RIAA denunciata: è un racket

Una degli utenti colpiti dalle major reagisce contro-denunciando: sostiene che minacciare un procedimento che può essere evitato solo pagando è una tattica tipica del crimine organizzato. Si parla di estorsione

Washington (USA) - Scrivere una lettera di diffida ad un utente internet sottolineando che le sue attività possono costargli centinaia di migliaia di dollari e invitandolo a pagarne una piccola parte per evitare di finire nel mezzo di un procedimento giudiziario è una tattica criminale.

Questa è la tesi sollevata da una donna del New Jersey finita tra le centinaia di utenti americani denunciati dalle major della discografia associate nella RIAA.

Stando agli avvocati assunti da Michelle Scimeca, questo il nome dell'utente, la proposta delle major di un "accomodamento extragiudiziale", che arriva dopo una denuncia e che riguarda responsabilità nell'ordine dei centinaia di migliaia di dollari, assomiglia in tutto e per tutto alle avances del racket, dei gangster, del crimine organizzato. Si parla esplicitamente di ricatto.
"Queste tattiche intimidatorie - ha scritto un legale della donna - hanno portato a numerosi accordi firmati da individui che temevano di combattere una istituzione così potente e che si sono sentite vittime di queste azioni e forzati a sborsare i fondi necessari a chiudere le azioni legali anziché opporvisi. Questo tipo di tattiche intimidatorie non sono legali e rappresentano una forma di estorsione".

Come noto, nelle sue lettere agli utenti la RIAA avverte di poter chiedere a ciascuno di loro una somma enorme per ognuno dei brani musicali condivisi sulle reti del peer-to-peer, somme che però, spiegano le major, possono essere ampiamente ridimensionate con un mea culpa e il pagamento di una "transazione amichevole".

Difficile dire come andrà la vicenda di Scimeca che, certo, non avrà vita facile nel dimostrare una equipollenza tra le procedure della malavita organizzata e quelle dell'industria organizzata. Ma va detto che Scimeca non è la sola a tentare di combattere l'offensiva della RIAA.

Le stesse major hanno infatti ammesso che diversi utenti finiti nella lista di quelli denunciati hanno sporto contro-denunce utilizzando strategie diverse. C'è chi sostiene di non essere la persona ricercata o di non avere mai usato il computer. C'è anche chi associa il proprio utilizzo del peer-to-peer a forme di "fair use", cioè ad usi "leciti", come quelli di certa musica a fini didattici. Altri, come il celebre caso di "Nycfashiongirl" di cui si è occupata anche la Electronic Frontier Foundation, hanno contestato le procedure usate dalla RIAA per "smascherare" gli utenti.

Da parte loro le major si sono limitate a dichiarare che ognuno ha il diritto di agire come crede e che, in tribunale, la RIAA porterà tutto il peso delle proprie tesi. Grazie anche, non c'è dubbio, a schiere di avvocati di primo piano.
203 Commenti alla Notizia RIAA denunciata: è un racket
Ordina
  • personalmente ho acquisito un odio immenso per le major, per la siae fimi riaa e tutto il loro bel gruppetto.... sommando poi che loro hanno calpestato i miei diritti e son bravi a sbaritare quando qualcuno pesta loro i piedi sono arrivato a una conclusione: un cd non lo volgio più vedere manco in fotografia e si possono scordare i download a pagamento. dal mio portafogli non uscirà mai più un cent per quella gente.
    torno alla modulazione di frequenza col la non tanto segreta speranza di vederli tutti un domani col culo per terra
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > personalmente ho acquisito un odio immenso
    > per le major, per la siae fimi riaa e tutto
    > il loro bel gruppetto.... sommando poi che
    > loro hanno calpestato i miei diritti e son
    > bravi a sbaritare quando qualcuno pesta loro
    > i piedi sono arrivato a una conclusione: un
    > cd non lo volgio più vedere manco in
    > fotografia e si possono scordare i download
    > a pagamento. dal mio portafogli non
    > uscirà mai più un cent per
    > quella gente.
    > torno alla modulazione di frequenza col la
    > non tanto segreta speranza di vederli tutti
    > un domani col culo per terra

    Quoto tutto, non compravo niente e nemmeno scaricavo niente, ma ora sono convinto che non comprerò mai più nemmeno per regalare niente a nessuno. Il prossimo regalo di compleanno faccio un libro o un maglione, i cd/dvd possono bruciare...
    non+autenticato
  • scusate l'ingenuità... ma funziona? può avere mercato in italia?
    bi
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > scusate l'ingenuità... ma funziona?
    > può avere mercato in italia?
    > bi

    Due tentativi ci sono già:
    http://www.messaggeriedigitali.it/home_download.ph...

    http://sib1.od2.com/common/config.asp?shop=35&asso...
    oppure
    http://music.club.tiscali.it/
    che sono sempre su piattaforma OD2 (in pratica sono lo stesso sito in termini di database, con grafica diversa..e costi diversi, visto che spetta in parte al gestore decidere i prezzi e quanto vuole guadagnarci)

