Gaia Bottà

Twitter, 140 caratteri esclusi i link?

La piattaforma di microblogging potrebbe concedere ai propri utenti dello spazio aggiuntivo per esprimersi, con 140 caratteri da sfruttare appieno

Roma - Twitter ha promesso di mantenere la propria identità in 140 caratteri e l'incisività dei propri micropost, ma potrebbe concedere agli utenti più spazio nei loro cinguettii pubblici: secondo le fonti di Bloomberg, la piattaforma presto smetterà di includere link e immagini nel computo delle battute a disposizione.

Il servizio di microblogging combatte da tempo per monetizzare la propria platea: oltre all'impronta editoriale delle nuove timeline non cronologiche, alla valorizzazione della propria vocazione alla diretta con i contenuti di Moments e l'inclusione delle dirette video di Periscope, che nel futuro saranno probabilmente sempre più incoraggiate, Twitter ha in passato meditato di rivisitare la propria identità.

Una identità da 140 caratteri che ereditata dalle origini del servizio, quando il limite imposto alla lunghezza dei messaggi era dettato dalla mediazione dei 160 caratteri degli SMS. Di recente i messaggi diretti sono già stati estesi, ma i 140 caratteri dei cinguettii pubblici rimarranno il tratto peculiare del servizio.
Salvo guadagnare spazio escludendo i link e le immagini dal conteggio dei caratteri, suggerisce Bloomberg.
I link, automaticamente abbreviati, occupano 23 caratteri: la modifica, che potrebbe avvenire entro le prossime due settimane, offrirebbe agli utenti una manciata di battute in più e la possibilità di effettuare un conteggio più semplice per comporre i propri messaggi, e per trovare il personale equilibrio tra contenuti da esprimere e naturalezza della forma.

Gaia Bottà
Notizie collegate