Alfonso Maruccia

Samsung di Joyent fa un boccone

Il colosso sudcoreano acquisisce la piccola società statunitense, con l'obiettivo dichiarato di rafforzare la base cloud del business dei gadget mobile e Internet-connessi. Joyent non verrà liquidata

Roma - Samsung ha annunciato l'intenzione di acquisire Joyent, società focalizzata sulle tecnologie cloud, per acquisire una piattaforma telematica che le permetterà di supportare a dovere prodotti e servizi in ambito mobile, Internet delle Cose (IoT) e ovviamente cloud computing.

Il business di Joyent ha le radici piantante nella storia di Sun, ha svolto un ruolo pionieristico nell'adozione della virtualizzazione basata su container e al momento offre prodotti eminentemente cloud come i "container-come-servizio" Triton o lo "storage ad oggetti-come-servizio" di Manta.

Samsung è ora destinata a diventare il principale utilizzatore di Triton e Manta, ha spiegato il CEO di Joyent Scott Hammond, sfruttando le due tecnologie per potenziare i propri servizi telematici, l'offerta mobile e gli aggeggi IoT con vocazione alla scalabilità.
Ma la storia di Joyent non è destinata a diluirsi nell'enorme corpo aziendale del colosso asiatico, rassicura il management del fornitore di servizi cloud a stelle e strisce: i clienti vecchi e nuovi continueranno ad avere accesso ai prodotti Joyent, il brand esisterà anche in futuro, così come continuerà lo sviluppo tecnologico indipendentemente dalle esigenze specifiche di Samsung.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaCES 2016, Samsung tra PC supersottili e IoTIl colosso coreano a Las Vegas per presentare nuovi sistemi ultra-portatili, televisori altrettanto "Ultra" (nei colori) e connettività IoT a tutto spiano. Il frigo intelligente è ovviamente della partita
  • TecnologiaSamsung, la IoT è una piattaformaIl colosso coreano svela l'ennesima piattaforma per la realizzazione di applicazioni IoT, un sistema composto da hardware e software che la corporation propone alle aziende interessate. Anche Fujitsu lavora alla Internet delle Cose, con l'uomo al centro