    Vedremo..... Fra abbonamento ormai da un annetto e acquisti io ho già contribuito..Con la lingua fuori
  • sì i fessi ci sono anche qua
    non+autenticato
  • Ma chi siete voi per decidere quanto vale un CD?
    Cmq ok, io vi faccio avere tutti i cd originali che volete, al prezzo che volete voi, però prima facciamo un contratto che lavorate per me 12 ore al giorno, e vi pago 0.50? al giorno (cinquanta centesimi al giorno), dato che SECONDO ME è quello che dovete guadagnare.
    CHI SIETE VOI PER DECIDERE QUANTO VALE UN CD?
    Non siete nessuno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma chi siete voi per decidere quanto vale un
    > CD?
    > Cmq ok, io vi faccio avere tutti i cd
    > originali che volete, al prezzo che volete
    > voi, però prima facciamo un contratto
    > che lavorate per me 12 ore al giorno, e vi
    > pago 0.50? al giorno (cinquanta centesimi al
    > giorno), dato che SECONDO ME è quello
    > che dovete guadagnare.
    > CHI SIETE VOI PER DECIDERE QUANTO VALE UN CD?
    > Non siete nessuno.

    Purtroppo, molti li comprano ancora.
    Io no, assolutamente. E neanche li scarico.
    Hai ragione, non sono nessuno perche` non hanno mai imparato ad organizzarsi.
    In fin dei conti siamo un paese di stupidi, quindi ci meritiamo anche che gente come te ci prenda per i fondelli.
    non+autenticato
  • Polifemo chi ti ha fatto del male?

    Nessuno, nessuno mi ha fatto del male.

    Allora fai la cortesia di non strillare che ce li hai belli che fracassati.



    :@

    ==================================
    Modificato dall'autore il 22/02/2004 1.31.07

  • - Scritto da: Anonimo

    > CHI SIETE VOI PER DECIDERE QUANTO VALE UN CD?
    > Non siete nessuno.

    Ti sbagli, siamo i clienti e in questo gioco contiamo eccome. Almeno fino a quando le case discografiche non faranno musica da far ascoltare esclusivamente ai loro dirigenti e ai loro avvocati, successo o fallimento dipendono da noi. Anche le leggi che le case discografiche si sono pagate in fondo le abbiamo pagate noi, l'arroganza con cui ora ci insultano gliela abbiamo pagata noi, senza i nostri soldi non potrebbero permettersela. Cosa che, mi auguro, accada il prima possibile.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma chi siete voi per decidere quanto vale un
    > CD?

    Ma chi credi di essere tu, che parli senza neanche sapere di cosa stai blaterando!

    Ma credi veramente che andiamo tutti in giro con la bandiera rossa in mano al grido unanime di "espropriazione proletariaaa"!?!

    Come tanti non rubo, e in genere non critico il prezzo dei beni. Le automobili secondo me hanno il prezzo che devono avere (ho sentito qualcuno fare il paragone tra il prezzo dei CD vent'anni fa e quello delle auto nella medesima epoca, peccato che negli ultimi vent'anni le auto siano diventate delle astronavi mentre gli strumenti per produrre un CD siano crollati di prezzo) gli oggetti in oro o in argento anche, gli hi-fi pure ed anche i costosissimi TV al plasma... ma i CD musicali, i giochi delle console e i programmi Microsoft hanno una caratteristica in comune: sono il risultato di un cartello o di un monopolio che ne gonfia i prezzi, criticare i produttori e chiedere una svolta è più che lecito, è una necessità stessa dell'economia di mercato.

    21 euro per un CD: roba da matti!! La musica è arte ma il CD è un miserabile bene di consumo come tanti altri, i discografici devono tornare con i piedi per terra! Non lo fanno? Peggio per loro. Noi possiamo vivere senza la loro musica, loro possono vivere senza i nostri soldi?


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma chi siete voi per decidere quanto vale un
    > CD?
    > Cmq ok, io vi faccio avere tutti i cd
    > originali che volete, al prezzo che volete
    > voi, però prima facciamo un contratto
    > che lavorate per me 12 ore al giorno, e vi
    > pago 0.50? al giorno (cinquanta centesimi al
    > giorno), dato che SECONDO ME è quello
    > che dovete guadagnare.
    > CHI SIETE VOI PER DECIDERE QUANTO VALE UN CD?
    > Non siete nessuno.

    Come non sei nessuno tu, tutto qui.
    Chi sei tu per decidere che valgono il giusto? E adesso per favore, vai a fare qualcosa di utile per la società, signor nulla.
    non+autenticato

  • > Come non sei nessuno tu, tutto qui.
    > Chi sei tu per decidere che valgono il
    > giusto? E adesso per favore, vai a fare
    > qualcosa di utile per la società,
    > signor nulla.

