i co***ni a tutti giornali locali compresi qualcosa salta fuori cercate di coinvolgere piu' persone possibili anche solo informandole del vostro progetto (l'immagine e' tutto) e vedrai che qualche cosa salta fuori
    non+autenticato