Alfonso Maruccia

Netflix, geoblocking anche per i tunnel IPv6

Il network di streaming estende ulteriormente le proprie misure contro la visione di contenuti non autorizzati localmente, causando fastidi e problemi di accesso anche agli utenti che operano in maniera legittima

Roma - Le pratiche di geoblocking adottate da Netflix si fanno sempre più intransigenti e prendono ora di mira gli utenti dei cosiddetti "tunnel broker" IPv6. Un modo all'apparenza del tutto legittimo di accedere a Internet che Netflix riconosce - e censura - alla stregua di un proxy o una VPN anti-restrizioni.

Il caso si è aperto con le proteste degli utenti del tunnel broker di Hurricane Electric (HE), servizio gratuito presentato come un'opzione di accesso a Internet da un client IPv6 tramite un tunnel IPv4 per sviluppatori e utenti interessati a sperimentare con la connettività e che necessitano di una piattaforma di accesso stabile.

Un utente di Reddit ha sperimentato il blocco del tunnel IPv6 di HE sulla propria pelle, contattando Netflix e ricevendo in risposta la conferma del blocco: il tunnel viene visto dal servizio come un tentativo di bypassare il geoblocking e accedere ai contenuti disponibili esclusivamente su territorio USA da nazioni estere.
Il problema è che il succitato utente era americano, e a quanto pare non è l'unico a essere influenzato dalle nuove misure anti-tunnel: Netflix tratta le connessioni indirette come veri e propri tentativi di evadere le restrizioni all'accesso per i vari mercati locali, un meccanismo che evidentemente non è esente dai falsi positivi ma che con tutta probabilità continuerà a essere attivo anche in futuro.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaNetflix, via al geoblockingIl network di streaming passa dalle parole ai fatti e avvia la nuova azione di contrasto all'utilizzo di proxy e VPN. L'accesso ai contenuti deve attenersi ai contratti di distribuzione, dice Netflix, ma i servizi di aggiramento fanno spallucce
  • TecnologiaNetflix mette un tetto allo streamingNuove funzioni nelle app mobile. Per avere pių riguardi nei confronti della banda, e non sprecare giga preziosi
9 Commenti alla Notizia Netflix, geoblocking anche per i tunnel IPv6
Ordina
  • Nemmeno a me piace 'sta sotria del geoblocking, ma da quando ho sottoscritto NF praticamente in casa non guardiamo più la tele "tradizionale". Ore ed ore di programmi di dubbia qualità e pubblicità risparmiate. Guardo quello che mi pare quando mi pare o ne ho tempo... Una pacchia. In ogni caso, c'è più contenuto di quanto riuscirei a guardare in una vita..
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 giugno 2016 09.58
    -----------------------------------------------------------
  • Cioè merda made in Usa? E che differenza c'è con la merda made in Italy? E per vedere merda made in usa occupi megabit di banda?
    non+autenticato
  • avere i dati in locale è sempre meglio dello streaming ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > avere i dati in locale è sempre meglio dello
    > streaming
    > ...

    Ma infatti anche la modalita' corretta di fruizione dello streaming e' quella di salvarsi sempre il flusso in locale, per poterne fruire anche in seguito.
  • ma tu a me non vuoi vendere!

    Sono addirittura disposto a pagare un terzo per poter accedere a pagamento ai tuoi servizi: 9.99 dollari al mese a te e altrettanti ad una VPN affidabile.

    In qualunque altro mercato, mi avresti creato l'offerta "US Alien" a 19.99/mese, che io, anche solo per comodità, avrei probabilmente sottoscritto.

    Invece no, forte di un privilegio ottocentesco che ti garantisce un monopolio assoluto in barba a qualunque Antitrust e Globalizzazione, vuoi decidere tu quando e cosa io posso volere, e pretendere pure che io paghi sia te, sia l'apparato di law enforcement che dovrebbe sanzionarmi per violazione di privilegio ottocentesco.

    Forse tu non lo capirai, ma a furia di fare così, mi hai infine convinto che l'unico Copyright buono è quello abolito.

    Perché a te di un "equo equilibrio tra le contrapposte esigenze degli autori e quello dei client paganti (anche detto mecenatismo distribuito)" non te ne cale nulla. Ti barrichi dietro la blindatura del WTO a difendere l'indifendibile. Sei esattamente come quelli che copiano i film appena usciti. Anzi, almeno loro non si fanno pagare per il lavoro di copiatura. Tu invece ti fai pagare anche quando io archivio le mie foto.

    Vedrai che riusciremo ad abolirlo questo anacronismo, prima o poi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker

    > Forse tu non lo capirai, ma a furia di fare così,
    > mi hai infine convinto che l'unico Copyright
    > buono è quello abolito.
    Meglio tardi che mai.
    Ficoso
    non+autenticato
  • ... ovvero il contrario di ciò per cui la rete è nata.

    Vabbèh, ci sono tante alternative. Per ora.
    non+autenticato
  • Di più!
    Il contrario anche della plurisbandierata GLOBALIZZAZIONE, che nella diffusione del Geoblocking dimostra tutta la sua ipocrisia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker
    > Di più!
    > Il contrario anche della plurisbandierata
    > GLOBALIZZAZIONE, che nella diffusione del
    > Geoblocking dimostra tutta la sua
    > ipocrisia.
    ma poi la cosa piu' PATETICA e' che netflix si e' sbattuto dal 2012 per far funziare il coso via ipv6.... "scusa, che ti sbatti a fare se poi screwi i tuoi utenti che accedono via ipv6? spegni tutto e ciao"
    non+autenticato