    Io non sono nessuno, come te del resto! E come te non posso decidere quanto pagare una cosa!
    Se io dico che il tuo lavoro vale 50 centesimi ogni 12 ore a te andrebbe bene?
    se ti andrebbe bene, guarda, dopo un mese di lavoro ti offro anche un CD originale come mancia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Come non sei nessuno tu, tutto qui.
    > > Chi sei tu per decidere che valgono il
    > > giusto? E adesso per favore, vai a fare
    > > qualcosa di utile per la società,
    > > signor nulla.
    >
    > Io non sono nessuno, come te del resto! E
    > come te non posso decidere quanto pagare una
    > cosa!

    Si che puoi. Decidi quanto pagarla. Se la trovi al prezzo che hai deciso, o meno, la compri. Altrimenti la lasci li. Mi sembra più che evidente.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma chi siete voi per decidere quanto vale un
    > CD?
    > Cmq ok, io vi faccio avere tutti i cd
    > originali che volete, al prezzo che volete
    > voi, però prima facciamo un contratto
    > che lavorate per me 12 ore al giorno, e vi
    > pago 0.50? al giorno (cinquanta centesimi al
    > giorno), dato che SECONDO ME è quello
    > che dovete guadagnare.
    > CHI SIETE VOI PER DECIDERE QUANTO VALE UN CD?
    > Non siete nessuno.

    perchè per cominciare non provi tu per dare il buon esempio ad andare avanti a 50 centesimi al giorno?? cioè   15? al mese? provaci provaci...
    non+autenticato
  • Siamo il mercato. E tu sei solo un troll.
    non+autenticato
  • Caro Troll, siamo quelli che se non pagassero, i tuoi padroni andrebbero a lavare i vetri ai semafori.
    non+autenticato
  • I CD originali secondo me non sono cari, se per voi lo sono, NON COMPRATELI!
    E' un po' come per i dialer, ma come vi potete permettere di dire che le tariffe sono "care"? a parte il fatto che per i dialer il costo è stato fissato dal governo e non da privati, ma cmq per i CD è la stessa cosa, tutti a boicottare solo perché una cosa che tutti richiedono costa tanto.
    Finitela un po' di sparare sulle major, sui dialer, e sulle altre cose. Se volete che i CD non siano cari, vi basta guadagnare di più, ed invece di stare a "lavorare" (o meglio far finta di lavorare) in un ufficio, pagati dallo stato, datevi da fare e fate qualcosa nella vostra vita, vedrete che se ne siete capaci, non vi lamenterete più dei CD.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Finitela un po' di sparare sulle major, sui
    > dialer, e sulle altre cose.

    Adesso ti metti anche a difendere i dialer? E perchè non Saddam Hussein o Fidel Castro? Sei ridicolo.

    Se volete che i
    > CD non siano cari, vi basta guadagnare di
    > più, ed invece di stare a "lavorare"
    > (o meglio far finta di lavorare) in un
    > ufficio, pagati dallo stato, datevi da fare
    > e fate qualcosa nella vostra vita, vedrete
    > che se ne siete capaci, non vi lamenterete
    > più dei CD.

    Ma torna tu a lavurar. Se sei felice di regalare 21 euro a CD a quei parassiti della SIAE e a un'intera organizzazione discografica che ormai è superata e satura di intermediari allora vuol dire che i soldi non li guadagni ma li rubi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > I CD originali secondo me non sono cari, se
    > per voi lo sono, NON COMPRATELI!
    > E' un po' come per i dialer, ma come vi
    > potete permettere di dire che le tariffe
    [CUT]
    > più, ed invece di stare a "lavorare"
    > (o meglio far finta di lavorare) in un
    > ufficio, pagati dallo stato, datevi da fare
    > e fate qualcosa nella vostra vita, vedrete
    > che se ne siete capaci, non vi lamenterete
    > più dei CD.

    Scusa ma... a te l'ha detto il medico di frequentare questo forum?
    No, e allora trolla altrove.
    Nessuno ti ha cercato; ed anche tu non mi sembri molto interessato al forum visto che non hai speso nemmeno i 2 secondi necessari a registrarti.
    Per cui, vattene e non tornare.
    Sta' pru tranquillo che nessuno sentira' la tua mancanza.
  • Io ho il diritto di frequentare qualsiasi forum che mi piaccia, e secondo l'articolo 21 della costituzione, ho il diritto di esprimere il mio pensiero.
    Io resto, se non vuoi leggermi VATTENE TU!

    > Scusa ma... a te l'ha detto il medico di
    > frequentare questo forum?
    > No, e allora trolla altrove.
    > Nessuno ti ha cercato; ed anche tu non mi
    > sembri molto interessato al forum visto che
    > non hai speso nemmeno i 2 secondi necessari
    > a registrarti.
    > Per cui, vattene e non tornare.
    > Sta' pru tranquillo che nessuno sentira' la
    > tua mancanza.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Io ho il diritto di frequentare qualsiasi
    > forum che mi piaccia, e secondo l'articolo
    > 21 della costituzione, ho il diritto di
    > esprimere il mio pensiero.
    > Io resto, se non vuoi leggermi VATTENE TU!

