Alfonso Maruccia

Bitcoin, una nuova rete per velocizzare le transazioni

Una startup Bitcoin lavora a un modo per velocizzare le transazioni finanziarie da e verso la blockchain, un modo per garantire quell'economia di scala che secondo alcuni al momento manca nella tecnologia BTC

Roma - Blockchain è una startup già nota per la realizzazione del wallet più popolare presso l'utenza Bitcoin, e ora la società intende replicare il risultato con un nuovo progetto open source pensato per garantire velocità alle transazioni finanziarie sulla rete BTC.

Uno dei problemi di Bitcoin, non a caso evidenziato da chi ha già descritto come spacciata la tecnologia della criptomoneta virtuale, è il tempo necessario alla blockchain per registrare correttamente una transazione con relativo passaggio di un tot di BTC da un "portafoglio" digitale all'altro: occorrono dai dieci a i venti minuti per la conferma della transazione da parte dei server che partecipano alla rete Bitcoin.

Una soluzione teorica alla lentezza nella conferma delle transazioni arriva dalla tecnologia Lightning, network alternativi capaci di girare in maniera indipendente dalla blockchain principale e di registrare/confermare una transazione nel giro di pochi secondi grazie a contratti "smart" che non necessitano di essere riconosciuti istantaneamente da tutti i nodi della rete.
La società Blockchain ha quindi avviato l'implementazione pratica di Lightning con Thunder Network, la prima versione "utilizzabile" della tecnologia di network BTC alternativi il cui codice (alpha) è disponibile sotto licenza open source e quindi interamente verificabile dalla community.

Le potenzialità di Thunder sono notevoli, almeno sulla carta, visto che si parla di 100mila diverse transazioni processabili al secondo contro le 56mila transazioni per secondo supportate dal network Visa: al momento il celebre circuito finanziario gestisce in media 2.000 transazioni al secondo mentre Blockchain ne gestisce 1,3, quindi, con la nuova rete, Bitcoin dovrebbe avere un futuro garantito anche dal punto di vista tecnico.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessBitcoin è mortoUno degli sviluppatori vede la fine per la criptomoneta, tecnologia a suo dire "strangolata nella culla" e senza più un futuro. Per contro, gli altri programmatori toccano ferro e le prospettive finanziarie dei BTC non crollano
  • TecnologiaBlockai, una blockchain per il copyrightUna start-up ha intenzione di usare la tecnologia alla base delle criptomonete come strumento di difesa del diritto d'autore, un sistema dalla legalità tutta da provare, negli USA e altrove
  • BusinessMicrosoft, partnership per le blockchain nel cloudRedmond annuncia di aver stretto accordo con il consorzio delle banche che vogliono la tecnologia di Bitcoin tutta per loro, così da supportare le iniziative di sviluppo per modernizzare i processi
1 Commenti alla Notizia Bitcoin, una nuova rete per velocizzare le transazioni
Ordina
  • In effetti può succedere che il mining diventi antieconomico anche se fatto con concezione business.
    Pochi server mining e tante transazioni = bitcoin inutilizzabili di fatto.

    E quindi arriva inevitabile la doppia via:
    -la parte VIP, fatte tramite servizi a pagamento. Intendo server miners (solo di nome) che di fatto si occuperanno esclusivamente delle transazioni dei VIP

    -la parte "peones" con le transazioni li ad aspettare per essere riconosciute dai pochi miners rimasti.
    Quando il tempo di attesa sarà inaccettabile, credo arriverà la brillante idea di accettare la convalida da ogni client...
    non+autenticato