    Ma falla finita... e poi non venire a parlare di articolo 21 in italia, qui non si può più esprimere niente senza prendersi una manganellata.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Finitela un po' di sparare sulle major, sui
    > dialer, e sulle altre cose. Se volete che i
    > CD non siano cari, vi basta guadagnare di
    > più, ed invece di stare a "lavorare"
    > (o meglio far finta di lavorare) in un
    > ufficio, pagati dallo stato, datevi da fare
    > e fate qualcosa nella vostra vita, vedrete
    > che se ne siete capaci, non vi lamenterete
    > più dei CD.

    ma chi sei??? il figlio del Berlusca per sparare simili ca***te???? quanto guadagni al mese????
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > I CD originali secondo me non sono cari, se
    > per voi lo sono, NON COMPRATELI!

    Infatti!

    > governo e non da privati, ma cmq per i CD
    > è la stessa cosa, tutti a boicottare
    > solo perché una cosa che tutti
    > richiedono costa tanto.

    Normale. Si chiama "mercato".

    > Finitela un po' di sparare sulle major, sui
    > dialer, e sulle altre cose. Se volete che i
    > CD non siano cari, vi basta guadagnare di
    > più, ed invece di stare a "lavorare"
    > (o meglio far finta di lavorare) in un
    > ufficio, pagati dallo stato, datevi da fare

    Piano. Intanto non mi paga lo stato, ma la ditta per cui lavoro. E non mi sembri proprio tu quello che possa sindacare se IO lavoro o faccio finta.
    Sul guadagnare di piu', e' evidente che stai parlando sotto l'effetto di una dose di Trollina, e ti perdono.

    > e fate qualcosa nella vostra vita, vedrete
    > che se ne siete capaci, non vi lamenterete
    > più dei CD.

    Onestamente ci son cose piu' urgenti ed importanti, e' vero. Ma anche su questioni di secondo piano, come la "battaglia" delle majors, l'esser presi per le terga da assai fastidio.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 21/02/2004 19.28.16
    Rey_
    146
  • - Scritto da: Anonimo
    > I CD originali secondo me non sono cari, se
    > per voi lo sono, NON COMPRATELI!

    e perché dovrei darti retta?
  • come da oggetto.........
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > I CD originali secondo me non sono cari,

    se lo dici tu...

    > se
    > per voi lo sono, NON COMPRATELI!

    mi hai convinto

    > E' un po' come per i dialer, ma come vi
    > potete permettere di dire che le tariffe
    > sono "care"?

    ah tu solo puoi dire cosa è caro e cosa no?
    Azzo stai coi dialer? Siamo a posto.

    >a parte il fatto che per i
    > dialer il costo è stato fissato dal
    > governo e non da privati,

    urca e allora tutti zitti e mosca

    > ma cmq per i CD
    > è la stessa cosa, tutti a boicottare
    > solo perché una cosa che tutti
    > richiedono costa tanto.

    non è un buon motivo?

    > Finitela un po' di sparare sulle major, sui
    > dialer, e sulle altre cose.

    l'associazione major - dialer la stai facendo tu, singolare difendere associando la sorte del difeso a chi è ancor meno difendibile.

    >Se volete che i
    > CD non siano cari, vi basta guadagnare di
    > più,

    toh, un fine economista, il vi basta già dice tutto, poi sai che motivazione all'arricchimento per poter comprare qualcosa che per poco non te la tirano dietro e in più, secondo te è possibile far guadagnare tanto tutti quelli che ora condividono senza far lievitare di conseguenza il prezzo dei cd? Il tuo ragionamento è questo, non tutti possono permettersi i cd che sono riservati solo a chi ha un certo reddito gli altri si arrangino, che è quanto avviene ora, gli altri si arrangiano.

    >ed invece di stare a "lavorare"
    > (o meglio far finta di lavorare) in un
    > ufficio, pagati dallo stato,

    :|

    senza parole

    >datevi da fare
    > e fate qualcosa nella vostra vita, vedrete
    > che se ne siete capaci, non vi lamenterete
    > più dei CD.

    ho capito che non hai problemi a comprare i cd ma allora visto che per te non è un problema e non ti preoccupi dei problemi degli altri perché non te ne vai a comprare una camionata e ritorni quando hai finito di scassarti i timpani invece di scassare qui?

    vai va
  • Ehm
    i cd sono cari
    la cosa peggiore e' che agli artisti in tasca entra poco
    chi mangia?
    i distributori
    mangiano troppo
    se segate le zampe a loro, gli artisti campano.

    le major... reggono il gioco ai distributori.

    meglio lavorare con etichette medie.
    :)
  • Non è possibile che ogni notizia che riguardi la pirateria veda una presa di posizione massiccia contro le major ed in generale contro chi combatte la pirateria. Questo forum è un covo di pirati, non c'è altra spiegazione!
    Se non vi aggradano i prezzi con cui vengono venduti gli audiovisivi e i programmi NON COMPRATELI, nessuno vi obbliga a farlo. Non esistono contestazioni del tipo " il prezzo dei cd è troppo alto": il prezzo di un bene lo fa chi lo produce, non chi lo compra! Certo se non lo compra nessuno poi probabilmente quel prezzo verrà abbassato, però è sempre chi produce che lo decide!
    Gli audiovisivi e i software non sono beni di prima necessita senza i quali si muore: c'è una differenza sostanziale fra il pane è un mp3 mi pare! Lo faccio notare perché qui spesso si parla degli mp3 come se fossero beni di prima necessità: ma dico stiamo scherzando? Il prezzo dei beni di prima necessità deve essere tenuto sotto controllo data la sua importanza sociale, mentre il prezzo dei beni di lusso deve essere lasciato libero dato che non muore nessuno se tali beni costano tanto.
    Tutte queste considerazioni, che dovrebbero essere ovvie per qualsiasi persona civile, sono bellamente ignorate su questo forum. Perché? Siete tutti ignoranti? No non credo: la verità è semplicemente che vi piace rubare il lavoro altrui.
    Perché non mettete in condivisione la vostra casa, la vostr auto, il vostro conto in banca?
    Quando si tratta delle vostre proprietà però il vostro comportamento rientra molto rapidamente nei ranghi della logica e questo dimostra che siete ladri, egoisti e menefreghisti. Volete esserlo? No problem (almeno per me, per la GdF mi sa che di problemi ce ne sarebbero eccome), però almeno siate sinceri ed ammettetelo apertamente, senza arrampicarvi sugli specchi con scuse inverosimili e ridicole.

    PS 1: Mi scuso con tutti quegli utenti del forum che non sono pirati, ma usando il plurale mi riferisco solo a quelli che effettivamente lo sono, che sono comunque in larga maggioranza.

    PS 2: Non sono figlio di major, socio SIAE e cazzate simili, solo un utente come tanti che però è coerente e vorrebbe che anche gli altri lo fossero.
    non+autenticato
  • All'arrembaggio!
    non+autenticato
  • siccome la Siae si fa pagare anche quando non le spetta (ad esempio a teatro, o il caso ben più eclatante della tassa sui media vergini), siccome ci stanno proibendo il diritto della copia di backup con le loro protezioni scassatimpani, siccome hanno tremendamente paura che la gente, scoprendo generi differenti col P2P, smetta di considerare la musica come un bene di consumo (al pari degli spazzolini, o dei libri di wilbur smith), e inizia a pensare alla musica come bene culturale, pretendendo un'adeguamento nella struttura distributiva che giocoforza distribuirebbe anche in maniera meno centralizzata il denaro (con sommo dispiacere delle majors, a vantaggio delle case discografiche più piccole), SICCOME VOGLIONO GUERREGGIARE AFFINCHE' GLI OLIGOPOLISTI POSSANO RIMANERE IN CIMA ALLA LORO PIRAMIDE A DECIDERE COSA SI PUO' VENDERE E COSA NON SI TROVERA' MAI NE' NEI NEGOZI NE' ALTROVE,

    beh. Avranno guerra.


    avvelenato che prima della morte di AudioGalaxy era quasi rispettosissimo del (C)

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non è possibile che ogni notizia che
    > riguardi la pirateria veda una presa di
    > posizione massiccia contro le major ed in
    > generale contro chi combatte la pirateria.
    > Questo forum è un covo di pirati, non
    > c'è altra spiegazione

    purtroppo evdo che non hai capito per niente le contestazioni in oggetto..vediamo di chiarirla di nuovo per l'ennesima volta: se tu vedi lo stesso CD in vendita da un marocchino epr strada a 8 euro e lo stesso nei negozi a 20-25 euro quale preferisci prendere? la maggior parte dal marocchino. Questo eprchè? perchè il CD originale costa troppo. E allora ecoc he le case si lamentano e piangono a dirotto: siamo costretti ad aumentare i prezzi per la pirateria. Ma che balal clamorosa!!! se non los ai ancora solo il 9% del totale del rpezzo va agli autori, cioè in pratica circa 2 euro e rotti: e il resto??? a chi va??? a tutti quelli che ci devono mangiare, che vogliono la loro fetta: SIAE, distributori, negozianti, grossisti e chi più ne ha più ne metta.
    Vogliamo combattere la pirateria seriamente? prezziamo i CD a 7-8 euro, max 10: in questo modo A) nessuno comrperà più lo stesso CD taroccato dal marocchino 2) non converrebbe neppure scaricarlo da internet a quel prezzo. Sì mi dirai, ma le case cosa ci guadagnerebbero a quel prezzo? se te pensi che in tal modo la pirateria finirebbe si venderebbero 10, anche 100 volte più CD di adesso: altro che guadagni!!!!
    ma le major non ci sentono, e ciò vuol dire che ci prendono per il culo o sbaglio??? è stato dimostrato che chi scarica muscia poi compra il CD,anche perchè uno non ha voglia di spendere 25 euro magari per un CD dove su 10 canzoni solo 2 sono belle... quyesta sì che è una fregatura solenne!!!
    e la SIAE??? dato che siamo tutti pirati fetenti ci aumentano pure il prezzo sui CD vergini applicando ad una tassa che andrà a compensare gli autori per i mancati introiti..già Lucio Dalla e Jovanotti ne hanno bisogno di quei centesimi vero???? ma poi stà tassa chevoddì?? che abbiamo il cuore in pace e quindi possiamo scopiazzare quel che vogliamo???
    cara vecchia SIAE...Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Vogliamo combattere la pirateria seriamente?
    > prezziamo i CD a 7-8 euro, max 10: in questo
    > modo A) nessuno comrperà più
    > lo stesso CD taroccato dal marocchino 2) non
    > converrebbe neppure scaricarlo da internet a
    > quel prezzo. Sì mi dirai, ma le case
    > cosa ci guadagnerebbero a quel prezzo? se te
    > pensi che in tal modo la pirateria finirebbe
    > si venderebbero 10, anche 100 volte
    > più CD di adesso: altro che
    > guadagni!!!!

    pur condividendo il tono generale del tuo post, penso che sia assolutamente fuorviante la tua affermazione qua sopra da me riportata.

    Al massimo venderebbero a quei prezzi un 150% in più, ma proprio al massimo.

    Le case cosa ci guadagnerebbero a quel prezzo? Rispondo io: l'arte del risparmio.

    Togliere infiniti intermediari.
    Incominciare a vendere on line direttamente all'utente finale (a prezzi convenienti)
    Eliminare i ricarichi dove possibile.
    Ridurre l'iva al 4% (beni culturali, non beni di consumo per giuda!)
    Evitare sperperi.

    Ecco dove guadagnerebbero.

    Se poi si proponesse di ABOLISSE totalmente quella società di massoni e mafiosi che altri non è la SIAE, e di creare agevolazioni per i locali che decidessero di ospitare gruppi live a prezzo ridotto o gratuito, si potrebbero anche ridurre le spese di promozione con passaggi radio e video sprecasoldi pieni di 3d e poveri di idee in assoluto, e si favorirebbe la crescita di una cultura musicale tutta italiana, cosa che invece si vuole assolutamente impedire (forse è meglio venderci le robe americane, così che il loro colonialismo culturale possa procedere ai ritmi stabiliti?)
  • > Al massimo venderebbero a quei prezzi un
    > 150% in più, ma proprio al massimo.

    Condivido una volta tanto il parere dell'Avvelenato. Coi prezzi dimezzati le vendite, se proprio va di lusso, raddoppierebbero. In pratica il guadagno calerebbe.

    Peraltro, se ci pensate un secondo, se vendo 10 pezzi a 20 e 20 pezzi a 10 il guadagno maggiore, a parità di spese fisse, ce l'ho nel primo caso!
    10x(20-3)=170
    20x(10-3)=140

    Prendere la calcolatrice prima di scrivere ogni tanto sarebbe utile.


    > Le case cosa ci guadagnerebbero a quel
    > prezzo? Rispondo io: l'arte del risparmio.

    Quella si può applicare anche con i prezzi attuali, guadaganndoci ancora di più! Dal punto di vista economico tagliare drasticamente i prezzi è una ca**ata pura e semplice!
    E le rioriganizzazioni hanno sempre un notevole costo economico! Non sono mai aggratis, ANZI, l'esatto opposto, sono l'investimento più costoso ed incerto in assoluto, nella maggioranza dei casi!


    > Se poi si proponesse di ABOLISSE totalmente
    > quella società di massoni e mafiosi
    > che altri non è la SIAE

    L'equivalente SIAE esiste in tutti i paesi del globo. Casomai va liberalizzato il settore della gestione dei diritti, introducendo ditte concorrenti. E non c'entra una fava con deliranti cospirazioni contro la musica di qualità o per la crescita della musica italiana.

    Quando la capirete che la musica di qualità è apprezzata da pochi perchè a pochi interessa veramente la musica? Alla maggior parte della gente basta il pezzo di Britney per passare il tempo. Prendete un po' di amici commerciali e fategli ascoltare musica di qualità. Vedrete i risultati (deludenti).


    Nota finale: la SIAE prende soldi a teatro perchè dei soldi devono andare anche allo scrittore dello spettacolo, che cavolo!!!

  • > purtroppo evdo che non hai capito per niente
    > le contestazioni in oggetto..vediamo di
    > chiarirla di nuovo per l'ennesima volta: se
    > tu vedi lo stesso CD in vendita da un
    > marocchino epr strada a 8 euro e lo stesso
    > nei negozi a 20-25 euro quale preferisci
    > prendere? la maggior parte dal marocchino.
    > Questo eprchè? perchè il CD
    > originale costa troppo.
    e perche' il cd originale viene forzatamente tenuto a costare 20 o piu' euro? ci ha mai pensato? risposta: perche' cosi' te lo vai a comprare dal marocchino. chi credi che sia a rifornire il mercato nero di cd/dvd masterizzati/contraffatti? pensi che ci sia piu' guadagno in un cd da 20 euro da cui devi detrarre tasse ed imposte od in un cd venduto al ribasso nel mercato nero? la seconda che hai detto...il mercato "regolare" e' solo uno specchio per le allodole e nessuno qui lo ha mai capito, rotfl






    E allora ecoc he le
    > case si lamentano e piangono a dirotto:
    > siamo costretti ad aumentare i prezzi per la
    > pirateria. Ma che balal clamorosa!!! se non
    > los ai ancora solo il 9% del totale del
    > rpezzo va agli autori, cioè in
    > pratica circa 2 euro e rotti: e il resto???
    > a chi va??? a tutti quelli che ci devono
    > mangiare, che vogliono la loro fetta: SIAE,
    > distributori, negozianti, grossisti e chi
    > più ne ha più ne metta.
    > Vogliamo combattere la pirateria seriamente?
    > prezziamo i CD a 7-8 euro, max 10: in questo
    > modo A) nessuno comrperà più
    > lo stesso CD taroccato dal marocchino 2) non
    > converrebbe neppure scaricarlo da internet a
    > quel prezzo. Sì mi dirai, ma le case
    > cosa ci guadagnerebbero a quel prezzo? se te
    > pensi che in tal modo la pirateria finirebbe
    > si venderebbero 10, anche 100 volte
    > più CD di adesso: altro che
    > guadagni!!!!
    > ma le major non ci sentono, e ciò
    > vuol dire che ci prendono per il culo o
    > sbaglio??? è stato dimostrato che chi
    > scarica muscia poi compra il CD,anche
    > perchè uno non ha voglia di spendere
    > 25 euro magari per un CD dove su 10 canzoni
    > solo 2 sono belle... quyesta sì che
    > è una fregatura solenne!!!
    > e la SIAE??? dato che siamo tutti pirati
    > fetenti ci aumentano pure il prezzo sui CD
    > vergini applicando ad una tassa che
    > andrà a compensare gli autori per i
    > mancati introiti..già Lucio Dalla e
    > Jovanotti ne hanno bisogno di quei centesimi
    > vero???? ma poi stà tassa
    > chevoddì?? che abbiamo il cuore in
    > pace e quindi possiamo scopiazzare quel che
    > vogliamo???
    > cara vecchia SIAE...Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non è possibile che ogni notizia che
    > riguardi la pirateria veda una presa di
    > posizione massiccia contro le major ed in
    > generale contro chi combatte la pirateria.
    > Questo forum è un covo di pirati, non
    > c'è altra spiegazione!

    Invece il posto da cui provieni tu deve essere evidentementeun circolo di individui ormai completamente privi del benchè minimo spirito critico, lobotomizzati dalla TV e dalla pubblicità che credono ciecamente in tutto quello che il potente dice o fa. Poveri noi.

    Non so francamente dove sei abituato a discutere dell'attuale strategia dell'industria del disco, dei cartelli, delle lobby e delle leggi da loro volute, ma sappi che questo non è un edulcolorato, omogeneizzato e silenziato forum governato col pugno di ferro, magari su un sito sponsorizzato da Microsoft, Sony o compagnia, quindi le opinioni sono esattamente quelle che troveresti domandando in giro.

    E prima di permetterti di giudicare tutti con una così scarsa capacità di argomentazione quando il dibattito qui ha toccato ben altri temi e ben altre profondità faresti meglio a leggere gli altri post, gli altri articoli e ad intervenire sullo specifico senza insultare il prossimo.

    Luke

    non+autenticato
  • Ti hanno gia' risposto piu' che bene.
    Voglio solo associarmi a quanto ha detto Avvelenato: vogliono la guerra, e la avranno.

    Ci trattano da pirati, cercano di demonizzare il P2P, impongono un'IVA assurda ed una tassa sul supporto vergine quale "rimborso preventivo" per copie non autorizzate, tassa che paghiamo pure per farci un normalissimo backup.
    E poi ci vogliono pure far passare per delinquenti, stai a vedere che il crack PArmalat alla fine e' anche colpa nostra.

    La mettono cosi'? OK. Vediamo chi rimarra' a galla.

  • - Scritto da: JRoger
    > Ti hanno gia' risposto piu' che bene.
    > Voglio solo associarmi a quanto ha detto
    > Avvelenato: vogliono la guerra, e la
    > avranno.
    >
    > Ci trattano da pirati, cercano di
    > demonizzare il P2P, impongono un'IVA assurda
    > ed una tassa sul supporto vergine quale
    > "rimborso preventivo" per copie non
    > autorizzate, tassa che paghiamo pure per
    > farci un normalissimo backup.
    > E poi ci vogliono pure far passare per
    > delinquenti, stai a vedere che il crack
    > PArmalat alla fine e' anche colpa nostra.
    >
    > La mettono cosi'? OK. Vediamo chi rimarra' a
    > galla.

    Sono quello che ha aperto questo thread.
    Tutte le risposte che ho ricevuto evitano rigorosamente quello che a mio avviso invece è il punto centrale della questione: gli audiovisivi sono un bene di lusso e quindi se ne può fare benissimo a meno. Se mi costa tanto il pane ho tutte le ragioni di incazzarmi, ma se costa tanto un cd semplicemente non lo compro, non vedo dove sia il problema. Il fatto che il prezzo è alto non mi autorizza ad appropriarmene illegalmente a costo zero o a costo irrisorio.
    Sono d'accordo con te sul fatto che il prezzo dei cd dovrebbe diminuire di molto, che le major dovrebbero puntare molto di più sulle piattaforme online e via dicendo, però tutto ciò non ha niente a che vedere con il furto sistematico che avviene sul p2p. Qui c'è gente che snocciola dati presi dal nulla: uno diceva prima che "è dimostrato " che chi scarica dal p2p compra più cd. Chi lo ha dimostrato? Dov'è la fonte che lo dice? Non citare le fonti di cifre che si fanno è sinonimo di poca attendibilità.
    Poi tu mi parli di guerra eccetera: ma non esageriamo... si tratta solo di forti divergenze sul prezzo degli audiovisivi, che si risolve molto semplicemente, ma anche molto efficacemente, non comprando le loro merci. Questo è il vero modo di condurre la guerra contro i prezzi: quando le major e compagnia vedrebbero i loro profitti crollare verticalmente vedi come per magia i prezzi si dimezzerebbero.
    Dopo tutto sono aziende pure loro e basano la loro forza sul profitto, se viene a mancare questo scompaiono pure loro: quando ci sarebbe in ballo la loro stessa esistenza penso proprio che tutte le cazzate che hanno inventato per giustificare il prezzo dei cd scomparirebbero magicamente.
    Il p2p paradossalmente è il mezzo meno adatto per fare questa guerra ai prezzi degli audiovisivi: questo perché è illegale e fornisce alle major un alibi per tenere i prezzi alti. (Quanto poi questa giustificazione sia vera è un altro discorso, io personalmente penso che il p2p incida poco o nulla sul prezzo dei cd, ma comunque questo non cambia il fatto che le major usano il p2p come pretesto).
    Poi ovviamente ho letto anche gli insulti di uno che mi diceva che mi bevo tutto quello che mi dicono i media e i potenti: in base a quale criterio poi? Mi conosce? Non credo proprio.
    Non capisco come certa gente si permetta di fare osservazioni senza fondamento. Solo perché hanno opinioni diverse dalle mie si devono permettere di disquisire sulla qualità delle mie opinioni? Chi glielo da questo diritto?
    Di questi tempi chi non si unisce alla crociata anti-major e a favore dei poveri utilizzatori del p2p viene sbranato qua.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Dopo tutto sono aziende pure loro e basano
    > la loro forza sul profitto, se viene a
    > mancare questo scompaiono pure loro: quando
    > ci sarebbe in ballo la loro stessa esistenza
    > penso proprio che tutte le cazzate che hanno
    > inventato per giustificare il prezzo dei cd
    > scomparirebbero magicamente.
    > Il p2p paradossalmente è il mezzo
    > meno adatto per fare questa guerra ai prezzi
    > degli audiovisivi: questo perché
    > è illegale e fornisce alle major un
    > alibi per tenere i prezzi alti.

    sai che ci stai dando ragione con queste parole???? chi scrive qua è gente incavolata che vorrebbe proprio questo: se noi non compriamo i loro profitti scenderanno paurosamente e proprio per questo il P2P ci accorre in aiuto: con esso SIAE, RIAA & company hanno paura di non avere più i soldi necessari per comprarsi ultimo idromassaggio della Jacuzzi o per andare alle Seychelles... e allora si scagliano sul grande nemico..ma ricordiamoci che se non fosse mai esistita la pirateria l'informatica non avrebbe avuto il booom di oggi...i computer in tal caso sarebbero solo il giocattolo per qualche ricco manager e stop...passiamo pure al campo del software con un piccolo esempio: credi che tutti i programmatori che ci sono in giro (e pure bravi) avrebbero potuto diventare tali se avessero dovuto acquistare Visual Studio originale, con quel che costa? non credo proprio..
    e i giochi per PC-XBOX-PS2???? costano una cifra folle, 60-70 euro e rotti!!!! ma sono malati di mente quelli delle grosse major del software..per il ragazzino che compra la PS2 e vede che i giochi costano troppo è meglio farsi copiare i giochi dall'amico col masterizzatore, no????
    vedi, diciamo pure che le grosse case ci COSTRINGONO a fare così: del resto in un altra discussione hai visto che parlevamo di come si vanno diffondendo i lettori DVD-DIVX da tavolo: non mi verrai a dire che tu ne compri uno per vedere i filmini delle tue vacanze riversati dalla telecamera digitale in formato DivX vero???? come la chiameresti questa? io direi istigazione a delinquere...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 30 discussioni)